Arresto cardiaco: cacciati perchè disturbavano i clienti!
Arresto cardiaco: cacciati perchè disturbavano i clienti!
Pubblicità

E’ una vera tragedia. Una bambina di 8 anni è deceduta a causa di un arresto cardiaco improvviso. A nulla sono serviti i soccorsi. Tutto è avvenuto a scuola.

Il caso riapre la discussione sulla necessità di formare anche insegnanti e docenti sulle manovre di rianimazione cardio-polmonare (RCP). A darne notizia il quotidiano on line Notizie.it. La tragedia è avvenuta nei pressi di Roma. Il malore della bambina risale allo scorso 22 ottobre. Era a scuola. Trasferita d’urgenza al “Gemelli” non è stato possibile salvarla in alcun modo.

E’ morta in classe a causa di un arresto circolatorio. Il decesso è sopraggiunto nella mattinata di mercoledì 23 ottobre, ma il malore risale al giorno precedente. Il dramma si è consumato nella scuola Espazia di Monterotondo. Prevista l’autopsia nei prossimi giorni.

L’allarme scattato immediatamente.

L’allarme è scattato intorno alle ore 14 di martedì 22 ottobre. Il personale scolastico ha chiamato i soccorritori del 118, intervenuti insieme alla Polizia Locale, dichiarando che la bimba aveva gravi difficoltà respiratorie. I medici accorsi alla scuola hanno eseguito le manovre di primo soccorso e hanno tentato di rianimarla, ma, date le condizioni critiche in cui versava la piccola, hanno deciso di trasferirla d’urgenza all’ospedale di Monterotondo.

Il personale del nosocomio è riuscita a far ripartire il cuore della bimba, che però non ha ripreso coscienza.

La piccola è stata dunque trasportata in elisoccorso al policlinico Gemelli, dove è deceduta il giorno successivo. Le autorità hanno disposto l’esecuzione dell’esame autoptico, che si terrà nei prossimi giorni per stabilire le cause della morte.

Pochi giorni prima, una bambina di 5 anni è morta durante una lezione nella scuola di danza che frequentava. È avvenuto a Cardito, in provincia di Napoli. La piccola ha accusato un malore, ma le esatte cause del decesso sono ancora in fase di accertamento. Tutti i tentativi di rianimazione da parte dei medici del pronto soccorso del San Giovanni di Dio di Frattamaggiore si sono rivelati inutili.

Fonte: Notizie.it – AssoCareNews.it