histats.com
domenica, Settembre 26, 2021
Pubblicità
HomeCronacaAmbienteStudi scientifici dimostrano che l'inquinamento dell'aria aumenta il rischio di Alzheimer.

Studi scientifici dimostrano che l’inquinamento dell’aria aumenta il rischio di Alzheimer.

L’inquinamento dell’aria aumenta il rischio di sviluppare Alzheimer e demenza. Studi scientifici riconosciuti dall’Alzheimer’s Association hanno dimostrato il nesso.

Migliorare la qualità dell’aria può migliorare la funzione cognitiva e ridurre il rischio di demenza, secondo diversi studi ha riferito oggi presso l’Alzheimer Association International Conference (AAIC) 2021 a Denver e praticamente.

Rapporti precedenti hanno collegato l’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico con l’accumulo di placche cerebrali legate al morbo di Alzheimer, ma questa è la prima prova accumulata che la riduzione dell’inquinamento, in particolare del particolato fine nell’aria e degli inquinanti dalla combustione del carburante, è associata a un rischio inferiore della demenza per tutte le cause e del morbo di Alzheimer.

I risultati degli studi.

Sia i crescenti livelli di inquinamento atmosferico che i crescenti casi di demenza sono crisi di salute pubblica mondiale. Sebbene la ricerca abbia precedentemente collegato la qualità dell’aria e la cognizione, questi nuovi dati all’AAIC 2021 esplorano come gli inquinanti atmosferici potrebbero avere un impatto sulla demenza e cosa potrebbe significare ridurli per la salute del cervello a lungo termine. Tra i risultati chiave ci sono:

  • La riduzione del particolato fine (PM2,5) e degli inquinanti legati al traffico (NO2) per il 10% dell’attuale standard dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente (EPA) in 10 anni è associata a una riduzione del 14% e del 26% del rischio di demenza e a un rallentamento cognitivo declino, nelle donne anziane degli Stati Uniti. Questi benefici si sono verificati nelle donne indipendentemente dalla loro età, livello di istruzione, regione geografica in cui vivevano e se avevano malattie cardiovascolari;
  • La riduzione della concentrazione di PM2,5 in 10 anni è stata associata a un rischio ridotto di demenza per tutte le cause nei soggetti francesi del 15% e di malattia di Alzheimer del 17% per ogni microgrammo di inquinante gassoso per metro cubo di aria (µg/m3) diminuzione nel PM2.5;
  • L’esposizione a lungo termine agli inquinanti atmosferici è stata associata a livelli più elevati di beta amiloide nel sangue in un’ampia coorte statunitense, mostrando una possibile connessione biologica tra la qualità dell’aria e i cambiamenti fisici del cervello che definiscono l’Alzheimer.

Inquinamento atmosferico e beta amiloide.

“Sappiamo da tempo che l’inquinamento atmosferico è dannoso per il nostro cervello e la salute generale, inclusa una connessione con l’accumulo di amiloide nel cervello”, ha detto Claire Sexton, DPhil, direttore dei programmi scientifici e della divulgazione dell’Alzheimer’s Association. “Ma ciò che è eccitante è che ora vediamo dati che mostrano che il miglioramento della qualità dell’aria può effettivamente ridurre il rischio di demenza. Questi dati dimostrano l’importanza delle politiche e delle azioni dei governi federali e locali e delle imprese che affrontano la riduzione degli inquinanti atmosferici».

Il miglioramento della qualità dell’aria può rallentare il declino cognitivo e ridurre il rischio di demenza nelle donne anziane degli Stati Uniti.

Sebbene gli studi abbiano scoperto che una migliore qualità dell’aria è associata a una migliore salute respiratoria e a una maggiore aspettativa di vita, non è noto se una migliore qualità dell’aria possa anche migliorare la salute del cervello. Per indagare ulteriormente su questo, Xinhui Wang, Ph.D., assistente professore di neurologia di ricerca presso la University of Southern California, e colleghi hanno studiato se le donne anziane che vivono in luoghi con una maggiore riduzione dell’inquinamento atmosferico possono avere un declino più lento della loro funzione cognitiva ed essere meno probabilità di sviluppare demenza.

Wang e il team hanno esaminato un gruppo di donne anziane (di età compresa tra 74 e 92 anni) negli Stati Uniti provenienti dal National Institutes of Health, finanziato dalla Women’s Health Initiative Memory Study-Epidemiology of Cognitive Health Outcomes (WHIMS-ECHO) che non avevano demenza al inizio dello studio. I partecipanti sono stati seguiti dal 2008 al 2018 e ogni anno sono stati eseguiti test dettagliati sulla funzione cognitiva per determinare se avessero sviluppato demenza. Sono stati annotati gli indirizzi di casa dei partecipanti e sono stati utilizzati modelli matematici per stimare i livelli di inquinamento atmosferico in questi luoghi nel tempo.

I ricercatori hanno scoperto che, in generale, la qualità dell’aria è notevolmente migliorata nei 10 anni precedenti l’inizio dello studio. Durante una mediana di sei anni di follow-up, le funzioni cognitive tendevano a diminuire con l’età delle donne, come previsto. Tuttavia, per coloro che vivono in luoghi con una riduzione maggiore per il 10% dell’attuale standard EPA sia in PM2,5 (particelle fini 30 volte più sottili di un capello umano) che in NO2 (indicatore di inquinanti legati al traffico), il loro rischio di la demenza è diminuita del 14% e del 26%. Questo era simile al livello di rischio più basso osservato nelle donne di due o tre anni più giovani.

Sono stati osservati anche benefici per un declino più lento della funzione cognitiva e della memoria complessive, simile alle donne di uno o due anni più giovani, e su test specifici di memoria di lavoro, memoria episodica e funzione di attenzione/esecutiva – domini cognitivi con declino precoce rilevabile nella demenza in fase preclinica fase. Questi benefici sono stati osservati indipendentemente dall’età, dal livello di istruzione, dalla regione geografica in cui vivevano e dal fatto che avessero malattie cardiovascolari.

“I nostri risultati sono importanti perché rafforzano le prove che alti livelli di inquinamento dell’aria esterna in età avanzata danneggiano il nostro cervello e forniscono anche nuove prove che migliorando la qualità dell’aria potremmo essere in grado di ridurre significativamente il rischio di declino cognitivo e demenza”, Wang. disse. “I possibili benefici riscontrati nei nostri studi si sono estesi a una varietà di abilità cognitive, suggerendo un impatto positivo su più regioni cerebrali sottostanti”.

La riduzione del particolato fine è associata a un rischio ridotto di demenza negli anziani francesi.

In uno studio strutturato in modo simile, Noemie Letellier, Ph.D., borsista post-dottorato presso l’Università della California, San Diego, e colleghi hanno lavorato con lo studio francese Three-City, un’ampia coorte di oltre 7.000 partecipanti di età pari o superiore a 65 anni, per indagare sui collegamenti tra l’esposizione all’inquinamento atmosferico e il rischio di demenza. I ricercatori hanno osservato una riduzione della concentrazione di PM2,5 tra il 1990 e il 2000, che era associata a un rischio ridotto del 15% di demenza per tutte le cause e a un rischio ridotto del 17% di malattia di Alzheimer per ogni microgrammo di inquinante gassoso per metro cubo di aria (µg /m3) diminuzione del PM2,5, indipendentemente da fattori socio-demografici e comportamentali sulla salute, e del genotipo APOE.

“Questi dati, per la prima volta, evidenziano gli effetti benefici della riduzione dell’inquinamento atmosferico sull’incidenza della demenza negli anziani”. disse Letellier. “I risultati hanno importanti implicazioni per rafforzare gli standard di qualità dell’aria per promuovere un invecchiamento sano. Nel contesto del cambiamento climatico, della massiccia urbanizzazione e dell’invecchiamento della popolazione mondiale, è fondamentale valutare con precisione l’influenza del cambiamento dell’inquinamento atmosferico sulla demenza incidente per identificare e raccomandare strategie di prevenzione efficaci”.

L’inquinamento atmosferico a lungo termine è associato all’aumento delle placche
di beta amiloide.

L’accumulo di placche di beta amiloide è uno dei segni distintivi della malattia di Alzheimer. Sebbene negli studi sugli animali e sull’uomo sia stata trovata una relazione tra l’inquinamento atmosferico e l’aumento della produzione di beta amiloide , si sa relativamente poco sugli effetti dell’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico sulla beta amiloide.

Christina Park, dottoranda presso il Dipartimento di Epidemiologia dell’Università di Washington, e colleghi hanno esaminato le associazioni tra l’esposizione a livelli di inquinanti atmosferici di particolato fine (PM2,5), particelle più grandi (PM10) e biossido di azoto (NO2) e livelli di Aβ1-40 (uno dei principali componenti proteici delle placche) in più di 3.000 individui che erano privi di demenza all’inizio del Ginkgo Evaluation of Memory Study. Lo studio ha valutato e mediato i livelli di inquinamento atmosferico presso gli indirizzi residenziali dei partecipanti per periodi di tempo fino a 20 anni prima di eseguire esami del sangue per misurare la beta amiloide degli individui.

Le persone che sono state nello studio più a lungo (otto anni) hanno mostrato un forte legame tra tutti e tre gli inquinanti atmosferici e Aβ1-40. Questi sono alcuni dei primi dati sull’uomo che suggeriscono che l’esposizione a lungo termine agli inquinanti atmosferici è associata a livelli più elevati di Aβ1-40 nel sangue.

“I nostri risultati suggeriscono che l’inquinamento atmosferico può essere un fattore importante nello sviluppo della demenza” ha detto Park.

“Molti altri fattori che influiscono sulla demenza non sono modificabili, ma la riduzione dell’esposizione all’inquinamento atmosferico può essere associata a un minor rischio di demenza. Servono più ricerche”.

Comitato di Redazione
Servizio Redazionale.
RELATED ARTICLES

2 Commenti

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394