histats.com
sabato, Gennaio 29, 2022
HomeIn evidenzaRicercatori denunciano: Finanziatori sopprimono o alterano i risultati degli studi scientifici.

Ricercatori denunciano: Finanziatori sopprimono o alterano i risultati degli studi scientifici.

Pubblicità

Ricercatori internazionali denunciano le forti pressioni che subiscono per sopprimere i risultati degli studi scientifici. Il 18% dichiara il cattivo intervento da parte dei finanziatori stessi.

Un sondaggio tra i ricercatori della sanità pubblica ha rilevato numerosi casi di soppressione dei risultati degli studi su argomenti quali alimentazione, salute sessuale, attività fisica e uso di sostanze, con il 18% degli intervistati che ha riferito di essersi sentito, almeno in un’occasione, sotto pressione da finanziatori per ritardare la segnalazione, alterare o non pubblicare i risultati.

L’indagine, pubblicata su PLoS One, ha coinvolto 104 ricercatori provenienti da regioni tra cui Nord America, Europa e Oceania che hanno condotto studi per valutare interventi comportamentali progettati per migliorare i risultati della salute pubblica.

Studi importanti, rientrati poi nelle revisioni Cochrane.

La ricerca sulla salute pubblica ha una storia di interferenze da parte dei finanziatori del settore, quindi il team dietro lo studio, guidato da Sam McCrabb dell’Università di Newcastle in Australia, si aspettava che i ricercatori che conducevano studi finanziati dall’industria fossero quelli che più comunemente agiscono sotto costrizione. Come riportato dalla rivista scientifica Nature.com, il ricercatore dice invece che le loro aspettative sono state inaspettatamente capovolte.

Ricerca influenzata: i risultati dell’indagine.

Il sondaggio mirava a capire se i ricercatori fossero testimoni di varie forme di soppressione, che potevano andare dalle richieste di modificare i metodi di ricerca o alterare le conclusioni di uno studio fino agli appelli per ritardare la pubblicazione o non rilasciare affatto i risultati..

McCrabb e i suoi coautori hanno scoperto che gli intervistati avevano maggiori probabilità di segnalare pressioni da parte di finanziatori del dipartimento governativo che cercavano di influenzare i risultati della ricerca rispetto a finanziatori dell’industria o di beneficenza o agenzie di finanziamento della ricerca pubblica.

Hanno anche scoperto che l’interferenza era più comune negli studi relativi alla salute sessuale e all’uso di sostanze rispetto a quelli relativi all’alimentazione e all’attività fisica, sebbene non ne abbiano esaminato le ragioni.

Manipolazione politica.

Le agenzie governative come i dipartimenti sanitari potrebbero essere più inclini a intervenire se i risultati di uno studio che hanno commissionato non sono quelli previsti o se sono pesantemente investiti nell’intervento sanitario (come un programma educativo o sanitario) in fase di sperimentazione.

Un’indagine del 2016 sulla pubblicazione ritardata di ricerche commissionate dalle agenzie governative del Regno Unito ha identificato casi in cui la manipolazione avvenne “per adattarsi a preoccupazioni politiche”.

Più di recente, il British Medical Journal ha riportato quattro casi di politicizzazione e soppressione della scienza nel Regno Unito durante la pandemia di COVID-19.

Sebbene la comunità di ricerca possa essere consapevole che l’interferenza dei finanziatori è un problema, gli scienziati non sanno necessariamente quando i risultati della ricerca sono stati soppressi o se i progetti di studio sono stati modificati per produrre risultati più preferibili, afferma Bauld. Ciò potrebbe introdurre pregiudizi o creare risultati distorti.

Al momento, i ricercatori che studiano interventi sanitari non farmaceutici non sono sempre tenuti a registrare o pubblicare in anticipo un protocollo di sperimentazione, ma possono farlo e ciò è considerato una buona pratica. Al contrario, gli studi clinici che testano i farmaci terapeutici devono essere formalmente registrati prima dell’inizio del reclutamento.

Bauld afferma che i ricercatori della sanità pubblica stanno ora sostenendo che i protocolli siano pubblicati in registri dedicati prima dell’inizio degli studi, in modo che altri scienziati sappiano esattamente quali risultati una sperimentazione prevede di misurare e possano esaminare i risultati. Ciò è in linea con gli obiettivi della campagna AllTrials , che sostiene la pubblicazione di tutti i risultati degli studi clinici, sia positivi che negativi.

Leggi lo studio “He who pays the piper calls the tune”: Researcher experiences of funder suppression of health behaviour intervention trial findings.

Comitato di Redazione
Servizio Redazionale.
RELATED ARTICLES

1 commento

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394