Pubblicità

Emergenza Coronavirus. Luca e Francesco, TSRM 29enni di Diagnostica Domiciliare: “non contiamo più le ore”. Il radiologo Valentino: “tante polmoniti virali”. #tecniciradiologieroi.

E’ quanto riferisce la collega Carmen Tancredi su L’Eco di Bergamo, che racconta la storia eroica di due giovani Tecnici Sanitari di Radiologia Medica, Luca Aresi e Francesco Carrara, che tempo fa (2016) hanno fondato “Diagnostica Domiciliare“, una start-up bergamasca che oggi sta facendo la differenza nella lotta al COVID-19.

“Siamo a più di 100 telefonate al giorno, ci chiamano privati, gente che è in casa con la febbre da almeno due settimane e si sta curando a casa per non andare in ospedale, ma anche medici di base che ci indirizzano da malati che loro seguono a domicilio, e a volte gli stessi medici ci chiedono di intervenire per loro stessi”.

“Ormai siamo almeno a una quarantina di radiografie fatte ogni giorno. E i chilometri che percorriamo non li contiamo più: se ci dite il nome di una valle qualunque, noi ci siamo stati di sicuro, partiamo alle 8 e finiamo alle 23. E siamo in due, tecnici di radiologia medica, con un pulmino e le apparecchiature. Non viviamo praticamente più, ma non molliamo: siamo onorati di poter dare una mano in questo momento davvero complicato”.

A portare fino a casa, a tutti i bergamaschi, il servizio di radiologia, permettendo così di non affollare gli ospedali, sono due ventinovenni, Luca di Brignano Gera d’Adda e Francesco di Alzano Lombardo (da quando è esploso il focolaio di Coronavirus nel suo paese ha deciso di trasferirsi in una casa di famiglia a Serina, in modo da non infettarsi e non infettare nessuno.

Nel 2016 è stata loro l’idea di questa start-up, «Diagnostica domiciliare», con il supporto di due luminari della medicina, Giorgio Belloni, già primario per 18 anni della Neuroradiologia degli allora Riuniti e poi alla Castelli e Carmine Valentino, già primario della Radiologia del Papa Giovanni XXIII di Bergamo, che per «Diagnostica domiciliare» fa il direttore sanitario e legge i referti che vengono inviati direttamente dai due tecnici via pc, in tempo reale, e altrettanto in tempo reale riconsegnati al paziente.

Per avviare la start-up sono stati necessari un numero verde, un sito internet per le prenotazioni on line delle prestazioni (a prezzi più che calmierati), e un’apparecchiatura di ultima generazione per raggi x digitale che sfrutta tutte le potenzialità della telemedicina, oltre alla voglia di fare dei due giovani neolaureati che non riuscivano a trovare un impiego.

“L’idea di portare la radiologia a casa è stata davvero un servizio utile – sottolinea Carmine Valentino – . Per chi vive solo o è anziano. Ma in quest’ultimo periodo ormai non facciamo più lastre per femori rotti o simili, ormai sono tutti controlli polmonari. E la netta maggioranza dei referti è di polmoniti virali. Io ormai leggo una lastra ogni 20 minuti, tutti i giorni». E i tecnici Francesco e Luca corrono da un’abitazione all’altra: «Abbiamo i nostri momenti di commozione, davanti ai volti di persone spaventate, con l’incubo di entrare in ospedale, davanti alla gentilezza di malati che ci offrono torte, dolci, e ci regalano sorrisi. Ora contiamo in qualche aiuto anche noi: siamo due, vorremmo arrivare ovunque, ma è impossibile”.

Ora la loro idea è più utile che mai. Forza ragazzi!