histats.com
lunedì, Agosto 8, 2022
HomeIn evidenzaOggi la Giornata mondiale del Benessere Sessuale.

Oggi la Giornata mondiale del Benessere Sessuale.

Pubblicità

Il 4 settembre si celebra la Giornata mondiale del benessere sessuale. Di seguito la lettera inviata in Redazione dalla dott.ssa Gabriella Casu, dell’Albo Terapisti occupazionali Ordine Cagliari-Oristano – Referente AITO Sardegna.

Gentile Direttore,

il 4 settembre si celebra la Giornata mondiale del benessere sessuale. È importante che le istituzioni, i responsabili dei programmi sanitari e i professionisti sanitari recepiscano e promuovano il ruolo potenzialmente positivo che la sessualità svolge nella vita delle persone, così da costruire servizi sanitari in grado di incentivare società sessualmente sane.
La sessualità è un aspetto fondamentale della vita degli esseri umani. Essa è vista come parte integrante dell’identità di un individuo, del suo stato di salute e dell’immagine di sé, come espressione della performance occupazionale. I sentimenti e le occupazioni sessuali possono esprimersi in vari modi, tra cui tenersi per mano, flirtare, toccare, baciare, masturbarsi e avere rapporti sessuali.

Si esorta l’adozione di un approccio alla sessualità basato sui diritti, il quale implica che le persone con disabilità abbiano gli stessi diritti alla sessualità delle persone abili e che questi debbano essere tutelati al pari degli altri diritti umani. Già nel 2000, la dottoressa Richardson distingue nove diritti inerenti quest’area (di partecipazione all’attività sessuale, di espressione sessuale e del piacere; di autodeterminazione; di autodefinire la propria identità sessuale; all’espressione personale della propria identità sessuale; a sviluppare diverse identità sessuali senza ostacoli; al consenso alle pratiche sessuali nelle relazioni personali; di scegliere liberamente i propri partner sessuali; al riconoscimento civile delle relazioni).

Annoverare la sessualità tra i diritti umani garantisce alle persone con disabilità di poter scegliere come esprimere la propria sessualità e richiede ai terapisti occupazionali, come a tutti i professionisti sanitari, che siano preparati e supportati per riconoscere la sessualità come un diritto dell’essere umano, oltre che per acquisire metodologie riabilitative atte al recupero della performance e della partecipazione sociale.
Inoltre, le ricerche di Nosek & Simmons del 2007 hanno reso noto che, sebbene molte persone con disabilità provano disagio nel sollevare questioni relative alla sessualità, apprezzerebbero l’opportunità di confrontare le loro preoccupazioni con gli operatori sanitari.

Per supportare le persone con disabilità nell’identificazione dei bisogni relativi alla sessualità, i professionisti sanitari, acquisite le necessarie competenze, possono iniziare il percorso riabilitativo dando loro “il permesso” di discutere di questo argomento. In questo contesto, i terapisti occupazionali, potrebbero includere domande relative alla sessualità nella routine delle loro pratiche di valutazione delle performance occupazionali e di intervento, facilitando così l’emersione delle preoccupazioni su come la condizione influenzerà la sfera sessuale.

Migliorare la capacità di un individuo di impegnarsi in attività sessuali può avere un profondo effetto sulla vita di quella persona. Riconoscendo l’importanza che la sessualità gioca nelle nostre vite e mostrando sensibilità per questa attività di vita quotidiana (ADL), i professionisti sanitari contribuiranno a garantire che tutti gli aspetti della vita dei loro assistiti siano affrontati in terapia così che essi possano giovare di una quotidianità qualitativamente migliore – è quanto si legge a termine della missiva inviata in Redazione dalla Dott.ssa Gabriella Casu, dell’Albo Terapisti occupazionali Ordine Cagliari-Oristano – Referente AITO Sardegna

Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

1 commento

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394