histats.com
sabato, Ottobre 23, 2021
Pubblicità
HomeProfessioni SanitarieOstetrici/OstetrichePrimo trimestre della gravidanza: controlli, visite ed esami a cui ci si...

Primo trimestre della gravidanza: controlli, visite ed esami a cui ci si deve sottoporre!

Primo trimestre della gravidanza: tutti i controlli, le visite e gli esami a cui ci si deve sottoporre! Una guida per vivere serenamente i primi tre mesi di gravidanza.

Il Primo trimestre della gravidanza è un periodo delicato nel quale vengono a crearsi le strutture fondamentali del feto. Rappresenta un periodo molto delicato anche per la futura mamma, in quanto, oltre a doversi adattare ai primi cambiamenti del corpo, deve fare anche i conti con nausea ed emesi, qualora ne sia soggetta.

Il primo trimestre è il periodo che si articola dall’ultima mestruazione avuta a 12 settimane e 6 giorni.

Debolezza e affaticamento sono i sintomi che caratterizzano tipicamente questo primo periodo.

Se non presentate i segni e sintomi precedentemente elencati, non preoccupatevi! Ogni gravidanza è diversa dalle altre. Ciò significa che potete avere tuti questi sintomi come non averne nessuno. E la cosa importante è che essi non rappresentano indice di andamento del percorso.

Quali sono gli esami e i controlli a cui sottoporsi?

Da regione a regione in tutta la penisola gli esami previsti dal sistema sanitario regionale sono diversi.

Nonostante ciò, vi sono esami a cui una futura madre si deve sottoporre a prescindere dalla regione in cui si trova.

Il percorso inizia con la visita ostetrica, nella quale vi verranno prescritti gli esami a cui sottoporsi.

La prima batteria di esami, da eseguire già dalla settima settimana, comprende:

  • Ricerca del gruppo sanguineo e fattore Rh (importante sapere se esso sia negativo o positivo);
  • Test di Coombs indiretto;
  • Esame emocromocitometrico completo con conteggio delle piastrine;
  • Dosaggio HbA2, HbF, Hb anomale;
  • Rubeotest;
  • Toxotest;
  • HCVAb,
  • HIVAb;
  • glicemia;
  • VDRLTPHA;
  • Esame urine ed urinocoltura;
  • Clamydia trachomatis;
  • Neisseria Gonorrhoeae.

Dalla settimana 10(+0) a 12 (+6) si devono eseguire gli esami e i test per il calcolo del rischio di anomalie cromosomiche del feto.

Questi esami prevedono la ricerca di hCG frazionata libera e PAPP-A, il test combinato da eseguire antecedentemente alla prima ecografia, nella quale si esegue lo studio della translucenza nucale. Esso si può eseguire dalla settimana 11(+0) alla 13 (+6), nel medesimo periodo si può eseguire anche l’ecografia per determinare l’età gestionale.

Entro la 13 (+6) settimana vi verrà proposto di eseguire anche il pap-test (se l’età della gestante è tra i 25 e 33 anni), oppure HPV test (se superiore a 34 anni).

Per approfondimento sugli screening prenatali vi invitiamo a leggere anche il seguente articolo:

Sindrome di Down: tutti gli screening prenatali per le anomalie genetiche.

 

Dott.ssa Lorisa Katra
Infermiera AUSL Toscana Centro, Ex studente AOU Careggi, Social Media Manager di AssoCareNews.it. Forte sostenitrice della relazione e della comunicazione. Curiosità, gentilezza e passione per il cambiamento sono miei punti cardine. Quando svesto la casacca non esiste dolce che non possa preparare.
RELATED ARTICLES

1 commento

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394