Diventare ostetrica
Fnopo: le Ostetriche sono molto preoccupate per il regionalismo differenziato.
Pubblicità

Le Ostetriche della FNOPO hanno concluso il loro 36° congresso nazionale. Nel 2020 si punta alle cure della salute delle donne.

Dopo due giorni di intenso lavoro e di confronto tra la Categoria ostetrica e i principali protagonisti dell’area materno infantile e, soprattutto, con la ministra della Famiglia e Pari opportunità, Elena Bonetti, si chiude il 36° Congresso nazionale della Federazione Nazionale della Professione di Ostetrica, svoltosi a Palermo. L’evento si è chiuso con l’approvazione, all’unanimità, della mozione finale. Un documento che raccoglie gli impegni e le sfide cui è chiamata la Categoria per la promozione, la protezione e la tutela della salute delle donne.

“Anche quest’anno l’evento nazionale della Categoria ostetrica si è contraddistinto per l’alto profilo professionale di tutti coloro che hanno partecipato con contributi di grande valore – commentano le Componenti Nazionali FNOPO -. Di particolare importanza è stato l’intervento della ministra della Famiglia e Pari Opportunità, Elena Bonetti, con la quale si è da subito instaurata una comune visione d’intenti sull’importanza di lavorare in maniera congiunta per la promozione la protezione della salute della donna, in particolare durante la gravidanza. Le riflessioni poste dalla ministra sono state l’occasione per poter portare alla sua attenzione il modello di “Ostetrica di famiglia e di comunità” – concludono le rappresentanti nazionali della Categoria ostetrica -, sul quale il Comitato centrale FNOPO auspica si possa proseguire un confronto più puntuale nel corso di un incontro da svolgere nelle sedi opportune – sottolineano le rappresentanti nazionali della Categoria ostetrica”.