Pubblicità

Neonati mai più soli grazie agli alloggi per le neo mamme: aperto ambiente dedicato per non separare madre e figli.

Neonati mai più soli, grazie al nuovissimo alloggio per neo mamme!

Esultano Ostetriche ed Infermiere pediatriche, che vedono realizzata una necessità di benessere clinico e psicologico da parte dei pazienti e dei loro piccoli.

L’alloggio consiste in una vera e propria seconda casa, provvisoria, che permetterà alle mamme di non dividersi dal loro piccolo.

Questo permetterà ai piccoli di non rimanere ore e ore soli in attesa dell’orario di visita, comunque molto elastico.

Il Niguarda di Milano ha inaugurato l’alloggio venerdì mattina: si tratta di un ambiente dotato di 4 posti letto.

Dalle dichiarazioni ufficiali si comprende come il benessere delle mamme e dei neonati sia stato il principio fondante il progetto.

“Quest’area nasce con l’obiettivo di offrire alle neomamme un ambiente confortevole a misura di a casa in cui poter rimanere giorno e notte e non allontanarsi dal proprio neonato che, per vari motivi clinici, non può essere dimesso subito dopo il parto”, ha commentato Marco Bosio, direttore generale di Niguarda.

Il progetto ha potuto prendere vita grazie al contributo del Rotary club Milano San Babila con la collaborazione di club esteri.

Mamme, Ostetriche e Infermiere di neonatologia sono entusiasti di questa nuova possibilità.

Il Niguarda si dimostra ancora una volta una delle realtà più evolute in Italia.

“Una situazione tipica che necessita di un allungamento della permanenza del piccolo in ospedale dopo la nascita è l’ittero, che prevede qualche giorno di fototerapia per essere risolto. A questa poi si affiancano tutte le altre condizioni che richiedono una coda extra del ricovero per l’adattamento del neonato alla vita extra-uterina, come ad esempio cali ponderali ingiustificati o ulteriori accertamenti diagnostici” spiegano dall’ospedale.

“Per noi si tratta di un gesto fatto col cuore, un gesto di vicinanza per portare benessere alle mamme e ai bambini sin dai primi istanti di vita, un gesto che rispecchia i valori fondanti dei Rotary” ha sottolineato Riccardo Costa, presidente Rotary Club Milano San Babila.

La presenza della mamma? Fondamentale, come sottolineano dall’ospedale meneghino a milanotoday.it.

“La presenza della mamma in ospedale con continuità è importante soprattutto per favorire l’allattamento al seno, un momento importante che favorisce una relazione speciale fra la mamma e il suo bambino, ed è un metodo per proteggere il bambino da tante malattie e per garantirgli una crescita sana”.

Ed è proprio di salute del neonato che si parla.

Infatti i benefici sono tanti. Per il piccolo contribuisce alla difesa dalle infezioni perché contiene numerose sostanze protettive, favorisce lo sviluppo comportamentale, riduce il rischio di sovrappeso, obesità e allergie.

L’allattamento per la mamma, grazie all’azione dell’ossitocina, riduce il sanguinamento dopo il parto, aumenta il fabbisogno energetico e contribuisce a smaltire l’eventuale sovrappeso accumulato in gravidanza.

L’allattamento sembra, inoltre, rivestire un ruolo protettivo nei confronti dell’osteoporosi e, a breve termine, invece, aiuta contro la depressione che può insorgere dopo il parto”.

Una piccola grande innovazione nel mondo della neonatologia.

Per l’ospedale milanese un ulteriore fiore all’occhiello.