Pubblicità

PARC360: i fisioterapisti potranno finalmente garantire l’attività muscolare in tutti i tipi di strutture, ecco come!

Intervista a Debora Russi, CEO di PARCfor, l’azienda che sta rivoluzionando il concetto di fisioterapia.

La riabilitazione ed il mantenimento delle abilità motorie nella terza età sono obiettivi che possono diventare utopie e chimere. Quali sono le difficoltà che come professionista hai osservato in merito?

Che una adeguata attività fisica sia una premessa indispensabile al benessere degli anziani, anche in tarda età ed in condizioni di disabilità, è ormai concetto risaputo e ampiamente dimostrato da copiosa letteratura scientifica. Un’attività fisica appropriata può migliorare in maniera significativa la qualità della vita dell’anziano ed aiuta a ritrovare l’indipendenza per certi compiti.

Nello specifico della mia esperienza professionale, come responsabile della formazione in alcune RSA, ho riscontrato alcuni fattori che ostacolano la valorizzazione dell’autonomia dell’anziano residente:

  • La prima e più importante, a mio avviso, riguarda il paradigma culturale e il conseguente approccio assistenziale che tendono a deresponsabilizzare l’anziano, restituendogli un’immagine di sé inadatta a “fare da solo” anche la minima cosa e riducendo progressivamente il suo raggio di azione.
  • La seconda, riguarda la tendenza delle strutture residenziali per anziani ad assomigliare sempre più ad ospedali “sine cura”, dove diventa inevitabile, per i residenti, assumere il ruolo di malati e una prospettiva di sopravvivenza passiva e dipendente.
  • La terza ed ultima, riguarda il numero di fisioterapisti e le ore lavoro che vengono loro assegnate, spesso insufficienti a soddisfare il fabbisogno di movimento degli anziani, determinando una scarsa e poco mirata offerta di movimento. Ed è così che tante potenziali autonomie diventano in breve tempo delle dipendenze.

Come è nata l’idea di PARC 360?

L’idea del PARC 360 è il risultato di due grandi passioni che hanno caratterizzato la mia vita: la fisioterapia, attività che ho svolto per dodici anni e il successivo, ancora attuale, lavoro come consulente-formatrice, esperta in disturbi muscolo-scheletrici, in tanti contesti aziendali, privati e pubblici, sanitari e socio-assistenziali.

L’idea di una piccola e completa palestra mobile, il cui prototipo ha da poco ottenuto il Brevetto per Invenzione Industriale, nasce dal desiderio di rendere la salute muscolare una scelta facile per tutti, una scelta “a portata di mano” come recita il nostro slogan.

Il PARC 360 consente di fare del movimento attivo e in compagnia in qualsiasi momento, data la sua estrema facilità di spostamento può raggiungere persone collocate in spazi diversi di una stessa struttura e consente, anche alle persone in carrozzina, di poterne usufruire.

Gli attrezzi di cui il PARC 360 si compone sono facilmente collocabili anche su aste in alluminio che, fissate alle pareti, possono diventare un valido e quotidiano aiuto di movimento sano a domicilio.

Credo che la salute muscolare non abbia età e il PARC 360 vuole essere una concreta proposta ergonomica di promozione dell’attività fisica per la popolazione che invecchia.

In cosa consiste e quali vantaggi per i pazienti?

Una piccola palestra mobile di reparto. Il PARC 360 è a tutti gli effetti una piccola palestra mobile di reparto che ha l’obiettivo di sviluppare le capacità residue degli anziani, stimolandoli a conservare il più a lungo possibile la loro indipendenza.

Da qui il nome PARC 360, perché promuove la salute muscolo scheletrica (componente fisica) delle persone anziane favorendo il mantenimento delle loro capacità residue e delle autonomie di movimento (componente psicologica) svolgendo movimenti in compagnia di altre persone (componente sociale).

Le zone/parti principali del corpo (spalle, polsi, mani, gambe) vengono attivate da quattro postazioni di movimento, regolabili in altezza (anche da persone in carrozzina) e fruibili simultaneamente da più persone  sotto la sorveglianza di un solo operatore (non necessariamente un fisioterapista, ma anche OSS, animatori, infermieri).

Il PARC 360 è composto da una struttura triangolare facilmente trasportabile in luoghi diversi: stanze di degenza, sale ricreative, centri diurni, palestra, silver living e cohousing.

  1. Benefici per gli anziani:
  • rallenta il decadimento muscolare dell’anziano e supporta la riabilitazione negli esiti da trauma o allettamento;
  • permette a molti ospiti di fare, ogni giorno, movimento attivo e in compagnia;
  • consente alle persone in carrozzina di utilizzare gli attrezzi in quanto facilmente regolabili in altezza.

Con un programma giornaliero di pochi minuti l’anziano può svolgere esercizi di mantenimento a tutto il corpo:

  • esercizi fisici di allungamento e mobilità articolare per vestirsi, lavarsi e ballare;
  • esercizi di potenziamento della forza per alzarsi dal letto o dalla sedia;
  • allenamento delle mani, dita e polsi per tenere in mano una forchetta, abbottonare una camicia, aprire barattoli;
  • esercizi di elevazione delle braccia per poter prendere materiali dai pensili;
  • esercizi per migliorare la capacità di superare gradini e agevolare la salita/discesa dalle scale;
  • mobilizzazione delle spalle e stretching della parte superiore del tronco;
  • coordinamento ed equilibrio;
  • movimenti per le gambe che ne rafforzano i muscoli, dai piedi alla zona pelvica;
  • i movimenti alternati destra – sinistra migliorano la coordinazione.
  1. Benefici per i fisioterapisti:
  • ottimizza il tempo di lavoro del fisioterapista estendendo a molte più persone i benefici del servizio fisioterapico;
  • supporta l’efficacia dei protocolli riabilitativi;
  • accelera i tempi di recupero funzionali.

In che modo può essere un investimento ad alto rendimento per le Aziende?

Il PARC 360 è interamente meccanico e non necessità di alcuna manutenzione. I materiali con cui è stato realizzato sono autoestinguenti ed è certificato “oggetto sicuro”.

Il PARC 360 rappresenta un vero investimento per l’Azienda perché:

  • massimizza l’efficienza delle ore di lavoro del fisioterapista (rapporto 1 fisioterapista con 5 ospiti contemporaneamente) e permette di coinvolgere anche altre figure professionali nell’attività di animazione motoria dell’anziano;
  • aumenta il livello di soddisfazione generale: anziani più autonomi, familiari soddisfatti, personale OSS meno appesantito dal lavoro assistenziale;
  • con la sua mobilità, si moltiplicano gli spazi in cui è possibile effettuare attività di animazione motoria agli anziani.

Inoltre per l’Azienda il PARC 360 rappresenta un investimento economico vantaggioso:

  • detrazione fiscale per soluzione di acquisto (cespite);
  • canone deducibile per soluzione a noleggio.

Per info e approfondimenti

www.parcfor.com

[email protected]