Terremoto tra Umbria e Marche: 4.1 di magnitudo sella Scala Richter. Gente per strada.

Serie di scosse di terremoto tra Umbria e Marche: il sisma più intenso ha toccato la magnitudo 4.1 della scala Richter. Paura e gente in strada. Protezione civile e mezzi del soccorso in allerta.

La terra torna pericolosamente a tremare tra Umbria e Marche. A pochi giorni dal ricordo del sisma del 24 agosto 2016 un terremoto di magnitudo 4.1 della scala Richter è stato registrato dai sismografi dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia a poca distanza dal comune di Norcia, in provincia di Perugia. Lo riferisce il quotidiano Notizie.it.

Il sisma è stato distintamente avvertito dalla popolazione, facendo svegliare di soprassalto migliaia di persone, molte delle quali sono fuggite in strada in preda alla paura. Il terremoto è stato localizzato in superficie, con ipocentro a soli 7,9 km di profondità ed è avvenuto alle 2:02 della notte del 1 settembre 2019. Seguito da tre scosse di assestamento, due delle quali di una certa intensità: la prima di magnitudo 3.2 alle 2:04, la seconda di magnitudo 2.0 alle 2:06 e una terza scossa di magnitudo 3.0 della scala Richter si è verificata alle 2:17.

Al momento non vengono segnalati danni a cose o persone.
Terremoto Umbria, sisma M 4.1 a Norcia

Oltre al comune di Norcia, il più vicino all’epicentro dei quattro terremoti avvenuti nella notte del 1 settembre 2019, gli altri paesi prossimi all’area epicentrale sono Castelsantangelo sul Nera, Preci, Arquata del Tronto, Cascia, Accumoli, Visso, Ussita, Montegallo, Cerreto di Spoleto e Montemonaco. Le province interessate dunque sono quelle di Perugia, Rieti, Macerata e Ascoli Piceno. Stando a quanto segnalato sui social il sisma sarebbe stato avvertito, oltre che in Umbria e nelle Marche, anche nel Lazio e in Abruzzo. “Sto ancora tremando da mezz’ora, che incubo é stato bello forte”, è una delle testimonianze pubblicate su Twitter.

Potrebbe interessarti...