vaccino Ostetrica licenziata perché non vaccinata: ora tocca a Infermieri, Oss e Professionisti Sanitari?
Pubblicità

Furbetti del vaccino, a Ragusa azienda pronta alle vie disciplinari e al tribunale. Vaccinopoli non resterà senza colpevoli, parola del Direttore Generale.

Il direttore generale dell’Asp di Ragusa, Angelo Aliquò lancia un j’accuse durissimo nei confronti di alcuni suoi collaboratori, alti dirigenti dell’azienda sanitaria, “che hanno tradito la mia fiducia”.

Dichiarazioni legate allo scandalo “vaccinopoli” scoppiato nei giorni scorsi in provincia di Ragusa. Aliquò aveva assicurato che i parenti dei dirigenti Asp non avevano beneficiato di alcuna corsia preferenziale, una indagine interna più approfondita ha rivelato invece che molti di loro avevano mentito.

“Quando un intero nucleo familiare che non ne ha diritto riesce a ottenere la vaccinazione anti Covid” prosegue all’ansa Aliquò “vuol dire che dietro c’è una organizzazione, è un vero e proprio atto di arroganza”.

Alcuni “raccomandati”, infatti, hanno ricevuto il vaccino ben prima del 6 gennaio, giorno in cui è scoppiato il caso.

Tra i destinatari illegittimi del vaccino una ex direttrice sanitaria dell’ospedale Busacca di Scicli, oggi in pensione, cinque ex sindaci (di cui tre medici che non esercitano più la professione), un preside in pensione, la figlia di una dirigente Asp che lavora in un’altra amministrazione dello Stato ma che ha un contratto di consulenza con l’azienda sanitaria, la moglie del responsabile di un centro vaccinazioni poi rimosso, i parenti della dottoressa che lo ha sostituito, la figlia, il marito e la madre di un’altra dirigente apicale dell’Asp di Ragusa.

1 COMMENT

Comments are closed.