histats.com
sabato, Luglio 2, 2022
HomeIn evidenzaGiornali gridano alla malasanità ma l'AUSL Toscana Centro risponde: Rappresentazione che non...

Giornali gridano alla malasanità ma l’AUSL Toscana Centro risponde: Rappresentazione che non corrisponde ai fatti.

Pubblicità

Giornali gridano alla malasanità attraverso la testimonianza di una paziente ma l’AUSL Toscana Centro non ci sta e risponde: Rappresentazione che non corrisponde ai fatti!

Una rappresentazione che non corrisponde ai fatti. L’Ausl Toscana Centro risponde ad un articolo di giornale dove si denuncia un presunto caso di malasanità all’ospedale Santi Cosma e Damiano di Pescia, in provincia di Pistoia.

“E’ una rappresentazione che non corrisponde alla realtà dei fatti quella descritta nell’articolo pubblicato in data odierna dal titolo Parcheggiata per ore al Pronto Soccorso e, comunque, l’Azienda Sanitaria, avvierà un’indagine interna per verificare la correttezza del percorso clinico assistenziale della signora Francesca Garozzo il quale, dai riscontri già effettuati sulle cartelle cliniche sembra risultare aderente, sia nella diagnosi che nelle terapie, alla situazione patologica acuta presentata dalla signora stessa al momento del suo arrivo in Pronto Soccorso”.

Inizia così la replica dell’AUSL Toscana Centro, che argomenta nei dettagli come sono andate realmente le cose.

La realtà dei fatti: Pronto Soccorso.

“Alla signora è stato attribuito un codice di entrata 3 (ex codice verde) e durante le ore in cui la signora medesima lamenta di essere stata “parcheggiata” sono stati avviati gli esami di laboratorio e quelli strumentali relativamente all’iter diagnostico previsto per la problematica sanitaria presentata (dall’elettrocardiogramma alla Tc, nonché consulenze specialistiche), oltre alla rivalutazioni cliniche effettuate nell’intero arco temporale di permanenza da parte del personale sanitario.

A tal proposito si precisa che nel giorno (11 agosto) e nelle ore in questione erano presenti in Pronto Soccorso sono stati “triagiati” ben 37 pazienti a cui si sommano i pazienti già in visita nelle ore precedenti e quelli in attesa di ricovero. Si precisa poi che durante il tempo trascorso in pronto soccorso, nell’attesa dell’eventuale ricovero, i pazienti sono presi in carico dal personale medico e infermieristico: in particolare il PS di Pescia vanta un’attesa temporale per il ricovero tra le più basse a livello aziendale e regionale in ragione di un’efficiente organizzazione operata dallo stesso personale. Pertanto l’attesa del posto letto ha rappresentato un fatto eccezionale, episodico, dal momento che l’area medica è in costante rapporto con il pronto soccorso per garantire i ricoveri giornalieri ai pazienti”.

Com’è veramente andata in Medicina.

“Relativamente invece alla gestione del ricovero nel setting di Medina A il personale medico è presente H24 e, oltre a questo, è uno dei reparti di area medica tra i più avanzati, potendo contare anche su un sistema di telemetria che invia agli operatori un allert, in tempo reale, se si verificano delle alterazioni nel monitoraggio dei parametri clinici dei pazienti.

Nessun paziente è “lasciato in balia di stesso” e in quanto alla frase giornalistica “una situazione da girone dantesco” l’Azienda si riserva di procedere con le opportune azioni per il procurato allarme diffuso su un reparto che, da sempre, rappresenta un’eccellenza negli esiti delle cure praticate ai pazienti i quali, anche dopo il ricovero, possono contare su un percorso di day service, con accesso diretto, per il proseguimento delle terapie e delle indagini diagnostiche come nel caso specifico della Signora.

Si ricorda, infine, che a tutela della privacy dei pazienti e degli operatori una specifica normativa aziendale, che recepisce quelle nazionali e regionali, vieta assolutamente di effettuare foto e video all’interno delle strutture sanitarie a tutela dei pazienti e degli operatori e men che meno materiali come foto e video non possono essere diffusi tramite piattaforme social o altro. Appositi cartelli che invitano all’osservanza di tale divieto sono affissi anche all’interno del presidio ospedaliero di Pescia”.

Troppo facile gridare alla malasanità infangando il nome di un’azienda e dei suoi professionisti.

Dott. Marco Tapinassi
Vice-Direttore e Giornalista iscritto all'albo. Collaboro con diverse testate e quotidiani online ed ho all'attivo oltre 5000 articoli pubblicati. Studio la lingua albanese, sono un divoratore di serie tv e amo il cinema. Non perdo nemmeno un tè con il mio bianconiglio.
RELATED ARTICLES

2 Commenti

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394