histats.com

Fare prevenzione primaria in carcere è possibile.

Fare prevenzione primaria in carcere è possibile.

Donne che scontano una pena in carcere…questo basta per escluderle dagli screening?

Ecco il progetto “Francesco Marabotto” del’associazione VIC-VolontariInCarcere. La prevenzione primaria è fondamentale per individuare forme precoci di cancro. Da anni le detenute sono escluse spesso dai programmi regionali di screening. Ecco come la scienza entra in carcere e  con questo progetto dona speranza alle detenute, in collaborazione con l’associazione Susan G. Komen.

Di carceri femminili in Italia ve ne sono cinque, per l’esattezza si trovano a Pozzuoli, Trani, Rebibbia, Empoli e Giudecca. In realtà sono varie le Case Circondariali che ospitano una sazione femminile. Vivere in carcere non è facile per nessuno, e per le donne ancora meno. Prendersi cura della propria salute nelle carceri italiane è vissuto come un lusso, anche se non dovrebbe esserlo.

Nasce nel 2015 il progetto che vede l’ingresso di una macchina per eseguire la mammografia di screening. Lo screening primario eseguito quando non vi sono i sintomi di una malattia è di primaria importanza per individuare le forme meno sviluppate di tumore. La popolazione presa in esame va dai 50 ai 69 anni. Spesso venivano escluse le persone in carcere dai consueti screening perché difficile ottenere permessi per recarsi alle visite e gravoso per il sistema carcerario organizzare piccole trasferte. Così nasce il progetto di portare nelle carceri il macchinario per eseguire la mammografia.

Questo progetto ha di molto cambiato le aspettative e le speranze di molte detenute. Togliere il carcere dall’idea punitiva per portarlo ad una concezione riabilitativa passa anche da questo. Prendersi cura della propria salute è fondamentale.

L’idea di fondo è quella di estendere diritti della popolazione generale anche a quella carceraria. Ovviamente è fondamentale il lavoro delle associazioni che si rendono promotrici del progetto: VIC e Komen. Queste associazioni oltre alla sensibilizzazione delle popolazione hanno a cura l’estendere gli screening.

Dott.ssa Giulia De Francesco

Infermiera, classe 1994. Vive a Imola e lavora presso l’Istituto di Montecatone - Ospedale di Riabilitazione; ha prestato la sua opera in passato nell'AUSL Romagna. Laurea in infermieristica con Lode presso l'Università di Bologna, I sessione (ottobre 2016). Master in funzioni di coordinamento con Lode presso l'Università di Modena e Reggio Emilia, I sessione (novembre 2018). Una pubblicazione scientifica sulla rivista italiana ANIPIO "Sperimentazione di una check-list per implementare un Bundle per la prevenzione delle batteriemie correlate a Catetere Venoso Centrale" (ottobre 2017). Ama leggere e camminare, non datele un microfono perché improvvisa un karaoke ovunque.

© 2019-2020 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2019 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Bologna.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Giulia De Francesco, Giovanni Maria Scupola, Ivan Santoro, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Emilia Romagna: Viale Spadolini, 13 – Ravenna – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394