histats.com

OSS si licenzia da Azienda Sanitaria Locale e fa la badante: “guadagno ora il triplo”.

OSS si licenzia da Azienda Sanitaria Locale e fa la badante: “guadagno ora il triplo”.

Non contenta del lavoro e dello stipendio una Operatrice Socio Sanitaria lombarda si è licenziata e si è fatta assumere come badante. Ora percepisce poco meno di 3000 euro al mese e fa solo notti. Ha abbandonata ASL pubblica.

Nicoletta Fumagalli è una ex-Operatrice Socio Sanitaria che a 46 anni ha deciso di diventare “semplicemente” badante. E’ originaria di Milano, ma lavorava in Piemonte. Ora non fa più l’OSS e assiste pazienti prevalentemente di notte. Dichiara di guadagnare fino a 3000 euro netti al mese ed è assunta da una nota azienda privata che la fa lavorare a cottimo. Nel dicembre 2018 ha deciso di licenziarsi dall’azienda sanitaria locale dove lavorare e di dedicarsi all’assistenza in maniera autonoma.

Attualmente lavora quasi esclusivamente di notte, riposa di mattina e ha tutti i pomeriggi a disposizione per la sua vita privata, oltre alla domenica completamente libera.

Lei è madre di famiglia ed è vedova. Aveva bisogno di soldi. Lo stipendio dell’OSS era da fame.

Nicoletta ha due figli all’università, è vedova, non si è mai voluta risposare e con lo stipendio da OSS non riusciva più ad andare avanti ed era costretta a lavori in nero extra-ASL. Ora è tornata a Milano, vive con i suoi due figli e lavora in un ospedale pubblico, ma come “professionista” autonoma. Riesce a mettere da parte tanto e nel giro di un anno è riuscita a ripianare una piccola situazione debitoria che la stava spingendo verso la disperazione.

Dopo aver sentito una pubblicità in onda su una TV locale ha deciso di provarci e ha inviato il suo curriculum ad una azienda che si occupa da anni di assistenza per conto di famiglie piuttosto agiate. La paga? 20 euro lordi all’ora, molto più di un Infermiere Libero Professionista. Sicuramente molto più di un Infermiere nel pubblico.

Lo Stipendio dell’Operatore Socio Sanitario. Quanto guadagna veramente un OSS?

Lo stipendio dell’Infermiere. Quanto guadagna veramente in Italia e all’estero.

Anche una Infermiera lasciò la professione per fare la badante.

Già in passato avevamo parlato di una collega Infermiera che aveva deciso di lasciare la professione per fare la badante.

Infermiera si licenzia e fa la badante a 5000 euro al mese!

Nicoletta ora è felice.

Mi sono messa dapprima in aspettativa – ci spiega la Fumagalli, che proviene da una famiglia molto agiata, ma che ha deciso di abbandonare dopo i 18 anni – poi ho deciso di licenziarmi dal servizio pubblico e di fare la badante a vita o almeno fino a che i miei figli non si saranno laureati e sistemati. Ora sono felice, lo ero anche quando facevo l’OSS, perché è un lavoro che mi piaceva, ma gli stipendi erano e sono miseri. Il costo della vita nelle grandi città e l’avere due figli all’università mi ha di fatto costretta a scegliere altre strade. Mi occupo sempre di pazienti, di uno in particolare, e faccio solo sorveglianza, non mi spingo oltre. Ho tempo la notte per leggere, per guardare i social e per pensare a come programmare la vita futura. Quando facevo l’Operatrice Socio Sanitaria arrivavo a casa distrutta, non riuscivo a fare nulla, ero sempre nervosa e stressata. Le umiliazioni ricevute in reparto erano quotidiano. E allora basta, stop, vita nuova, lavoro nuovo. Ora ripeto sono felice!“.

A Nicoletta, che ha avuto un coraggio da leoni ad abbandonare il servizio pubblico (dove lavorava con l’indeterminato), auguriamo ogni bene e una vita sempre al massimo.

Se avete storie simili da raccontarci scrivete pure a redazione@assocarenews.it.

Avatar

Redazione AssoCareNews.it

Redazione di AssoCareNews.it

© 2019-2020 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2019 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Bologna.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Giulia De Francesco, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Giovanni Maria Scupola, Ivan Santoro, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Emilia Romagna: Viale Spadolini, 13 – Ravenna – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: