Pubblicità

OSS racconta la sua drammatica esperienza con un paziente: aggiunta sui social, ha dovuto cancellarsi e denunciare per stalking!

Intervista a Pamela, giovane OSS vittima di stalking da parte di un paziente che l’ha aggiunta sui social network. Come un’aggiunta si è trasformata in un incubo.

Grazie dell’intervista. Pamela come è iniziata la tua storia?

Con l’aggiunta di un uomo su instagram. Mi era arrivata questa richiesta e il volto mi sembrava familiare anche se non sapevo chi fosse. Ho sbirciato e visto che come me viveva vicino Chieti ed ho accettato l’amicizia.

Quando hai riconosciuto il profilo come quello di un ex paziente?

In realtà me lo ha detto lui perchè lo avevo visto giusto un turno in quanto rientravo da una malattia e da me i pazienti vanno e vengono. Era carino anche se lui sui 40 anni ed io ne faccio 29 il prossimo mese. Ma mi faceva piacere parlare con qualcuno di nuovo.

Come si è evoluta la vostra chat ad una serie di eventi ossessivi?

Lui sapeva dove lavoravo e una volta mi ha chiesto che turno facessi. Da allora ha calcolato tutti i miei turni e si faceva trovare fuori all’entrata e all’uscita. Sono abituata alle attenzioni di alcuni uomini ma non era mai successo così e già dai primi giorni mi era sembrato anormale. Una volta mi ha seguito a casa, chiamava continuamente in reparto e mi messaggiava a qualunque ora.

All’inizio era carino ricevere attenzioni ma poi era diventato assillante e alla fine aggressivo.

Come ti sei sentita in quei momenti?

Come una preda. Allucinante.

Quando hai deciso di denunciare?

Una sera dopo 3 mesi di incessanti tentativi di allontanamento, gli rispondo al telefono e gli dico che ero in compagnia di un altro ragazzo. Lui ci ha aspettati sotto casa e gli ha tirato un sasso sul parabrezza. Ho avuto paura aveva gli occhi indemoniati. Lì ho capito che se non volevo andare al tg come vittima di femminicidio, avrei dovuto denunciare.

La denuncia ha portato i frutti sperati?

Sì perchè il giudice lo ha limitato a minimo 200 metri da me. Mi sono dovuta però cancellare sui social, su suggerimento dell’avvocato.

Cosa vuoi dire a chi ti leggerà?

Ragazze e ragazzi non accettate nessuno sui social.