kissa
Pubblicità

Kissa, OSS francese di origini ugandesi, ci racconta la sua storia: Mi hanno offesa perchè nera, nessuno mi ha difeso.

Kissa Roux è una collega OSS in una RSA ligure. Ci racconta la sua storia, su gentile concessione, e di come è stata offesa deliberatamente senza ricevere difesa.

Gentile AssoCareNews.it

mi chiamo Kissa Roux e sono un’OSS. L’amore per un italiano mi ha fatto lasciare la Francia, mio paese di origine, nel 2008.

Con mio marito abitiamo in un piccolo paese vicino Savona, nella bellissima liguria.

Il mio nome non è francese perchè mia madre viene da Uganda. Per questo ho preso anche la sua pelle, color caffè. Anzi cappuccino, perchè mio padre è bianco.

Questa presentazione mi sembra ridicola, ovvero, è ridicolo che debba spiegare perchè sono nera e da dove vengo.

Ma i fatti mi hanno costretto a farlo.

A settembre, precisamente il pomeriggio del 13, sono stata insultata nei corridoi della RSA dove lavoro. E’ stato un parente a dire alla mamma ricoverata “Guarda avete anche le scimmie qui” o qualcosa del genere.

Lo hanno sentito anche le altre colleghe e nessuna ha detto niente. Io ho detto che era maleducato e che io ero cittadina francese oltre che fiera di essere africana.

In Italia il razzismo c’è da sempre solo che da quando Salvini non è più al governo tutti stanno zitti e non se ne parla più.

Mi vergogno per voi italiani e mio marito anche.

Grazie per pubblicarmi

Kissa Roux“.