histats.com
venerdì, Febbraio 23, 2024
HomePrimo PianoCronacaNursing Up: «Vergognoso ciò che è accaduto all'ospedale “Gervasutta” di Udine».

Nursing Up: «Vergognoso ciò che è accaduto all’ospedale “Gervasutta” di Udine».

Pubblicità

Antonio De Palma (Nursing Up): «Vergognoso ciò che è accaduto alla specializzanda Adelaide Andriani all’ospedale “Gervasutta” di Udine, durante un turno di notte come guardia medica».

Solidarietà alla professionista e profondo sdegno da parte del Nursing Up. Ma ricordiamo anche che, fin troppo spesso nel silenzio assoluto, ben 5mila infermieri all’anno subiscono aggressioni fisiche e verbali.

Le nostre donne

le nostre infermiere, rappresentano in assoluto, con il 70% dei casi, le vittime sacrificali del comparto, in merito alle deprecabili violenze perpetrate ai danni degli operatori sanitari.

Le nostre professioniste

, questo è bene saperlo, si stanno già dimettendo a raffica, da tempo dalla sanità pubblica. Circa 2mila tra infermieri, ma anche OSS, nel 2021 hanno lasciato i nostri ospedali».

Sdegno, profondo dolore, rabbia

sono questi i sentimenti che i vertici del nostro sindacato vogliono esprimere pubblicamente, e naturalmente profonda vicinanza umana e professionale alla vittima e alla sua famiglia, in merito a quanto accaduto alla dottoressa Adelaide Andriani, la 28enne specializzanda che in Friuli, all’ospedale “Gervasutta” di Udine, durante il turno notturno da guardia medica, lasciata sola, nei giorni scorsi, è stata oggetto di un tentato strangolamento da parte di un paziente fino a rischiare la propria vita.

Ci mettiamo nei panni della madre,

del padre, degli amici più cari: i suoi segni sul collo che in queste ore appaiono sui principali media italiani, rappresentano quanto di più terribile e vergognoso possa accadere in un Paese civile.

È impensabile

che un professionista, sia esso medico o infermiere, e che in particolare una donna, magari madre sua volta, debba subire tutto questo, finendo in un vortice di violenza assolutamente ingiustificabile.

Ma soprattutto mi permetto di dire

includendo ciò che accade a tutti gli operatori sanitari, nessuno escluso, ci troviamo avvolti in una coltre buia, quella di una profonda mala cultura, dove i cittadini, alle prese con i disservizi di una sanità allo sbando, scaricano sui nostri operatori sanitari tutta la loro frustrazione».

Così Antonio De Palma, Presidente Nazionale del Nursing Up.

Non possiamo dimenticare

che gli infermieri rappresentano in assoluto (lo confermano i dati incrociati Inail, Istituto Superiore Sanità e Croce Rossa), la categoria di professionisti che subisce maggiormente violenze fisiche e verbali.

Fino a 5mila casi

conclamati ogni anno, riguardano solo i nostri infermieri e il 70% di chi subisce queste aggressioni è rappresentato da donne, madri, sorelle, che arrivano a vedersi puntare in faccia anche una pistola, come accaduto a dicembre ad una nostra operatrice del 118 di Napoli, perché non dimentichiamoci che le violenze vengono anche e spesso consumate al di fuori degli ospedali.

Comprendiamo perfettamente

la volontà della Dottoressa Andriani di dimettersi e lasciare la professione, denunciando di avere già subito in precedenza ben due aggressioni.

I nostri infermieri

hanno già intrapreso da tempo questa strada: solo nel 2021 ben 2mila colleghi tra infermieri, ma anche tra gli OSS, hanno lasciato la sanità pubblica, in particolare coloro che lavorano ogni giorno nell’inferno dei pronto soccorso.

Tutto questo non lo possiamo ignorare

inficia drammaticamente la qualità di prestazioni sanitarie che devono già fronteggiare la carenza generata dagli 80mila infermieri mancanti, in considerazione del fatto che le decine e decine di professionisti che restano a casa, alle prese con ecchimosi da aggressioni (nella migliore delle ipotesi) e stress traumatico post violenze, rappresentano altre forze di cui la sanità pubblica deve fare a meno.

Dove sono i presidi di pubblica sicurezza

chiesti da noi a gran voce? E cosa volete che ce ne facciamo di leggi che puniscono gli aggressori, solo a fatti tristemente avvenuti, se un medico o un infermiere rischiano addirittura la vita per mano di persone violente che non conoscono le regole della civile convivenza?», chiosa De Palma.

_______________________________________

  • Per chi volesse commentare questo servizio può scrivere a redazione@assocarenews.it
  • Iscrivetevi al gruppo Telegram di AssoCareNews.it per non perdere mai nessuna informazione: LINK
  • Iscrivetevi alla Pagina Facebook di AssoCareNews.itLINK
  • Iscrivetevi al Gruppo Facebook di AssoCareNews.itLINK
RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394