Pubblicità

Infermieri e OSS sotto shock dopo il ritrovamento di un paziente senza vita nel bagno: a ucciderlo un’overdose. Possibile atto d’imputazione in arrivo?

Infermieri e OSS sotto shock per la morte di un uomo di 48 anni, ricoverato presso l’ospedale di Cisanello a Pisa.

L’uomo era stato ricoverato da poco a seguito di un incidente e si trovava nei reparto di degenza della palazzina 31b, quella dell’ortopedia e traumatologia e della neurochirurgia.

Le dinamiche del ritrovamento non sono ancora del tutto chiare ma è stato confermato che l’uomo si trovava chiuso a chiave in bagno, con materiale di scarto di una dose di droga e la siringa ancora nel braccio.

Una tragedia su cui è stato aperto un fascicolo: al momento non si può escludere un capo d’imputazione verso il personale, reo di non aver vigilato adeguatamente il paziente. Infermieri e Oss ognuno in base al proprio profilo professionale.