Sindrome del Burnout: Infermieri, Oss e Professionisti Sanitari scoppiati!
Sindrome del Burnout: Infermieri, Oss e Professionisti Sanitari scoppiati!
Pubblicità

Due Infermieri e due OSS licenziati in una casa di riposo in Campania. Dormivano durante la notte mentre un Paziente prendeva la via d’uscita. Ritrovato per caso l’indomani mattina dalla moglie in Stazione.

E’ accaduto in una nota casa di riposo in Campania. Due Infermieri e due Operatori Socio Sanitari sono stati licenziati per omessa vigilanza. Dormivano durante il turno di notte, mentre un Paziente prendeva la via della fuga. Ritrovato la mattina successiva in ottimo stato di salute dalla moglie che per caso lo aveva avvistato nei pressi della Stazione Ferroviaria.

A chi non è capitato di notte di appisolarsi per qualche minuto durante il turno di notte? Diciamo la verità: un po’ a tutti. Di solito ci si dà il cambio quando si lavora in due o più operatori, in modo che almeno uno resti vigile e sveglio. In Campania probabilmente non la pensano così e addirittura in 4 hanno pensato di mettersi a letto su apposite brandine e di risvegliarsi la mattina alle 6.00 e non certo per la sveglia, quanto per il continuo tintinnio del campanello dell’ingresso centrale. All’apertura dell’immenso portone la sorpresa: vi era un Paziente di 80 anni circa in pigiama e in compagnia della moglie, inferocita come u a iena.

Ora mi spiegate come mai mio marito era in giro nei pressi della Stazione!” – ha urlato la signora, minacciando denunce e segnalazioni alla Direzione della struttura che gestisce ospiti con Alzheimer e demenze giovanili e geriatriche.

La donna ha aiutato a mettere a letto il marito e ha scritto di proprio pugno una missiva davanti agli operatori inserendola direttamente nella cassetta destinata alle segnalazioni e alle proteste, voluta proprio dalla Direzione aziendale.

Alle ore 10.00 in punto, dopo aver dato e consegne ed essere tornati a casa, i 4 sono stati richiamati dalla struttura e invitati a recarsi presso la Dirigenza. Qui hanno ricevuto mediante consegna a mano lettera di licenziamento. A nulla sono servite le scuse e l’aver ammesso di essersi addormentati e di non aver vigilato.

Il problema è però un altro, i 4 sono colpevoli di omessa vigilanza, ma come mai l’uomo è riuscito ad abbandonare la struttura? C’erano porte aperte? Non funzionavano i cancelli all’uscita? Qualcuno lo ha accompagnato all’esterno? Chi lo sa, intanto a pagare per ora sono stati i 4, che lavoravano nella casa di cura con un contratto a termine e in regime interinale.