Pubblicità

Non ce l’hanno fatta Andrea e Giorgia, fidanzati ventenni morti a causa di un pauroso incidente stradale. E’ accaduto stanotte. Per i due inutili i soccorsi. Medici e Infermieri ne hanno solo potuto constatare il decesso.

Nello schianto in via della Repubblica ad Albiano Magra hanno perso la vita due fidanzati: Andrea Rapallini, 21 anni, e Giorgia Gallo, 20 anni. Feriti in modo grave tre coetanei: Leonardo Dascanio, 21 anni, Alex Cusimano, 22 anni, e Gianmarco Bigliazzi, 19 anni.

Gravissimo incidente nella notte intorno all’1 in via della Repubblica ad Aulla, in località Albiano Magra lungo via della Repubblica, la  strada che va da Albiano a Ceparana.

Un tragico fuoristrada e nell’auto impazzita, che nel punto di una semicurva si è schiantata contro un parapetto in cemento, sono morti due ragazzi, Andrea Rapallini, 21 anni, residente a Montedivalli di Podenzana, e la sua fidanzata Giorgia Gallo, 20 anni, residente a La Spezia. Il giovane era alla guida dell’automobile di proprietà, un’Alfa Romeo Mito, mentre la 20enne era sul sedile del passeggero.

A bordo dell’auto, sui sedili posteriori, c’erano altri tre coetanei: Leonardo Dascanio, 21 anni di Santo Stefano Magra, ricoverato all’ospedale Sant’Andrea di La Spezia come Alex Cusimano, 22 anni residente a Bolano, mentre Gianmarco Bigliazzi, 19 anni anche lui di Bolano, lotta tra la vita e la morte all’ospedale Cisanello di Pisa, dove è stato trasferito con il Pegaso dal Noa di Massa.

Il gruppo di giovanissimi aveva appena lasciato una festa di compleanno nel circolo di Bolano e si dirigevano verso Sarzana per continuare la serata tra amici.

Sul posto del tragico incidente sono intervenuti l’automedica di Aulla, la Croce Rossa di Albiano Magra, la Pubblica Assistenza, la Croce Bianca di Aulla e due mezzi di soccorso da La Spezia. Per i rilievi e le operazioni di soccorso sul posto anche i carabinieri di Aulla e i vigili del fuoco che hanno estratto i cinque giovani dalle lamiere dell’auto.

Le operazioni di soccorso si sono concluse intorno alle 4 della mattina di sabato 8 febbraio.

Fonte: Il TirrenoAssoCareNews.it