histats.com
domenica, Marzo 3, 2024
HomeCronacaDall'esteroVolontari trucidati mentre portavano cibo al canile. Esercito russo uccide tre ragazzi...

Volontari trucidati mentre portavano cibo al canile. Esercito russo uccide tre ragazzi disarmati.

Pubblicità

Volontari trucidati mentre si occupavano dei poveri animali affamati, anche loro colpiti dalla guerra. Esercito russo uccide tre ragazzi disarmati.

Tre giovani volontari trucidati senza pietà, anche loro erano “obiettivi militari” come sostiene Putin?

A mezzogiorno del 4 marzo, un SUV stava attraversando le strade di Bucha, un tempo un’accogliente cittadina verde vicino a Kiev, ora punto caldo della guerra della Russia contro l’Ucraina.

Nell’auto c’erano tre persone: Serhiy Ustymenko, 25 anni, co-fondatore di un’officina di riparazione auto, Maxym Kuzmenko, 28 anni, server di narghilè, e Anastasia Yalanska, 26 anni, reclutatrice di piombo presso un’azienda. Il quarto nella foto è vivo per miracolo: solo una casualità non lo ha fatto unire quel giorno ai suoi amici.

Bucha era e rimane un luogo pericoloso, ora in gran parte controllato dalle forze russe. I tre giovani ucraini erano lì per un’importante missione. 

Avevano appena consegnato il cibo per cani a un canile che aveva finito e stavano tornando a prendere i genitori di Ustymenko. 

Mentre l’auto si avvicinava alla loro casa, il quartiere è stato scosso da un suono assordante.

Un veicolo russo (i testimoni lo identificano come un carro armato o un veicolo da combattimento di fanteria) ha aperto il fuoco sull’auto.

Quando la sparatoria si è interrotta, Valeriy Ustymenko, il padre di Serhiy, è corso verso l’auto. Tutti dentro erano già morti. 

Ha trascinato fuori i tre corpi e li ha portati nel suo seminterrato, dove si sta nascondendo dai continui bombardamenti, come la maggior parte delle persone a Bucha.

Giorni dopo, i corpi sono ancora lì. A causa dei bombardamenti, non possono essere seppelliti. I loro amici e le loro famiglie non possono dare un addio decoroso ai loro cari. 

Il padre di Ustymenko è ancora nel seminterrato, con i corpi di suo figlio e dei due amici di suo figlio.

“L’auto era (ovviamente) civile” ha detto Dmytro Zubkov, un amico di Maxym Kuzmenko. “Maxym indossava un cappello con pon pon. Non sembravano affatto dei militari”.

Autrice: Anna Myroniuk, kyiv independent.

Traduzione e aggiustamento testo: Marco Tapinassi.

RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394