histats.com
sabato, Ottobre 23, 2021
Pubblicità
HomeCronacaDall'esteroOrfani bianchi: troppi suicidi tra i ragazzini nell'Est del Mondo.

Orfani bianchi: troppi suicidi tra i ragazzini nell’Est del Mondo.

Oggi parliamo del cosiddetto fenomeno degli “Orfani Bianchi”. Dall’Est sconvolgenti storie di depressione, cresce il numero di suicidi tra i ragazzi.

La chiamano “Sindrome del mal d’Italia” ne abbiamo parlato nell’articolo precedente, ovvero forma depressiva che continua a colpire migliaia di donne dell’Est, le quali per anni hanno lavorato in Italia e che al ritorno nella loro patria nativa sono affranti dal ricordo e sensi di colpa con cui hanno vissuto, nell’aver  prima abbandonato i propri  figli e familiari.

Ma è l’altra faccia della medaglia che a maggior ragione merita una particolare attenzione, e che sta generando non poche problematiche a livello sociale, si parla oggi degli “ Orfani Bianchi”, figli lasciati da madri emigrate a genitori ormai anziani, zii o parenti, che per quanto attenti, non possono sostituire un abbraccio materno.

Ognuno di questi bambini ha un nome, ognuno di loro ha una storia, dei bisogni e delle richieste, ma soprattutto ognuno di loro rivendica a tutti i costi l’attenzione materna  dove puntualmente  al bisogno viene sempre a mancare.

Spesso ci sentiamo ripetere che nel momento in cui qualcuno che amiamo ci lascia, genera un vuoto incolmabile dentro di noi e veniamo sopraffatti dai sentimenti, come confusione ,dolore , rabbia etc. Negli “ Orfani Bianchi” questo abbandono , questo continuo ricercare il calore materno, sia pure in un semplice incrocio di sguardi, e mai trovarlo, si tramuta in depressione , tanto che negli ultimi anni sta portando (visto il considerevole numero di madri emigrate), ad un aumento di casi di suicidio tra  adolescenti.

Eppure a sentire i loro coetanei più poveri, li considerano fortunati, perché hanno qualcuno da qualche parte del mondo che gli permette con il proprio sacrificio e lavoro, di vivere in modo più agiato, hanno la possibilità di comprarsi un cellulare, vestiti più belli e tanto altro ancora , ma tutto ciò ha solo il sapore materiale e vacuo delle cose, sono infelici, gli mancano le loro madri, il battito di cuore vitale per tutti i bambini del mondo.

E cosi molti di loro finiscono per togliersi la vita, diverse strazianti storie ci raccontano come i bambini si impiccano, le ragazzine si avvelenano, un agire materiale e morale che si reca a se stessi, tanto grave quanto significativo, poiché nella loro incoscienza si genera l’illusione che questo gesto possa far ritornare la loro madre.

Leggi anche:

Badanti dell’Est e sindrome del mal d’Italia. Troppi suicidi tra chi rientra.

Prof. Andrea Ruscittohttps://www.assocarenews.it/
Andrea Ruscitto nativo di Rignano Garganico vive a San Marco in Lamis, dove frequenta e consegue la maturità scientifica . Guida Turistica Archeologica e Ambientale –Regione Puglia. Consegue la laurea triennale in lettere moderne con tesi in sociologia dell’arte e della letteratura, dove discute anche di alcune sue opere pittoriche, consegue la Magistrale in Filologia e lettere moderne con tesi in Filologia e linguistica romanza, con particolare interesse sullo studio e sull’influenza del Latino sul cristianesimo. Attualmente docente di Letteratura italiana e Latino, si occupa da anni dello studio del colore con la produzione di opere d’arte su tela e materiali eterogenei, vanta di alcune mostre personali e collettive anche all’estero, nonché di recensioni da parte di critici d’arte come la Dott.ssa Sabrina Falzone. Collabora e ha collaborato con l’amico e giornalista dott. Angelo Del vecchio, con il quale ha pubblicato alcune sue storie sul libro “Racconti e leggende del Gargano“.
RELATED ARTICLES

1 commento

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394