histats.com

Primo vaccino scoperto nel 1796 e la ricerca va avanti.

Primo vaccino scoperto nel 1796 e la ricerca va avanti.

Edwars Jenner nel 1796 scoprì il primo vaccino contro il vaiolo.

Il Settecento vide morire per colpa del Vaiolo migliaia di vittime, finchè non venne scoperto da un medico di campagna il vaccino in grado di prevenire l’insorgere della malattia.

Detto “the country doctor” in quanto era un semplice medico nella campagna del Berkeley durante il XVIII secolo, Jenner ebbe un intuizione geniale osservando le donne addette alla mungitura dei bovini; infatti notò che una volta contagiate dal vaiolo bovino esse non venivano contagiate dalla variante umana del virus molto aggressiva e letale.

Jenner sperimentò quella che inizialmente era nata come un’ipotesi del tutto bizzarra: estrasse del materiale da una pustola di una mungitrice affetta da vaiolo bovino per inoculare poi il materiale in un bambino sano, tal James Phipps all’epoca aveva 8 anni. Il piccolo James dopo una settimana lamentò dolori all’ascella, seguiti da sensazioni di freddo e mal di testa. Con il passare dei giorni vi fu una remissione della sintomatologia. Jenner esattamente un mese dopo sperimentò sul bambini la sua immunizzazione inoculando materiale prelevato da un malato di vaiolo umano. Il piccolo James non manifestò alcuna reazione. Così Jenner ripetè varie volte l’esperimento ottenendo il medesimo risultato.

L’Inghilterra come tutti gli altri paesi europei stavano vivendo una vera e propria epidemia; il vaiolo infatti si abbattè come una vera e propria “spada di Damocle” mietendo migliaia di vittime. Jenner non era solo un medico, ma anche gologo, paleontologo e perfino ornitologo. Ma Jenner passa alla storia per aver isolato un vaccino. Lui lo sperimentò il vaccino mediante metodo scientifico, in un secondo momento Louis Pasteur comprese che poteva essere generalizzato il processo di inoculazione di germi attenutati per prevenire le malattie dell’epoca e così nacquero i vaccini contro la difterite, il tetano, la rabbia e la poliomelite.

Dott.ssa Giulia De Francesco

Infermiera, classe 1994. Vive a Imola e lavora presso l’Istituto di Montecatone - Ospedale di Riabilitazione; ha prestato la sua opera in passato nell'AUSL Romagna. Laurea in infermieristica con Lode presso l'Università di Bologna, I sessione (ottobre 2016). Master in funzioni di coordinamento con Lode presso l'Università di Modena e Reggio Emilia, I sessione (novembre 2018). Una pubblicazione scientifica sulla rivista italiana ANIPIO "Sperimentazione di una check-list per implementare un Bundle per la prevenzione delle batteriemie correlate a Catetere Venoso Centrale" (ottobre 2017). Ama leggere e camminare, non datele un microfono perché improvvisa un karaoke ovunque.

© 2019-2020 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2019 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Bologna.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Giulia De Francesco, Giovanni Maria Scupola, Ivan Santoro, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Emilia Romagna: Viale Spadolini, 13 – Ravenna – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394