histats.com
mercoledì, Giugno 23, 2021
Pubblicità
HomePazientiPatologieScarlattina: come gestire il Paziente Pediatrico affetto da questa patologia esantematica.

Scarlattina: come gestire il Paziente Pediatrico affetto da questa patologia esantematica.

La scarlattina è un’eruzione cutanea che complica un’infezione batterica che sfocia in mal di gola. Può dare febbre anche alta.

La scarlattina, nota anche come scarlattina, prende il nome dal fatto che la pelle del paziente, soprattutto sulle guance, è arrossata. La malattia colpisce principalmente i bambini.

Un mal di gola e un’eruzione cutanea in rilievo simile alla carta vetrata su gran parte del corpo sono accompagnati da febbre e lentezza (letargia).

La febbre di solito scompare entro pochi giorni e il recupero è completo entro due settimane. Dopo che la febbre è scomparsa, la pelle del viso e del corpo si sfalda; la pelle dei palmi delle mani e delle piante dei piedi si sbuccia in modo più drammatico. Il trattamento per la scarlattina ha lo scopo di compensare la possibilità di gravi complicazioni come la febbre reumatica (una malattia cardiaca) o l’infiammazione renale (glomerulonefrite).

La scarlattina è altamente contagiosa e si diffonde tramite starnuti, tosse o contatto diretto. Il periodo di incubazione va da tre a cinque giorni, con sintomi che di solito iniziano il secondo giorno della malattia e durano da quattro a dieci giorni.

All’inizio del ventesimo secolo, erano comuni gravi epidemie di scarlattina. All’inizio degli anni 2000, la malattia è rara. Gli antibiotici hanno aiutato ed è possibile che il ceppo di batteri che causa la scarlattina si sia indebolito con il tempo.

Aspetti demografici.

La scarlattina colpisce principalmente i bambini di età compresa tra i cinque e i 15 anni. Circa il 10% di tutti i bambini con mal di gola sviluppa la caratteristica eruzione cutanea di scarlattina.

Cause e sintomi.

La scarlattina è causata da batteri streptococchi di gruppo A (S. pyogenes), microbi altamente tossici che possono anche causare mal di gola, infezioni della ferita o della pelle, polmonite e gravi infezioni renali. Gli streptococchi di gruppo A sono batteri emolitici, il che significa che hanno la capacità di rompere i globuli rossi. Il ceppo di streptococco che causa la scarlattina, a differenza di quello che causa la maggior parte degli streptococchi, produce una tossina eritrogena, che fa arrossare la pelle.

I principali sintomi e segni della scarlattina sono febbre, letargia, mal di gola e un’eruzione cutanea irregolare che sbianca sotto pressione. L’eruzione cutanea appare prima sulla parte superiore del torace e si diffonde al collo, all’addome, alle gambe, alle braccia e nelle pieghe della pelle come sotto il braccio o l’inguine. Nella scarlattina, la pelle intorno alla bocca tende ad essere pallida, mentre le guance sono arrossate. Il paziente di solito ha una “lingua fragola”, in cui protuberanze infiammate sulla lingua si alzano sopra un rivestimento rosso vivo. Infine, nelle pieghe delle pieghe della pelle possono apparire delle linee rosso scuro (chiamate linee di Pastia).

Diagnosi.

I casi di scarlattina vengono solitamente diagnosticati e trattati da pediatri o medici di famiglia. I principali segni diagnostici della scarlattina sono la caratteristica eruzione cutanea, che risparmia i palmi e le piante dei piedi, e la presenza di una lingua di fragola nei bambini. La lingua di fragola si vede raramente negli adulti.

Il medico prenderà nota dei segni e dei sintomi per eliminare la possibilità di altre malattie. Ad esempio, la scarlattina può essere distinta dal morbillo, un’infezione virale associata anche a febbre ed eruzione cutanea, dalla qualità dell’eruzione cutanea, dalla presenza di mal di gola nella scarlattina e dall’assenza della grave infiammazione oculare naso che cola grave che di solito accompagna il morbillo.

Sebbene la scarlattina spesso si risolva spontaneamente entro pochi giorni, il trattamento antibiotico con penicillina orale o iniettabile è solitamente raccomandato per ridurre la gravità dei sintomi, prevenire complicazioni e prevenire la diffusione ad altri. Il trattamento antibiotico riduce il decorso della malattia nei bambini piccoli, ma potrebbe non farlo negli adolescenti o negli adulti. Tuttavia, il trattamento con antibiotici è importante per prevenire le complicanze.

Per il trattamento è necessaria un’iniezione di penicillina benzatina. Ma poiché le iniezioni di penicillina sono dolorose, la penicillina orale può essere preferibile. Se il paziente non è in grado di tollerare la penicillina, possono essere utilizzati antibiotici alternativi come l’eritromicina o la clindamicina. Tuttavia, è necessario seguire l’intero ciclo di antibiotici, di solito dieci giorni, affinché la terapia sia efficace. Poiché i sintomi si attenuano rapidamente, c’è la tentazione di interrompere prematuramente la terapia. È importante prendere tutte le pillole per uccidere i batteri. Il mancato completamento del ciclo di terapia aumenta il rischio di sviluppare febbre reumatica e infiammazione renale.

Prognosi.

Se trattato tempestivamente con antibiotici, è previsto il completo recupero. Una volta che un paziente ha avuto la scarlattina, la persona sviluppa l’immunità e non può svilupparla di nuovo.

Prevenzione.

Evitare l’esposizione a bambini che hanno la malattia aiuta a prevenire la diffusione della scarlattina.

Preoccupazioni dei genitori.

La cosa più importante da fare per i bambini con scarlattina è seguire attentamente e completamente le istruzioni del medico per la somministrazione di un ciclo di antibiotici.

Bibliografia e sitografia:

  • Archivio AssoCareNews.it – LINK;
  • Balentino, Jerry. “Scarlattina.” eMedicine, 2 novembre 2004 – LINK;
  • Anello d’oro, John. “Scarlattina.” MedlinePlus, 11 novembre 2003 – LINK;
  • Accademia americana di pediatria. 141 Northwest Point Blvd., Elk Grove Village, IL 60007-1098. Sito Web: LINK;
  • Sally J. Jacobs, EdD Rosalyn Carson-DeWitt, MD.

Leggi anche:

Scarlattina: come si manifesta e come curarla.

Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

2 Commenti

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394