Pubblicità

Le Placche in Gola sono molto fastidiose. Ecco come riconoscerle e come gestirle. I rimedi per stare meglio.

Cosa sono le placche in gola e come si gestiscono? Sono delle “macchie” di colore biancastro o giallstro abbinate, anche se non sempre, ad un lieve dolore. Esse possono interessare il rivestimento mucoso soprattutto nell’area posteriore della gola: ugola, tonsille e palato molle.

Quel lieve disturbo alla gola: effetti delle placche.

Oggi presentiamo un servizio realizzato dagli amici di Ecoidee.it, che suggerisce metodi naturali per lenire il “problemino”, e di Neoborocillina, che propone rimedi farmacologici e chimici.

In presenza di placche alla gola si ha difficoltà a deglutire acqua o cibo perché la loro comparsa tende a causare un arrossamento delle tonsille e anche un loro rigonfiamento. A seconda della intensità del fenomeno, la deglutizione arriva anche a provocare dolore, mentre si possono registrare sintomatologie come mal di testa e stati febbrili.

Cosa provoca le placche?

Le placche in gola in genere compaiono a causa di malattie dell’apparato respiratorio, dovute a stati di raffreddamento tipici delle stagioni meno calde ma anche a causa di batteri o virus. Così, a un mal di gola o a uno dei classici stati influenzali è facile che si accompagnino placche in gola, le quali sono spesso sintomi di infiammazione delle tonsille (la tonsillite) o della faringe (faringite).

I rimedi naturali.

A seconda della natura infettiva che le ha generate, diversi sono i rimedi per contrastare le placche alla gola. Se la causa è un virus, allora rimedi come NeoBorocillina possono essere d’aiuto. Se invece si tratta di un’infezione batterica, soprattutto se a causarla è stato verificato che sia uno Streptococco, come lo Streptococco Beta-emolitico di gruppo A, allora la terapia più adatta è quella con antibiotici, che devono essere prescritti solo in seguito a una visita medica o specialistica o, nel caso di placche in gola nei bambini, un’accurata visita pediatrica.

Tra i rimedi naturali più utilizzati citiamo:

  1. Zenzero, che è considerato un potente antibatterico, antidolorifico e antinfiammatorio naturale. È importante però che lo zenzero sia fresco, da masticare visto che le caramelle allo zenzero potrebbero non risultare efficaci.
  2. Infusi di salvia o di altre erbe medicinali come il timo. È possibile trovarle in erboristeria già essiccati per preparare delle ottime tisane e infusi, per alleviare il dolore causato dalle placche alla gola. Sarà l’erborista testa a indicare come poter assumere e come soprattutto preparare l’infuso in base al vostro stato di salute.
  3. Suffumigi, considerati dei rimedi tra i più antichi ma soprattutto più efficaci. Bisognerà utilizzare poche gocce dell’olio essenziale di eucalipto diluite in circa un litro d’acqua molto calda.
  4. Gargarismi con succo di limone o al massimo aceto di mele. Nel caso decidiate di fare dei gargarismi con succo di limone, dovrete mettere in un bicchiere un po’ di sale, acqua tiepida e del succo di limone. Qualora decidiate di utilizzare invece l’aceto di mele, sostituitelo semplicemente al succo di limone, utilizzando soltanto un cucchiaino. Potete fare questi gargarismi fino a due o tre volte al giorno.

Come alleviare il dolore delle placche.

Per alleviare i sintomi da placche in gola, possono essere d’aiuto pastiglie specifiche per il mal di gola, così come soluzioni spray adatte al mal di gola forte. Si può riscontrare sollievo anche con tisane di salvia o di timo o con il classico cucchiaino di miele. Sconsigliati i cibi piccanti.

Placche in gola e gli utenti pediatrici.

Dobbiamo considerare che il maggior numero di agenti infettivi presenti nella nostra vita quotidiana, come batteri e virus, si trasmettono attraverso l’aria che respiriamo. Facile dunque che il primo coinvolgimento del nostro organismo inizi dalla gola, dove avvengono le prime reazioni di difesa da parte nostra. Mal di gola, arrossamenti, dolore, innalzamento della temperatura corporea, inflessioni di voce sono i segni della battaglia in atto. Sono questi i primi segnali importanti da cogliere nei bambini, così come cercare di capire se hanno difficoltà o dolore a deglutire. La presenza di placche bianche/giallastre nella gola dei bambini è dovuta a normale secrezione della mucosa della gola e delle vie respiratorie; si possono contrastare adeguatamente ma sempre dopo un’accurata visita pediatrica per comprenderne la natura.