1027148750 rob_lan/Getty Images
Pubblicità

L’avvento del Coronavirus ha incrementato i casi di Orzaiolo tra chi è affetto da Covid-19. Alcuni studi hanno dimostrato che vi è correlazione diretta.

L’orzaiolo (in inglese Hordeolum) è una morbida protuberanza rossa sul bordo della palpebra. La ghiandola sul bordo palpebrale viene infettata. Quando si verifica all’interno o sotto la palpebra è chiamato orzaiolo interno.

E’ stato notato un aumento della presenza di Orzaiolo nei Pazienti affetti da Covid-19.

Probabilmente il Coronavirus riesce ad aumentare il rischio di insorgenza di questa infezione, permettendo ai batteri di proliferare maggiormente in presenza di un sistema immunitario debilitato.

L’infezione è più spesso causata da un batterio o un germe chiamato stafilococco (Staphylococcus aureus).

Soggetti a rischio.

È più probabile che mostri un orzaziolo se:

  • ne hai avuto uno in precedenza;
  • indossi lenti a contatto;
  • non igienizzi accuratamente gli occhi;
  • usi un trucco per gli occhi vecchio o contaminato;
  • hai altre problematiche agli occhi come una palpebra infiammata o infetta (blefarite);
  • sei affetto/a in concomitanza da rosacea, dermatite seborroica o diabete.

Sintomi.

I sintomi di ogni persona possono variare.

Quelli più comuni possono includere:

  • gonfiore, arrossamento, dolore o palpebra cadente;
  • sentirsi come se ci fosse qualcosa nei tuoi occhi;
  • essere infastiditi dalla luce intensa;
  • lacrimazione e formazione di croste negli occhi.

I sintomi di un orzaiolo possono essere simili a quelli di altre patologie, per cui è sempre consigliabile rivolgersi al proprio Medico di fiducia.

Diagnosi.

Nella maggior parte dei casi il tuo medico sarà in grado di dire se hai un orzaiolo semplicemente guardandolo. Non avrai bisogno di fare alcun test.

Prognosi e trattamento casalingo.

Nella maggior parte dei casi un orzaiolo andrà via da solo.

Ci sono alcune cose che puoi fare per trattare l’orzaiolo a casa.

Ad esempio:

  • metti un panno caldo e umido (impacco) sulla palpebra per 5-10 minuti. Questo dovrebbe essere fatto da 3 a 5 volte al giorno;
  • lavati spesso le mani;
  • lavati il ​​viso ogni giorno, inclusa la zona degli occhi;
  • evitare di toccare l’orbita oculare;
  • non svuotare l’orzaiolo;
  • non truccarti finché l’infezione non guarisce.

Il tuo medico può anche prescriverti creme o unguenti speciali contro i batteri (antibiotici) da applicare sulla zona. Non tutti i ritrovati però sono sicuri per gli occhi, per cui vanno utilizzati con attenzione.

Rivolgiti ad un oculista (oftalmologo) se l’orzaiolo non va via da solo o dopo breve trattemento.

Prevenzione.

Per prevenire l’orzaiolo, dovresti:

  • lavarti spesso le mani;
  • lavati il ​​viso e la zona degli occhi;
  • fare attenzione quando usi e rimuovi il trucco degli occhi

Quando chiamare il Medico di fiducia?

Chiama il tuo medico se:

  • noti il rossore o il gonfiore della palpebra;
  • avverti dolore alla palpebra;
  • senti come se qualcosa fosse nei tuoi occhi.

Da ricordare:

  • Un orzaiolo è una tenera protuberanza rossa sul bordo della palpebra.
  • È un’infezione di una ghiandola palpebrale.
  • L’infezione è più spesso causata da un batterio chiamato stafilococco (Staphylococcus aureus).
  • I sintomi più comuni sono arrossamento e gonfiore della palpebra.
  • Nella maggior parte dei casi un orzaiolo andrà via da solo.

Orzaiolo e Coronavirus.

Con l’avvento del Coronavirus e del Covid-19 le infezioni oculari, tra cui congiuntiviti, blefariti e orzaiolo, sono aumentati a dismisura.

Se sei affetto da Covid ti consigliamo comunque di farti seguire da Medici e Oculisti esperti.

Ovviamente se sei ricoverato in Ospedale saranno i sanitari a gestirti correttamente.

Leggi anche:

Orzaiolo. Cos’è, come si riconosce e come si cura.

3 COMMENTS

Comments are closed.