histats.com
sabato, Luglio 31, 2021
Pubblicità
HomeConcorsi InfermieriAppunti Concorsi InfermieriLinfociti. Quale organo li produce e perché valori alti o bassi devono...

Linfociti. Quale organo li produce e perché valori alti o bassi devono farci preoccupare.

Oggi scopriamo quale organo produce i Linfociti. Inoltre vediamo come mai valori alti o bassi di queste cellule immunitatie devono farci preoccupare.

I linfociti sono uno dei diversi tipi di globuli bianchi. Ogni tipo di globulo bianco ha una funzione specifica e tutti lavorano insieme per combattere malattie e malattie.

I globuli bianchi sono una parte importante del tuo sistema immunitario. Aiutano il tuo corpo a combattere gli antigeni, che sono batteri, virus e altre tossine che ti fanno ammalare. Se il tuo medico dice che hai un sistema immunitario indebolito, significa che non ci sono abbastanza globuli bianchi nel tuo flusso sanguigno.

Linfociti e come funzionano e da quale organo sono prodotti.

Il tuo midollo osseo produce costantemente cellule che diventeranno linfociti. Alcuni entreranno nel tuo flusso sanguigno, ma la maggior parte si muoverà attraverso il tuo sistema linfatico.

Il sistema linfatico è il gruppo di tessuti e organi, come milza, tonsille e linfonodi, che proteggono il tuo corpo dalle infezioni.

Circa il 25% dei nuovi linfociti rimane nel midollo osseo e diventa cellule B. L’altro 75 percento viaggia verso il tuo timo e diventa cellule T.

Esistono diversi tipi di cellule B e cellule T. Questi includono:

  • cellule effettrici attivate dagli antigeni per combattere un’infezione attiva;
  • cellule della memoria che sono rimaste nel tuo corpo abbastanza a lungo da riconoscere e “ricordare” infezioni passate e entrare rapidamente in azione se si viene reinfettati da un antigene.

I linfociti B ei linfociti T lavorano insieme per combattere le infezioni.

I ruoli dei linfociti B e dei linfociti T.

I linfociti B riconoscono gli antigeni e diventano plasmacellule che producono anticorpi per combatterli.

Esistono tre tipi di linfociti T e ognuno svolge il proprio ruolo.

Questi includono:

  • cellule T citotossiche;
  • cellule T helper;
  • cellule T regolatorie.

Le cellule T citotossiche, spesso chiamate cellule T killer, distruggono le cellule del corpo che sono state infettate da un antigene, cellule tumorali e cellule estranee come gli organi trapiantati.

Le cellule T helper dirigono la risposta immunitaria delle cellule B e di altre cellule T.

I linfociti T regolatori sopprimono il sistema immunitario per tenere sotto controllo la sua risposta. Oltre a prevenire le malattie autoimmuni, impediscono anche ad altri globuli bianchi di combattere antigeni reali o percepiti. Gli antigeni percepiti includono sostanze come allergeni e normali batteri della flora nel tratto gastrointestinale. Gli allergeni sono cose che causano una reazione allergica, che potrebbe includere polline, muffe o peli di animali domestici.

Screening delle cellule B e T.

Se mostra i sintomi di un’infezione e si sospetta una malattia del sangue, la conta dei linfociti complessiva è anormale. In questo caso, il medico può ordinare un esame del sangue chiamato screening delle cellule B e T per contare quanti linfociti sono nel flusso sanguigno. Una conta linfocitaria troppo alta o troppo bassa può essere un segno di malattia.

Per il test, il sangue viene prelevato dal tuo braccio presso l’ufficio del tuo medico o un laboratorio. Il sangue viene quindi inviato a un laboratorio dove verrà analizzato. I risultati verranno inviati al medico. Chiedi al tuo medico quando dovresti aspettarti i risultati. A seconda del laboratorio, i tempi di attesa possono variare, ma in genere non sono necessari più di due o tre giorni.

Ci sono alcune cose che possono influenzare i risultati del tuo esame del sangue. Informi il medico se una delle seguenti condizioni la riguarda:

  • hai avuto un’infezione recente;
  • hai fatto la chemioterapia;
  • hai fatto la radioterapia;
  • hai avuto una terapia steroidea;
  • hai l’HIV;
  • hai subito un intervento chirurgico;
  • sei incinta;
  • hai un forte stress.

Come leggere i risultati del test.

I laboratori hanno spesso modi diversi di misurare i risultati degli esami del sangue.

I risultati variano anche in base a:

  • età;
  • genere;
  • eredità (DNA);
  • quanto in alto sul livello del mare vivi.

La tabella seguente fornisce intervalli approssimativi per gli adulti, ma ti consigliamo di parlare con il tuo medico dei tuoi risultati. Alcuni fattori potrebbero determinare quale sia un intervallo normale per te.

Test

Conta delle cellule normali dell’adulto

Intervallo normale nell’adulto (differenziale)

Bassi livelli

Alti livelli

Globuli Bianchi (WBC)

4,500-10,000 (4.5-10.0) globuli bianchi/mcL

1% del totale del volume del sangie

situazione critica quando meno di 2.500 linfociti / mcl

situazione critica quando maggiore di 30.000 / mcl

Linfociti

800-5000 (0.8-5.0) linfociti/mcL

18-45% del totale dei globuli bianchi

meno di 800 linfociti / mcl

superiore a 5.000 linfociti / mcl

Cosa causa un basso numero di linfociti?

Una conta linfocitaria bassa, chiamata linfocitopenia, di solito si verifica perché:

  • il tuo corpo non produce abbastanza linfociti;
  • i linfociti vengono distrutti;
  • i linfociti sono intrappolati nella milza o nei linfonodi.

La linfocitopenia può indicare una serie di condizioni e malattie. Alcuni, come l’influenza o le infezioni lievi, non sono gravi per la maggior parte delle persone. Ma una bassa conta dei linfociti ti mette a maggior rischio di infezione.

Altre condizioni che possono causare linfocitopenia includono:

  • malnutrizione;
  • HIV e AIDS;
  • influenza;
  • condizioni autoimmuni, come il lupus;
  • alcuni tipi di cancro, tra cui anemia linfocitica, linfoma e malattia di Hodgkin;
  • uso di steroidi;
  • radioterapia;
  • alcuni farmaci, compresi i farmaci chemioterapici;
  • alcuni disturbi ereditari, come la sindrome di Wiskott-Aldrich e la sindrome di DiGeorge.

Cosa causa un numero elevato di linfociti?

La linfocitosi, o un numero elevato di linfociti, è comune se hai avuto un’infezione.

Livelli elevati di linfociti che persistono possono indicare una malattia o una malattia più grave, come:

  • infezioni virali, inclusi morbillo, parotite e mononucleosi;
  • adenovirus;
  • epatite;
  • influenza;
  • tubercolosi;
  • toxoplasmosi;
  • citomegalovirus;
  • brucellosi;
  • vasculite;
  • leucemia linfatica acuta;
  • leucemia linfatica cronica;
  • HIV e AIDS.

Cosa chiedere al medico di fiducia.

Potrebbe essere utile porre le seguenti domande se il medico ordina uno schermo delle cellule B e T:

  • Perché pensi che abbia bisogno di questo test?
  • Stai testando per una condizione specifica?
  • Devo fare qualcosa di speciale per prepararmi al test?
  • In quanto tempo riceverò i risultati?
  • Chi mi darà i risultati e me li spiegherà?
  • Se i risultati del test sono normali, quali saranno i passaggi successivi?
  • Se i risultati del test sono anormali, quali saranno i passaggi successivi?
  • Quali misure di cura di sé dovrei intraprendere in attesa dei risultati?

In sintesi.

Conteggi dei linfociti troppo bassi o troppo alti possono significare che hai un’infezione o una malattia lieve. Quando ti riprendi, i livelli dei tuoi linfociti torneranno alla normalità. Se i conteggi linfocitari anormali persistono, la tua prospettiva dipende dalla condizione sottostante.

Leggi anche:

Globuli Bianchi: cosa sono e quali funzioni hanno i Leucociti. Patologie correlate.

Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

3 Commenti

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394