Pubblicità

Oggi parliamo di Epicondilite. Si tratta di una infiammazione dolorosa e invalidante che colpisce i condili ossei.

L’Epicondilite è una infiammazione o un danno all’area di un epicondilo osseo. Quali parti del Corpo Umano colpisce e come si gestisce questo disturbo? Può essere acuto o cronico, ma va sempre trattato.

L’Epicondilite può colpire anche i Professionisti Sanitari e Socio Sanitari, sottoposti ai cosiddetti “lavori ripetitivi“.

Se avvertite dolori alle giunture ossee, soprattutto a carico dei gomiti, avvisate il Medico (per la diagnosi e per la prescrizione di antinfiammatori e analgesici),  che a sua volta può chiedere l’apporto dell’Infermiere (per la prevenzione, la terapia e lo stile di vita) e il Fisioterapista per la opportuna riabilitazione.

Ma cos’è l’Epicondilo?

Si tratta di una proiezione dell’osso sopra un condilo (una protuberanza arrotondata all’estremità di un osso, di solito dove l’osso si collega a un altro osso) dove sono attaccati legamenti e tendini.

Conosciamo due comuni forme di Epicondilite:

  • il gomito del tennista;
  • il gomito del golfista.

Colpisce soprattutto i gomiti.

Il gomito del tennista è anche noto come epicondilite laterale, che è una lesione da uso eccessivo nell’area dell’epicondilo laterale (esterno) dell’estremità del gomito dell’osso del braccio (omero).

Il gomito del golfista (epicondilite mediale) è una lesione da uso eccessivo simile al gomito del tennista, ma in questo caso il danno si verifica nell’area dell’epicondilo mediale (interno) dell’osso del braccio.

Etiologia e trattamento.

L’Epicondilite colpisce comunemente il gomito medialmente o lateralmente, tipicamente nella 4a o 5a decade di vita e senza predilezione per quanto riguarda il sesso.

L’Epicondilite è un processo infiammatorio che può essere descritto più accuratamente come tendinosi.

Nella regione epicondilare laterale, questo processo interessa il tendine estensore comune; nella regione epicondilare mediale, il tendine flessore comune è interessato.

È opinione diffusa che la condizione abbia origine da un uso eccessivo ripetitivo con conseguente microtearing e degenerazione progressiva a causa di una risposta riparativa immatura.

I progressi nella comprensione dell’anatomia e della fisiopatologia dell’epicondilite hanno plasmato le attuali pratiche di trattamento.

Inizialmente vengono intraprese misure conservative, perché i sintomi nella maggior parte dei pazienti migliorano con il tempo e il riposo.

Coloro che non rispondono alla terapia conservativa sono considerati per il trattamento chirurgico.

Quando è contemplato un intervento chirurgico, la risonanza magnetica o l’ecografia sono utili per valutare l’entità della malattia, rilevare i processi patologici associati, escludendo altre fonti primarie di dolore al gomito e pianificare l’approccio chirurgico.

Valutare e gestire correttamente il dolore è importante per chi soffre di Epicondilite.

Scale validate per la misurazione del Dolore.

La familiarità con l’anatomia normale, la fisiopatologia dell’Epicondilite e delle sue imitazioni e le tecniche e i risultati di imaging diagnostico consente una diagnosi più accurata e aiuta a stabilire un piano di trattamento appropriato.

Bibliografia e Sitografia:

  • Daniel M Walz, Joel S Newman, Gabrielle P Konin, Glen Ross – Epicondylitis: pathogenesis, imaging, and treatment – PUBMED – LINK;
  • William C. Shiel Jr. – Medical Definition of Epicondylitis – MedicineNet – LINK;
  • Archivio AssoCareNews.it LINK.

Leggi anche:

Lavori ripetitivi per Medici, Infermieri, Ostetriche, OSS e Professioni Sanitarie: ecco cosa rischiate.

1 COMMENT

Comments are closed.