histats.com
martedì, Ottobre 26, 2021
Pubblicità
HomePazientiPatologieEmorroidi: cause, sintomi e trattamento.

Emorroidi: cause, sintomi e trattamento.

Le emorroidi sono vene gonfie nell’ano e nel retto inferiore. Sono simili alle vene varicose. Esse possono svilupparsi all’interno del retto (emorroidi interne) o sotto la pelle intorno all’ano (emorroidi esterne).

Quasi tre adulti su quattro soffriranno di emorroidi di tanto in tanto. Le emorroidi hanno una serie di cause, ma spesso la causa è sconosciuta.

Fortunatamente, sono disponibili opzioni efficaci per curare le emorroidi. Molte persone ottengono sollievo con trattamenti domiciliari e cambiamenti nello stile di vita.

Segni e sintomi.

Segni e sintomi di emorroidi di solito dipendono dal tipo di emorroidi.

Emorroidi esterne.

Questi sono sotto la pelle intorno al tuo ano. Segni e sintomi potrebbero includere:

  • prurito o irritazione nella regione anale;
  • dolore o fastidio;
  • gonfiore intorno all’ano;
  • sanguinamento.

Emorroidi interne.

Le emorroidi interne si trovano all’interno del retto. Di solito non puoi vederli o sentirli e raramente causano disagio. Ma lo sforzo o l’irritazione durante il passaggio delle feci può causare:

Emorragia indolore durante i movimenti intestinali. Potresti notare piccole quantità di sangue rosso vivo sulla carta igienica o nella toilette.

Un’emorroide da spingere attraverso l’apertura anale (emorroidi prolassate o sporgenti), con conseguente dolore e irritazione.

Emorroidi trombizzate.

Se il sangue si accumula in un’emorroide esterna e forma un coagulo (trombo), può provocare:

  • dolore intenso;
  • rigonfiamento;
  • infiammazione;
  • creazione di un nodulo duro vicino all’ano.

Quando vedere un dottore.

Se sanguini durante i movimenti intestinali o hai le emorroidi che non migliorano dopo una settimana di cure domiciliari, parla con il tuo medico.

Non dare per scontato che il sanguinamento rettale sia dovuto alle emorroidi, soprattutto se hai cambiamenti nelle abitudini intestinali o se le feci cambiano di colore o consistenza. Il sanguinamento rettale può verificarsi con altre malattie, tra cui il cancro del colon-retto e il cancro anale.

Rivolgiti al pronto soccorso se hai:

  • grandi perdite rettali;
  • vertigini;
  • svenimento.

Le cause.

Le vene intorno all’ano tendono ad allungarsi sotto pressione e possono gonfiarsi o gonfiarsi.

Le emorroidi possono svilupparsi da una maggiore pressione nel retto inferiore a causa di:

  • tendendo durante i movimenti intestinali;
  • stare seduti per lunghi periodi di tempo sul water;
  • avere diarrea cronica o costipazione;
  • essere obesi;
  • essere incinta;
  • avere rapporti anali;
  • mangiare una dieta povera di fibre;
  • sollevamento regolare di carichi pesanti.

Fattori di rischio,

Con l’avanzare dell’età, il rischio di emorroidi aumenta. Questo perché i tessuti che supportano le vene del retto e dell’ano possono indebolirsi e allungarsi. Questo può accadere anche durante la gravidanza, perché il peso del bambino esercita una pressione sulla regione anale.

Complicazioni.

Le complicanze delle emorroidi sono rare ma includono:

  • Anemia. Raramente, la perdita di sangue cronica da emorroidi può causare anemia, in cui non si hanno globuli rossi sani a sufficienza per trasportare l’ossigeno alle cellule.
  • Emorroidi strangolate. Se l’afflusso di sangue a un’emorroide interna viene interrotto, le emorroidi possono essere “strangolate”, il che può causare dolore estremo.
  • Coagulo di sangue. Occasionalmente, si può formare un coagulo in un’emorroide (emorroidi trombizzate). Sebbene non sia pericoloso, può essere estremamente doloroso e talvolta deve essere forato e drenato.

Prevenzione.

Il modo migliore per prevenire le emorroidi è mantenere le feci morbide, in modo che passino facilmente. Per prevenire le emorroidi e ridurre i sintomi delle emorroidi, segui questi suggerimenti:

Mangia cibi ricchi di fibre. Mangia più frutta, verdura e cereali integrali. In questo modo ammorbidisci le feci e ne aumenta la massa, il che ti aiuterà a evitare lo sforzo che può causare le emorroidi. Aggiungi fibre alla tua dieta lentamente per evitare problemi con il gas.

Bevi molti liquidi. Bevi da sei a otto bicchieri di acqua e altri liquidi (non alcol) ogni giorno per mantenere le feci morbide.
Considera gli integratori di fibre. La maggior parte delle persone non riceve abbastanza della quantità raccomandata di fibre – da 20 a 30 grammi al giorno – nella propria dieta. Gli studi hanno dimostrato che gli integratori di fibre da banco, come lo psyllium (Metamucil) o la metilcellulosa (Citrucel), migliorano i sintomi generali e il sanguinamento da emorroidi.

Se usi integratori di fibre, assicurati di bere almeno otto bicchieri di acqua o altri liquidi ogni giorno. In caso contrario, gli integratori possono causare o peggiorare la stitichezza.

Non sforzarti. Sforzare e trattenere il respiro quando si cerca di passare uno sgabello crea una maggiore pressione nelle vene del retto inferiore.

Vai non appena senti il ​​bisogno. Se aspetti di passare un movimento intestinale e l’impulso scompare, le feci potrebbero seccarsi ed essere più difficili da passare.

Esercizio fisico regolare. Rimani attivo per aiutare a prevenire la stitichezza e per ridurre la pressione sulle vene, che può verificarsi con lunghi periodi in piedi o seduti. L’esercizio fisico può anche aiutarti a perdere peso in eccesso che potrebbe contribuire alle tue emorroidi.

Evita lunghi periodi di seduta. Stare seduti troppo a lungo, in particolare sul water, può aumentare la pressione sulle vene dell’ano.

Trattamento delle emorroidi.

Alcune emorroidi non possono essere gestite con i soli trattamenti conservativi, o perché i sintomi persistono o perché un’emorroide interna è prolassata.

Fortunatamente, sono disponibili numerosi trattamenti per le emorroidi mininvasivi che sono meno dolorosi della tradizionale rimozione delle emorroidi (emorroidectomia) e consentono un recupero più rapido.

Queste procedure sono generalmente eseguite nello studio di un chirurgo o come chirurgia ambulatoriale in un ospedale.

L’elastico. Il trattamento per le emorroidi più comunemente usato negli Stati Uniti è la legatura dell’elastico, in cui un piccolo elastico viene posizionato attorno alla base di un’emorroide (vedi riquadro sopra). La fascia fa sì che le emorroidi si restringano e il tessuto circostante si cicatrizzi mentre guarisce, mantenendo le emorroidi in posizione. Occorrono da due a quattro procedure, eseguite da sei a otto settimane l’una dall’altra, per eliminare completamente le emorroidi. Le complicanze, che sono rare, includono lieve dolore o senso di oppressione (solitamente alleviata con un semicupio), sanguinamento e infezione. Altre procedure ambulatoriali includono la coagulazione laser o infrarossa, la scleroterapia e la criochirurgia. Funzionano tutti secondo lo stesso principio della legatura degli elastici, ma non sono altrettanto efficaci nel prevenire le recidive. Gli effetti collaterali e le recidive variano a seconda della procedura, quindi consulta il tuo medico su cosa è meglio per la tua situazione.

Emorroidectomia. Potrebbe essere necessario un intervento chirurgico se si hanno grandi emorroidi sporgenti, emorroidi esterne persistentemente sintomatiche o emorroidi interne che ritornano nonostante la legatura con elastico. In una emorroidectomia tradizionale, viene praticata una stretta incisione attorno al tessuto emorroidario sia esterno che interno e vengono rimossi i vasi sanguigni offensivi. Questa procedura cura il 95% dei casi e ha un basso tasso di complicanze, oltre a una meritata reputazione di essere dolorosa. La procedura richiede l’anestesia generale, ma i pazienti possono tornare a casa lo stesso giorno. I pazienti possono generalmente tornare al lavoro dopo 7-10 giorni. Nonostante gli svantaggi, molte persone sono contente di avere una soluzione definitiva alle loro emorroidi.

Emorroidopessi. Un’alternativa alla tradizionale emorroidectomia è chiamata emorroidopessi con punti metallici. Questa procedura tratta emorroidi interne sanguinanti o prolasso. Il chirurgo utilizza un dispositivo di pinzatura per ancorare le emorroidi nella loro posizione normale. Come la rimozione tradizionale delle emorroidi, l’emorroidopessi con punti metallici viene eseguita in anestesia generale come intervento chirurgico al giorno.

Ulteriori informazioni su:

Emorroidi: cosa sono, come si manifestano, come gestirle.

Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

3 Commenti

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394