Pregnant woman suffering with nausea in morning
Pubblicità

La donna in gravidanza è soggetto a fenomeni di flatulenza e di eruttazioni quasi sempre strettamente correlati con l’Aerofagia. Cause, sintomi e rimedi.

L’aerofagia, che può provocare la flatulenza, è il termine medico per l’ingestione d’aria eccessiva e ripetitiva. Tutti ingeriamo un po’ d’aria quando parliamo, mangiamo o ridiamo. In gravidanza la problematica si amplia ulteriormente. Cerchiamo di capirne di più sul fenomeno leggendo il resto del servizio.

Le persone con aerofagia ingeriscono così tanta aria, che produce sintomi gastrointestinali fastidiosi.

Questi sintomi includono tra gli altri:

  • distensione addominale;
  • gonfiore;
  • eruttazione e flatulenza.

L’aerofagia può essere cronica (a lungo termine) o acuta (a breve termine) e può essere correlata a fattori fisici e psicologici.

Sintomi.

Ingoiamo circa 2 litri d’aria al giorno solo mangiando e bevendo. Ne facciamo fuori circa la metà. Il resto viaggia attraverso l’intestino tenue ed esce dal retto sotto forma di flatulenza. La maggior parte di noi non ha problemi a processare ed espellere questo gas. Le persone con aerofagia, che prendono molta aria, sperimentano alcuni sintomi fastidiosi.

Uno studio pubblicato da Alimentary Pharmacology and Therapeutics ha rilevato che il 56% dei soggetti con aerofagia si lamentava di eruttazione, il 27% di gonfiore e il 19% sia di dolore addominale che di distensione. Una ricerca pubblicata sulla rivista Case Reports in Gastroenterology ha rilevato che questa distensione tende ad essere minore al mattino (probabilmente a causa del gas che viene espulso inconsciamente durante la notte attraverso l’ano) e progredisce durante il giorno. Altri sintomi includono l’udibile deglutizione dell’aria e la flatulenza.

Il manuale Merck riporta che passiamo gas attraverso il nostro ano in media da 13 a 21 volte al giorno, sebbene quel numero sia aumentato nelle persone con aerofagia.

Aerofagia o indigestione?

Mentre l’aerofagia condivide molti degli stessi sintomi con l’indigestione – principalmente fastidio addominale superiore – sono due disturbi distinti. Nello studio di Farmacologia e Terapia Alimentare, quelli con indigestione erano più inclini a segnalare i seguenti sintomi rispetto a quelli che avevano l’aerofagia:

  • nausea;
  • vomito;
  • sensazioni di pienezza senza mangiare grandi quantità;
  • perdita di peso.

Cause.

Prendere la giusta quantità di aria sembra abbastanza semplice, ma per una serie di ragioni le cose possono andare storte.

L’aerofagia può essere causata da varie cause:

1. Meccaniche.

Il modo in cui respiriamo, mangiamo e beviamo gioca un ruolo chiave nella formazione dell’aerofagia.

Alcune cose che portano a un’eccessiva deglutizione d’aria includono:

  • mangiare velocemente (ad esempio, prendendo un secondo morso prima che il primo sia completamente masticato e ingerito);
  • parlare mentre si mangia;
  • gomma da masticare;
  • bere con una cannuccia (succhiare attira più aria);
  • fumare (di nuovo, a causa dell’azione di suzione);
  • respirazione con la bocca;
  • esercizio vigoroso;
  • bere bevande gassate;
  • indossare protesi larghe.

2. Iatrogene.

Le persone con determinate condizioni mediche che usano macchinari per aiutarli a respirare sono più inclini ad avere l’aerofagia.

Un esempio è la ventilazione non invasiva (NIV). Questo è qualsiasi tipo di supporto respiratorio che non riesce a inserire un tubo nel naso o nella bocca di una persona.

Una forma comune di NIV è la macchina per la pressione positiva continua delle vie aeree (CPAP) utilizzata per trattare le persone con apnea ostruttiva del sonno. L’apnea notturna è una condizione in cui le vie aeree si bloccano durante il sonno. Questo blocco, che si verifica a causa di muscoli allentati o mal funzionanti situati nella parte posteriore della gola, limita il flusso d’aria e interrompe il sonno.

Una macchina CPAP fornisce una pressione d’aria continua attraverso una maschera o un tubo. Se la pressione non è impostata correttamente o chi lo indossa ha una certa congestione, è possibile che venga ingerita troppa aria. Ciò si traduce in aerofagia.

In uno studio, i ricercatori hanno scoperto che il 50% della fonte attendibile dei soggetti che utilizzavano una macchina CPAP presentava almeno un sintomo di aerofagia.

Altre persone che potrebbero aver bisogno di respirazione assistita e correre un rischio maggiore di aerofagia includono quelli con malattia polmonare ostruttiva cronica (BPCO) e persone con alcuni tipi di insufficienza cardiaca.

3. Stress psichico.

In uno studio che ha confrontato gli adulti con aerofagia con gli adulti con indigestione, i ricercatori hanno scoperto che il 19% di quelli con aerofagia aveva ansia contro solo il 6% di quelli con indigestione. La connessione tra ansia e aerofagia è stata osservata in un altro studio pubblicato sull’American Journal of Gastroenterology. Gli esperti teorizzano che l’aerofagia può essere un comportamento appreso utilizzato da chi soffre di ansia per far fronte allo stress.

4. Gravidanza.

Si è notato che durante la gravidanza, anche a causa degli squilibri e riequilibri ormonali e di assorbimento alimentare (ma anche di stress fisico e psichico), i fenomeni di aerofagia sono amplificati. Essi si manifestano essenzialmente con distensione addominale, flatulenza, eruttazione e fastigio generalizzato.

Diagnosi.

Poiché l’aerofagia condivide alcuni degli stessi sintomi con disturbi digestivi comuni come la malattia da reflusso gastroesofageo (GERD), allergie alimentari e blocchi intestinali, il medico può prima testare queste condizioni. Se non viene rilevata alcuna causa fisica dei problemi intestinali ei sintomi persistono, il medico può fare la diagnosi di aerofagia.

Trattamento.

Mentre alcuni medici possono prescrivere farmaci come il simeticone e il dimeticone per ridurre la formazione di gas nell’intestino, non c’è molto in termini di terapia farmacologica per curare l’aerofagia.

La maggior parte degli esperti consiglia la logopedia per migliorare la respirazione mentre si parla. Raccomandano anche la terapia di modifica del comportamento per:

  • prendere coscienza sul proprio modo di ingoiare aria;
  • praticare la respirazione lenta;
  • imparare modi efficaci per affrontare lo stress e l’ansia.

Uno studio pubblicato sulla rivista Behaviour Modification ha messo in luce le esperienze di una donna con eruttazione cronica. La terapia comportamentale incentrata sulla respirazione e la deglutizione l’ha aiutata a ridurre i suoi rutti durante un periodo di 5 minuti da 18 a soli 3. A un follow-up di 18 mesi, i risultati erano ancora validi.

Rimedi casalinghi.

Ridurre – e persino eliminare – i sintomi dell’aerofagia richiede preparazione e consapevolezza, ma può essere fatto. Gli esperti consigliano:

  • assumere piccole quantità di cibo e masticare bene il cibo prima di prenderne un altro;
  • modificare il modo in cui ingerisci cibo o liquidi;
  • mangiare con la bocca chiusa;
  • respirare lentamente e profondamente;
  • essere consapevoli della respirazione a bocca aperta
    smettere di comportamenti che producono aerofagia, come fumare, bere bevande gassate e gomme da masticare
    ottenere una migliore vestibilità su protesi e macchine CPAP;
  • trattare eventuali condizioni sottostanti, come l’ansia, che possono contribuire all’aerofagia

Convivenza eterna con la problematica?

Non è necessario convivere con l’aerofagia e i suoi fastidiosi sintomi. Mentre la condizione può avere un impatto sulla qualità della tua vita, ci sono trattamenti altamente efficaci per limitarne gli effetti, se non per bandire del tutto la condizione. Parla con il tuo medico per sapere quali rimedi potrebbero funzionare bene per te.

Leggi anche:

Gravidanza: sintomi, test e calcolo settimane.

2 COMMENTS

Comments are closed.