histats.com
lunedì, Giugno 14, 2021
Pubblicità
HomePazientiPatologieIschemia intestinale: cause, segni, sintomi e complicanze.

Ischemia intestinale: cause, segni, sintomi e complicanze.

L’Ischemia intestinale non è unica, ma comprende una serie di patologie/disturbi che si verificano quando il flusso ematico dell’intestino diminuisce o cessa.

L’ischemia intestinale descrive una varietà di condizioni che si verificano quando il flusso sanguigno all’intestino diminuisce a causa di un vaso sanguigno ostruito, di solito un’arteria.

L’ischemia intestinale può colpire il tuo intestino tenue, il tuo intestino crasso (colon) o entrambi.

Intestino colpito da Ischemia.
Intestino colpito da Ischemia.

L’ischemia intestinale è una condizione grave che può causare dolore e rendere difficile il corretto funzionamento dell’intestino. Nei casi più gravi, la perdita di flusso sanguigno all’intestino può danneggiare il tessuto intestinale e possibilmente portare alla morte.

Sono disponibili trattamenti per l’ischemia intestinale. Per migliorare le possibilità di guarigione, è fondamentale riconoscere i primi sintomi e ottenere immediatamente assistenza medica.

Segni e Sintomi.

Segni e sintomi di ischemia intestinale possono svilupparsi improvvisamente (acuto) o gradualmente (cronico). Segni e sintomi possono essere diversi da persona a persona, ma ci sono alcuni modelli generalmente riconosciuti che suggeriscono un’ischemia intestinale.

Sintomi di ischemia intestinale acuta.

Segni e sintomi di ischemia intestinale acuta tipicamente includono:

  • Dolore addominale improvviso che può essere lieve, moderato o grave;
  • Un urgente bisogno di avere un movimento intestinale;
  • Movimenti intestinali frequenti e forti;
  • Morbidezza estrema o distensione addominale;
  • Sangue nelle feci;
  • Confusione mentale negli anziani;
  • Sintomi di ischemia intestinale cronica.

Segni e sintomi di ischemia intestinale cronica possono includere:

  • Crampi addominali o pienezza, di solito entro 30 minuti dopo aver mangiato e che durano da una a tre ore;
  • Dolore addominale che peggiora progressivamente nel corso di settimane o mesi;
  • Paura di mangiare a causa del dolore successivo;
  • Perdita di peso involontaria;
  • Diarrea;
  • Nausea;
  • Gonfiore.

Cause.

L’ischemia intestinale si verifica quando il flusso sanguigno attraverso le principali arterie che forniscono sangue all’intestino rallenta o si ferma. La condizione ha molte potenziali cause, tra cui un blocco in un’arteria causato da un coagulo di sangue o un restringimento di un’arteria dovuto all’accumulo di depositi, come il colesterolo. I blocchi possono anche verificarsi nelle vene, ma sono meno comuni.

L’ischemia intestinale è spesso suddivisa in categorie:

Ischemia del colon (colite ischemica).

Questo tipo di ischemia intestinale, che è la più comune, si verifica quando il flusso sanguigno al colon è rallentato. La causa della diminuzione del flusso sanguigno al colon non è sempre chiara, ma una serie di condizioni può renderti più vulnerabile all’ischemia del colon:

  • Pressione sanguigna pericolosamente bassa (ipotensione) associata a insufficienza cardiaca, interventi chirurgici importanti, traumi o shock;
  • Un coagulo di sangue in un’arteria che rifornisce il colon;
  • Torsione dell’intestino (volvolo) o intrappolamento del contenuto intestinale all’interno di un’ernia;
  • Eccessivo ingrossamento intestinale dovuto all’ostruzione intestinale causata da tessuto cicatriziale o tumore;
  • Altri disturbi medici che colpiscono il sangue, come infiammazione dei vasi sanguigni (vasculite), lupus o anemia falciforme;
  • Farmaci che restringono i vasi sanguigni, come alcuni usati per trattare le malattie cardiache e l’emicrania;
  • Farmaci ormonali, come la pillola anticoncezionale;
  • Uso di cocaina o metanfetamina;
  • Esercizio fisico intenso, come la corsa a lunga distanza.

Ischemia mesenterica acuta.

Questo tipo di ischemia intestinale di solito colpisce l’intestino tenue. Ha un inizio brusco e può essere dovuto a:

  • Un coagulo di sangue (embolo) che si stacca dal cuore e viaggia attraverso il flusso sanguigno per bloccare un’arteria, di solito l’arteria mesenterica superiore, che fornisce sangue ricco di ossigeno all’intestino. Questa è la causa più comune di ischemia acuta dell’arteria mesenterica e può essere causata da insufficienza cardiaca congestizia, battito cardiaco irregolare (aritmia) o infarto.
  • Un blocco che si sviluppa all’interno di una delle principali arterie intestinali e rallenta o interrompe il flusso sanguigno, spesso a causa di depositi di grasso (aterosclerosi) che si accumulano sulla parete di un’arteria. Questo tipo di ischemia improvvisa tende a manifestarsi nelle persone con ischemia intestinale cronica.
  • Alterazione del flusso sanguigno derivante da bassa pressione sanguigna dovuta a shock, insufficienza cardiaca, alcuni farmaci o insufficienza renale cronica. Questo è più comune nelle persone che hanno altre malattie gravi e che hanno un certo grado di aterosclerosi. Questo tipo di ischemia mesenterica acuta viene spesso definito ischemia non occlusiva, il che significa che non è dovuto a un blocco nell’arteria.
Ischemia mesenterica cronica.

L’ischemia mesenterica cronica, nota anche come angina intestinale, deriva dall’accumulo di depositi di grasso su una parete arteriosa (aterosclerosi). Il processo della malattia è generalmente graduale e potrebbe non essere necessario un trattamento fino a quando almeno due delle tre arterie principali che riforniscono il tuo intestino si restringono gravemente o si ostruiscono completamente.

Una complicanza potenzialmente pericolosa dell’ischemia mesenterica cronica è lo sviluppo di un coagulo di sangue all’interno di un’arteria malata, che causa il blocco improvviso del flusso sanguigno (ischemia mesenterica acuta).

Ischemia che si verifica quando il sangue non può lasciare l’intestino.

Un coagulo di sangue può svilupparsi in una vena che drena il sangue deossigenato dall’intestino. Quando la vena è bloccata, il sangue si accumula nell’intestino, provocando gonfiore e sanguinamento.

Questa è chiamata trombosi venosa mesenterica e può derivare da:

  • Infiammazione acuta o cronica del pancreas (pancreatite);
  • Infezione addominale;
  • Tumori dell’apparato digerente;
  • Malattie intestinali, come la colite ulcerosa, il morbo di Crohn o la diverticolite;
  • Disturbi che rendono il sangue più incline alla coagulazione (disturbi dell’ipercoagulazione), come un disturbo ereditario della coagulazione;
  • Farmaci come gli estrogeni che possono aumentare il rischio di coagulazione;
  • Lesioni addominali.

Fattori di rischio.

I fattori che possono aumentare il rischio di ischemia intestinale includono:

  • Accumulo di depositi di grasso nelle arterie (aterosclerosi). Se hai avuto altre condizioni causate dall’aterosclerosi, come la diminuzione del flusso sanguigno al cuore (malattia coronarica), alle gambe (malattia vascolare periferica) o alle arterie che servono il tuo cervello (malattia dell’arteria carotide), hai un aumentato rischio di malattie intestinali ischemia.
  • Età. Le persone di età superiore ai 50 anni hanno maggiori probabilità di sviluppare ischemia intestinale.
  • Fumo. Le sigarette e altre forme di tabacco fumato aumentano il rischio di ischemia intestinale.
  • Broncopneumopatia cronica ostruttiva. L’enfisema e altre malattie polmonari legate al fumo aumentano il rischio di ischemia intestinale.
  • Problemi di cuore. Il rischio di ischemia intestinale aumenta se si soffre di insufficienza cardiaca congestizia o battito cardiaco irregolare come la fibrillazione atriale.
  • Farmaci. Alcuni farmaci possono aumentare il rischio di ischemia intestinale. Gli esempi includono pillole anticoncezionali e farmaci che causano l’espansione o la contrazione dei vasi sanguigni, come alcuni farmaci per l’allergia e i farmaci per l’emicrania.
  • Problemi di coagulazione del sangue. Malattie e condizioni che aumentano il rischio di coaguli di sangue possono aumentare il rischio di ischemia intestinale. Gli esempi includono l’anemia falciforme e la mutazione del fattore V Leiden.
  • Uso di droghe illegali. L’uso di cocaina e metanfetamina è stato collegato all’ischemia intestinale.

Complicanze.

Le complicanze dell’ischemia intestinale possono includere:

Morte del tessuto intestinale. Se il flusso sanguigno all’intestino è completamente e improvvisamente bloccato, il tessuto intestinale può morire (cancrena).

Perforazione. Può svilupparsi un buco attraverso la parete dell’intestino. Ciò provoca la fuoriuscita del contenuto dell’intestino nella cavità addominale, provocando una grave infezione (peritonite).

Cicatrici o restringimento del colon. A volte l’intestino può riprendersi dall’ischemia, ma come parte del processo di guarigione il corpo forma tessuto cicatriziale che restringe o blocca l’intestino.

In alcuni casi, l’ischemia intestinale è fatale.

Quando chiamare il Dottore?

Rivolgiti immediatamente a un medico se hai un dolore addominale improvviso e grave. Il dolore che ti mette così a disagio da non riuscire a stare fermo o a trovare una posizione comoda è un’emergenza medica.

Se hai altri segni o sintomi che ti preoccupano, fissa un appuntamento con il tuo medico.

Leggi anche:

Ischemia silenziosa e cardiopatia ischemica. Cosa sono?

Attacco Ischiemico Transitorio (TIA): quando l’ischemia cerebrale è improvvisa e regredisce dopo pochi minuti.

Ischemia Cerebrale: quando il cervello va in tilt per mancanza di flusso ematico (Ictus Ischemico).

Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

1 commento

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394