histats.com
lunedì, Febbraio 6, 2023
HomeIn evidenzaIl Governo Clinico: come nasce e qual è il significato della Clinical...

Il Governo Clinico: come nasce e qual è il significato della Clinical Governance?

Pubblicità

Oggi parliamo di Governo Clinico o di Clinical Governance: di cosa si tratta e perché è importante per innalzare la qualità delle cure nel nostro Paese?

Spesso si sente parlare di Clinical Governance o di Governo Clinico (detto all’italiana). Il concetto è nato anni fa in Inghilterra e poi si è diffuso in tutto il mondo. Ma di cosa si tratta? Sintetizziamo una lezione della prof.ssa Pamela Di Giovanni dell’Università degli Studi di Chieti, Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche.

Il significato.

Per Governo Clinico si intende un approccio integrato per l’ammodernamento del SSN, che pone al centro della programmazione e gestione dei servizi sanitari i bisogni dei cittadini e valorizza il ruolo e la responsabilità dei medici e degli altri operatori sanitari per la promozione della qualità (Ministero della Salute).

Il Governo Clinico sottolinea da una parte l’importanza della dimensione prettamente clinica delle attività dei servizi sanitari, ovvero di tutte le figure professionali (Medici, Infermieri, Infermieri Pediatrici, Ostetriche/i, Professioni Sanitarie, Psicologi, ecc.), dall’altra l’esigenza di monitoraggio e pertanto di indirizzo e di regolazione delle funzioni assistenziali.

Il miglioramento continuo.

Governare significa monitorare (conoscere) i fenomeni che portano (indirizzano) al miglioramento della qualità dell’assistenza e delle cure.

Sistema attraverso il quale le organizzazioni sanitarie si rendono responsabili del miglioramento continuo della qualità dei loro servizi e garantiscono elevati standard assistenziali creando le condizioni ottimali nelle quali viene favorita l’eccellenza clinica (Scally e Donaldson 1998).

Il Governo Clinico è un metodo di gestione dei Servizi Sanitari Nazionali e locali che deriva direttamente dal Dipartimento della Salute inglese risalente al 1998 (“A first class service: Quality in the new national health service”) e che è finalizzata a mettere in atto tutte quelle attività sistematiche per valutare e migliorare la qualità professionale nell’interesse finale del benessere e delle cure dei nostri pazienti-utenti-clienti.

Quel cambiamento significativo.

La Governance Clinica ha segnato un cambiamento significativo verso il coinvolgimento dei medici nelle garanzie di qualità e responsabilità nell’erogazione dell’assistenza sanitaria.

Il White Paper (Department of Health – DoH, 1997) affermava che il governo richiederà a ogni trust del NHS di abbracciare il concetto di governance clinica, in modo che la qualità sia al centro, sia delle loro responsabilità come organizzazioni, sia di ogni del loro personale come singoli professionisti; per raggiungere questo obiettivo, il governo presenterà una legislazione per conferire ai trust NHS un nuovo dovere per il mantenimento di un’assistenza di qualità; in base a questi accordi, gli amministratori delegati avranno la responsabilità ultima di assicurare la qualità dei servizi forniti dalla loro fiducia NHS, così come sono già responsabili del corretto utilizzo delle risorse.

In “A First Class Service Quality in the NHS” (DoH, 1998), la governance clinica è definita come un quadro attraverso il quale le organizzazioni del NHS sono responsabili del miglioramento continuo della qualità dei loro servizi e della salvaguardia di elevati standard di assistenza creando un ambiente in quale eccellenza nell’assistenza clinica fiorirà; i principi della governance clinica si applicano a tutti coloro che forniscono o gestiscono servizi di assistenza ai pazienti nel SSN; richiede che il personale lavori in partnership, abbattendo i confini fornendo assistenza integrata all’interno dei team di assistenza sanitaria e sociale (Wilson, 1996), e tra professionisti e dirigenti e tra NHS, pazienti e pubblico.

I miglior esiti possibili.

Tutti i piani per la qualità devono assicurare ad ogni singolo Cliente le migliori prestazioni possibili e aspettarsi in contemporanea i migliori esiti ottenibili (consumando pochissime risorse e prevedendo i minor rischi di danni correlati alle cure). Tutto deve essere affrontato pensando alla soddisfazione percepita effettivamente dal Paziente.

Gli inglesi della NHS da sempre raccomandano:

  • la partecipazione di tutti i professionisti ad audit clinici (valutazione e miglioramento di qualità), locali e multicentrici;
  • la diffusione di pratiche basate sulle evidenze scientifiche e l’utilizzo di linee guida;
  • il miglioramento della completezza e dell’accuratezza nella rilevazione delle informazioni per monitorare l’assistenza clinica e valutare gli esiti (outcome);
  • l’attuazione di un sistema di segnalazione, di indagine e di prevenzione degli eventi avversi;
  • la facilitazione nel comunicare i reclami da parte dei pazienti e dei loro familiari;
  • il coinvolgimento dei pazienti e dei loro familiari;
  • la costante promozione della formazione e del training;
  • la ricerca e sviluppo;
  • la collaborazione multidisciplinare;
  • la valutazione del personale;
  • la comunicazione e gestione della documentazione.

E’ un sistema naturale attraverso cui i Professionisti della Salute possono gestire correttamente i processi assistenziali, partecipando alle attività di cura, ma con modalità che rendono tali processi verificabili e pesabili all’interno del quadro economico del sistema di riferimento.

In pratica, il Governo Clinico ha come obiettivo centrale la coniugazione dell’approccio professionale e clinico (qualità professionale) con quello manageriale-gestionale (qualità organizzativa) nell’ottica di governare i processi legati all’assistenza, più che alle malattie.

Misurare e valutare la Qualità della Clinical Governance.

I temi centrali della Clinical Governance sono la Qualità e la sua Misurazione.

Vi consigliamo di leggere a tal proposito questo servizio (intervista al dott. Claudio Beltramello, medico specialista in Igiene e Medicina preventiva, esperto in gestione ed economia sanitaria, nonché consulente e formatore presso l’università di Padova, la Fondazione GIMBE e altre realtà formative e cliniche italiane): LINK.

I determinanti della Governance Clinica.

Quando si parla di Clinical Governance non si può non parlare di:

  • Educazione Continua Permanente;
  • Audit Clinico;
  • Efficacia ed efficienza;
  • Ricerca e Sviluppo;
  • Visione condivisa;
  • Risk Management.

Di questi argomenti ne parleremo più approfonditamente in un altro servizio.

Leggi anche:

Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche: come affrontarlo e cosa studiare.

Codice Deontologico Infermieri: documento rinnovato tra comunicazione e governo clinico.

Dott. Angelo Riky Del Vecchio
Dott. Angelo Riky Del Vecchiohttp://www.angelorikydelvecchio.com
Nato in Puglia, vive e lavora in Puglia, Giornalista, Infermiere e Scrittore. Già direttore responsabile di Nurse24.it, attuale direttore responsabile del quotidiano sanitario nazionale AssoCareNews.it. Ha al suo attivo oltre 15.000 articoli pubblicati su varie testate e 18 volumi editi in cartaceo e in digitale.
RELATED ARTICLES

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394