Il 50% dei Pazienti non dovrebbe stare nelle REMS.

REMS: Infermieri e Medici di Parma presentano il bilancio del Mezzani.

Non sempre chi è affetto da infermità mentale può vivere in queste strutture, pur essendo dei criminali pericolosi.

Nella REMS “Anton Martin” di San Maurizio Canavese e nelle REMS presenti in Italia, molti pazienti, pur essendogli stata riconosciuta l’infermità mentale e la pericolosità sociale ai sensi dell’art 203 C.P., non hanno i requisiti “clinici” per essere inseriti in tali strutture.

Circa la metà degli ospiti della “Anton Martin” sono in tale condizione. Il problema deriva dal fatto che vengono ricoverati in REMS molti soggetti a prevalente connotazione “Antisociale” (o con Ritardo Mentale o con problemi di Tossicodipendenza), per i quali non ci sembra corretto l’internamento in strutture come le nostre. E che creano parecchi problemi gestionali.

“Non è possibile garantire la gestione di persone violente, non collaboranti, il cui comportamento deviante non deriva da una condizione psicopatologica ma prevalentemente dalla volontà di delinquere o di non sottostare ad alcuna regola di convivenza in comunità – dichiara il direttore Alessandro Jaretti Sodano -. Persone per le quali non esistono i necessari requisiti per essere destinati a queste strutture. I posti letto disponibili nelle Rems sono limitati ed è necessario un loro utilizzo mirato dando priorità all’ingresso ai soggetti che possano giovarsi dei percorsi terapeutico-riabilitativi”

“In questo modo – conclude – possiamo rispettare la legge 81/2014».

Il dibattito sul superamento degli OPG attraverso l’istituzione delle REMS torna a surriscaldarsi sui giornali perché emerge che alle REMS vengono destinati soggetti non idonei, così come, peraltro, vengono presi in carico dai Dipartimenti di Salute Mentale anche soggetti che sono sostanzialmente “sani”, per quanto magari accusino un disadattamento al carcere. Problemi che portano tensioni nella già delicata situazione che si è creata con la chiusura degli OPG.

Potrebbe interessarti...