histats.com
giovedì, Maggio 13, 2021
Pubblicità
HomePazientiPatologieGruppi Sanguigni e Covid-19: quali correlazioni?

Gruppi Sanguigni e Covid-19: quali correlazioni?

Quali relazioni ci sono tra Gruppi Sanguigni e Covid-19? Tantissime. E’ quanto emerso dallo studio “Genomewide Association Study of Severe Covid-19 with Respiratory Failure”.

Esiste una serie notevole di variabili nel comportamento della patologia tra i pazienti infetti da sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2), il virus che causa la malattia da Coronavirus 2019 (Covid-19).

L’analisi dell’associazione dell’intero genoma può consentire l’identificazione di potenziali fattori genetici coinvolti nello sviluppo di Covid-19. E’ quanto si sono premessi di verificare gli autori dello studio “Genomewide Association Study of Severe Covid-19 with Respiratory Failure

Gli autori hanno condotto uno studio di associazione sull’intero genoma che ha coinvolto 1980 pazienti con Covid-19 e malattia grave (definita come insufficienza respiratoria) in sette ospedali negli epicentri italiani e spagnoli della pandemia SARS-CoV-2 in Europa.

Dopo il controllo di qualità e l’esclusione dei valori anomali della popolazione, 835 pazienti e 1255 partecipanti al controllo dall’Italia e 775 pazienti e 950 partecipanti al controllo dalla Spagna sono stati inclusi nell’analisi finale.

In totale, abbiamo analizzato 8.582.968 polimorfismi a singolo nucleotide e condotto una meta-analisi dei due pannelli caso-controllo.

La ricerca ha condotto a rilevare la presenza di associazioni di replica incrociata con rs11385942 al locus 3p21.31 e con rs657152 al locus 9q34.2, che erano significative a livello dell’intero genoma (P <5 × 10-8) nella meta-analisi dei due pannelli caso-controllo (odds ratio, 1,77; intervallo di confidenza al 95% [CI], da 1,48 a 2,11; P = 1,15 × 10-10; e odds ratio, 1,32; 95% CI, da 1,20 a 1,47; P = 4,95 × 10−8, rispettivamente).

Al locus 3p21.31, il segnale di associazione ha attraversato i geni SLC6A20, LZTFL1, CCR9, FYCO1, CXCR6 e XCR1.

Il segnale di associazione al locus 9q34.2 coincideva con il locus del gruppo sanguigno ABO; in questa coorte, un’analisi specifica del gruppo sanguigno ha mostrato un rischio più elevato nel gruppo sanguigno A rispetto ad altri gruppi sanguigni (odds ratio, 1,45; IC 95%, 1,20-1,75; P = 1,48 × 10-4) e un effetto protettivo nel gruppo sanguigno O rispetto ad altri gruppi sanguigni (odds ratio, 0,65; IC 95%, da 0,53 a 0,79; P = 1,06 × 10-5).

Per approfondire più nel dettaglio lo studio (in inglese): LINK.

Leggi anche:

Gruppi Sanguigni. Quanti tipi conosciamo? Sono compatibili tra loro?

Redazione AssoCareNews.it
Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394