histats.com
lunedì, Giugno 21, 2021
Pubblicità
HomePazientiPatologieFlebite e tromboflebite: cause, segni, sintomi, trattamento e gestione in movimento e...

Flebite e tromboflebite: cause, segni, sintomi, trattamento e gestione in movimento e a riposo.

Presentiamo segni, sintomi, cause, tipi, trattamento e gestione della flebite in movimento e a riposo. Ecco a cosa occorre fare attenzione.

E’ importante conoscere le cause, i segni e i sintomi di una flebite per poter intervenire con tempestività. Si tratta di una condizione in cui una vena si infiamma (fleb = vena + ite = infiammazione). L’infiammazione può causare dolore e gonfiore.

Quando l’infiammazione è causata da un coagulo di sangue o da un trombo si parla di tromboflebite. Essa di solito si verifica nelle vene delle gambe, ma può anche interessare le vene delle braccia.

La scala per la valutazione delle flebiti.

VIP, Scala per valutare le flebiti.

Sintomi.

Alcune persone con flebite non hanno sintomi, ma altre possono manifestare segni come dolore, tenerezza, arrossamento e una vena sporgente.

Cause.

La flebite può essere causata da molte cose, ad esempio, stare seduti a lungo su lunghi viaggi, viaggi in treno o in aereo, vene varicose, alcuni tipi di cancro e dopo un intervento chirurgico.

Tipologie.

Ci sono due serie di vene nelle braccia e nelle gambe:

  • le vene superficiali che scorrono appena sotto la pelle;
  • le vene profonde.

La flebite superficiale colpisce le vene sulla superficie della pelle. La condizione è raramente grave e di solito si risolve con il trattamento locale dell’infiammazione con impacchi caldi e farmaci antinfiammatori. A volte la flebite superficiale può essere associata a tromboflebite venosa profonda e può essere necessaria una valutazione medica.

La flebite nelle vene profonde è indicata come tromboflebite venosa profonda (o TVP, trombosi venosa profonda) colpisce le vene situate più in profondità nelle braccia e nelle gambe.

I coaguli di sangue (trombi) che si formano possono embolizzare o rompersi e viaggiare ai polmoni. Questa è una condizione potenzialmente pericolosa per la vita chiamata embolia polmonare.

Trattamento.

I medici trattano la flebite in base alle condizioni che la causano.

Quali sono i sintomi e i segni della flebite superficiale e della TVP?

Flebite superficiale.

Di solito c’è una lenta comparsa di una tenera area rossa lungo le vene superficiali della pelle. Si può vedere un’area rossa lunga e sottile poiché l’infiammazione segue il percorso della vena superficiale. Può diffondersi in un modello simile a un ragno se vengono coinvolte vene di alimentazione più piccole.

Questa zona può sembrare dura, calda e tenera. La pelle intorno alla vena può essere pruriginosa e gonfia.

L’area potrebbe iniziare a pulsare o bruciare.

I sintomi possono peggiorare quando la gamba viene abbassata, soprattutto quando si alza dal letto la mattina per la prima volta.

Può verificarsi una febbre di basso grado.

A volte può verificarsi flebite nel sito in cui è stata avviata una linea endovenosa periferica (IV). L’area circostante può essere dolorante e dolente lungo la vena.

Se è presente un’infezione, i sintomi possono includere arrossamento, febbre, dolore, gonfiore o rottura della pelle.

Tromboflebite venosa profonda.

I segni e sintomi classici includono arrossamento, calore, gonfiore e dolore all’estremità colpita. Spesso un’estremità è più gonfia dell’altra. Occasionalmente lo scolorimento può essere più bluastro che rosso.

Che cosa causa la flebite?

La flebite superficiale è solitamente causata da un trauma locale a una vena. La flebite superficiale è più spesso causata da un catetere endovenoso (IV) inserito in una vena e la vena si irrita. La flebite superficiale può o meno avere una forma di coaguli di sangue per causare dolore e infiammazione. Nelle gambe, la flebite superficiale può essere associata a vene varicose.

Le cause di trombosi venosa profonda o tromboflebite includono:

  • inattività (il sangue si accumula nelle vene e tende a coagularsi se una persona è inattiva per un periodo di tempo prolungato);
  • trauma e anomalie della coagulazione del sangue (possono essere ereditate).

I fattori di rischio per la TVP includono:

  • Inattività prolungata (ad esempio, un lungo viaggio in aereo o in macchina, un’estremità immobilizzata in un gesso o stecca, essere costretti a letto per una malattia o dopo un intervento chirurgico, uno stile di vita sedentario, inattività con poco o nessun esercizio);
  • Obesità;
  • Fumo di sigarette, soprattutto se combinato con terapia ormonale sostitutiva o pillole anticoncezionali;
  • Gravidanza: l’utero allargato può anche comprimere le grandi vene del bacino aumentando il rischio di coagulazione del sangue;
  • Alcune condizioni cliniche come il cancro o disturbi del sangue che aumentano il potenziale di coagulazione del sangue;
  • Lesioni alle braccia o alle gambe.

Quando è meglio chiamare un Medico o avvisare l’Infermiere?

Chiama il tuo medico se c’è gonfiore o dolore a un’estremità. Soprattutto se ci sono fattori di rischio per la tromboflebite venosa profonda inclusi viaggi prolungati, riposo a letto o interventi chirurgici recenti.

La tromboflebite venosa profonda richiede cure mediche immediate, soprattutto se si dispone di uno qualsiasi di questi segni e sintomi.

Febbre alta con qualsiasi sintomo a un braccio o una gamba
Noduli in una gamba

Forte dolore e gonfiore a un braccio o una gamba

Dolore toracico e mancanza di respiro, che potrebbero essere i sintomi di embolia polmonare (coagulo di sangue nel polmone).

Diagnosi.

Un operatore sanitario ti farà domande sul tuo braccio o gamba gonfio e ti sottoporrà a un esame fisico. Se la diagnosi è flebite superficiale, spesso non sono necessari ulteriori esami. In caso di preoccupazione per la trombosi venosa profonda (TVP), è possibile ordinare ulteriori esami.

Il D-Dimero è una sostanza chimica che viene rilasciata dai coaguli di sangue quando iniziano a disintegrarsi. Se questo esame del sangue è normale, non è presente un coagulo di sangue. Sfortunatamente, il test non dice al medico la posizione in cui potrebbe essere un coagulo di sangue. Ad esempio, sarà positivo nelle persone con un livido o in coloro che hanno subito un intervento chirurgico di recente. Questo esame del sangue deve essere ordinato solo quando vi è un basso rischio di presenza di TVP. Un test positivo di solito richiede che venga ordinato un test di imaging del braccio o della gamba per cercare un potenziale coagulo di sangue.

Gli ultrasuoni possono rilevare la formazione di coaguli o il blocco del flusso sanguigno, specialmente nelle vene più grandi e prossimali (parte superiore della gamba). Un piccolo strumento portatile (sonda) viene premuto contro la pelle del paziente per aiutare a identificare i coaguli di sangue e la posizione dell’ostruzione. Questo è un test non invasivo che è relativamente indolore.

A volte il test ecografico non può “vedere” adeguatamente le vene e determinare se è presente un coagulo. Può essere necessaria la venografia in cui il colorante viene iniettato direttamente nella vena e vengono eseguiti i raggi X per valutare la vena.

Possibile curare la flebite a casa?

Il dolore della flebite superficiale può essere trattato a casa applicando un impacco caldo sulla zona interessata e assumendo antidolorifici antinfiammatori non steroidei (FANS) come:

Le calze compressive prescritte per le gambe (ginocchio o coscia) migliorano il flusso sanguigno e possono aiutare ad alleviare il dolore e il gonfiore e ridurre il rischio di sviluppare TVP.

Trattamento.

Il trattamento per la flebite superficiale comprende impacchi caldi e farmaci antinfiammatori come l’ibuprofene. Le calze a compressione possono essere utili. Se c’è un’infezione della pelle associata alla flebite superficiale, possono essere prescritti antibiotici.

Il trattamento per la tromboflebite venosa profonda sono farmaci che fluidificano il sangue per prevenire l’embolia polmonare. Il trattamento iniziale può iniziare con enoxaparina, un farmaco iniettabile che assottiglia immediatamente il sangue.

Anche il warfarin (Coumadin) viene avviato immediatamente ma richiede alcuni giorni per raggiungere i livelli terapeutici nel sangue, quindi l’eparina viene utilizzato come ponte fino a quando ciò non si verifica.

L’INR è un esame del sangue che misura la funzione di coagulazione del sangue e viene utilizzato come guida per determinare il dosaggio del warfarin.

Le flebiti possono portare alla morte?

La flebite superficiale è raramente grave e di solito risponde al controllo del dolore, all’elevazione e agli impacchi caldi.

La tromboembolia venosa profonda è potenzialmente pericolosa per la vita se non trattata, l’embolia polmonare è una potenziale complicanza. È importante scoprire perché si è verificata la TVP e ridurre al minimo i fattori di rischio per un evento futuro. La TVP può danneggiare la struttura interna della vena portando alla complicazione di una gamba post-flebitica con gonfiore e dolore cronici alle gambe.

Prevenire le flebiti attraverso il movimento.

Il modo migliore per prevenire la flebite è essere attivi. Partecipare a esercizi quotidiani come camminare, nuotare, fare jogging, andare in bicicletta, lezioni di ballo, ecc. Evitare periodi prolungati di sedersi o sdraiarsi (se possibile). Evita il riposo a letto per periodi prolungati. Se sei limitato al riposo a letto, indossa calze di sostegno. Quando si viaggia e il movimento è limitato per lunghi periodi di tempo, alzarsi e spostarsi di tanto in tanto o fermarsi a una stazione di servizio e spostarsi. Mantieniti idratato e bevi molti liquidi. Il cambiamento delle linee IV aiuterà a prevenire la flebite.

Leggi anche:

Infermiere: Paziente mi ha filmato e denunciato per una flebite!

Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

3 Commenti

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394