Triatec: indicazioni, dosaggio e uso in gravidanza del ramipril

Triatec, uno degli antipertensivi più diffusi!
Triatec, uno degli antipertensivi più diffusi!

Uno dei farmaci antipertensivi più prescritti in Italia!

Il Triatec contiene un principio attivo chiamato ramipril che appartiene al gruppo di farmaci chiamati ACE inibitori, una famiglia di antipertensivi.

In particolare, il triatec agisce:

  • Diminuendo la produzione, da parte del corpo, di sostanze che possono causare un aumento della PA.
  • Rilassando ed allargando i suoi vasi sanguigni.
  • Facilitando il cuore nel pompare il sangue in circolo nel corpo.

Il TRIATEC può essere usato:

  • Per trattare l’ipertensione.
  • Per ridurre il rischio di un attacco cardiaco o di un ictus.
  • Per ridurre il rischio o ritardare il peggioramento di problemi renali (in presenza o meno di diabete).
  • Per trattare il cuore quando non riesce a pompare un sufficiente volume di sangue nel resto del corpo (insufficienza cardiaca).
  • Come trattamento dopo un attacco cardiaco (infarto del miocardio) se associato ad insufficienza cardiaca.

CONTROINDICAZIONI:

Non assumere TRIATEC:

  • Se si è allergici al ramipril, ad altri medicinali ACE inibitori o ad uno qualsiasi degli altri eccipienti. Segni di una reazione allergica possono essere eruzioni cutanee, difficoltà ad inghiottire o a respirare, gonfiore alle labbra, alla faccia, alla gola o alla lingua.
  • Se si è verificata una reazione allergica grave chiamata angioedema. I segni includono: prurito, eruzione cutanea (orticaria), macchie rosse sulle mani, sui piedi ed in gola, gonfiore della gola e della lingua, gonfiore attorno agli occhi e delle labbra, difficoltà nel respirare e ad inghiottire.
  • Se si è in dialisi o si sta facendo qualche altro tipo di filtrazione del sangue.
  • Se si hanno problemi renali dovuti a insufficiente apporto di sangue al rene (stenosi dell’arteria renale).
  • Durante gli ultimi 6 mesi di gravidanza.
  • Se la pressione sanguigna è eccessivamente bassa o instabile.
  • Se si soffre di diabete o la funzione renale è compromessa e si è in trattamento con un medicinale che abbassa la pressione del sangue.

PRECAUZIONI:

Verificare con il medico o farmacista prima di prendere TRIATEC:

  • Se si hanno problemi di cuore, fegato o reni.  
  • Se si sono persi molti sali o fluidi corporei (a causa di uno stato di malessere quale: vomito, diarrea, sudorazione eccessiva, o in seguito ad una dieta povera di sale, o per l’assunzione di diuretici per un lungo periodo di tempo o avendo subito una dialisi).
  • Se ci si sta per sottoporre ad un trattamento per ridurre l’allergia alle punture delle api o delle vespe (desensibilizzazione).
  • Se si sta per subire un’anestesia. Questa può essere somministrata per un intervento chirurgico o un intervento ai denti.
  • Se si ha un elevato quantitativo di potassio nel sangue.
  • Se si stanno prendendo medicinali o ci si trova in condizioni tali che i livelli di sodio nel sangue possono diminuire.
  • Se si ha una patologia del collagene vascolare come sclerodermia o lupus eritematoso sistemico.
  • Se si stanno assumendo uno dei seguenti medicinali usati per trattare la pressione alta del sangue: valsartan, telmisartan, irbesartan.

 INTERAZIONI:

Informare il medico o il farmacista se si stanno assumendo o si sono recentemente assunti altri medicinali, compresi quelli senza prescrizione medica.

Tali medicinali possono interferire con il TRIATEC alterandone l’azione:

  • Medicinali utilizzati per alleviare dolori ed infiammazioni (ad es. FANS come: aspirina, indometacina, ibuprofene).
  • Medicinali utilizzati per il trattamento della PA bassa, dello shock, dell’insufficienza cardiaca, dell’asma o delle allergie come: efedrina, adrenalina o noradrenalina.
  • Medicinali per la cura del cancro (chemioterapia).
  • Medicinali per evitare il rigetto di organi dopo il trapianto come ad esempio la 
  • Diuretici come la 
  • Medicinali che possono aumentare il quantitativo di potassio nel sangue.
  • Medicinali steroidei per il trattamento delle infiammazioni come il
  • Allopurinolo(usato per abbassare il contenuto di acido urico nel sangue).
  • Procainamide(per i problemi di battito cardiaco).

GRAVIDANZA:

Informare il medico se si pensa di essere incinta (o di poterlo diventare).

Non assumere il TRIATEC nelle prime 12 settimane di gravidanza e non assumerlo assolutamente dopo la 13ma settimana perché il suo uso durante la gravidanza può essere dannoso per il bambino. Se si rimane incinta durante la terapia con TRIATEC, informare immediatamente il medico.

Prima di pianificare una gravidanza deve essere effettuato il passaggio ad un altro farmaco più adatto.

ALLATTAMENTO:

Non assumere il TRIATEC se si sta allattando al seno. Chiedere al medico o al farmacista prima di prendere qualsiasi medicinale.

 

QUANTO PRESCRIVERNE?

Trattamento della pressione alta:

  • La dose iniziale abituale è 1,25 mg o 2,5 mg una volta al giorno.
  • Il medico aggiusterà il quantitativo affinché la pressione sanguigna sarà sotto controllo.
  • La dose massima giornaliera è 10 mg.
  • Se si stanno già prendendo dei diuretici, il medico potrebbe interromperli o ridurne il quantitativo prima di far iniziare il trattamento con

Per ridurre il rischio di un attacco cardiaco o di un inctus:

  • La dose iniziale è 2,5 mg una volta al giorno.
  • Il medico potrebbe decidere di aumentarne il dosaggio.
  • La dose abituale è 10 mg una volta al giorno.

Trattamento per ridurre o prevenire l’aggravamento dei problemi renali:

  • Può essere data (per iniziare) una dose di 1,25 mg o 2,5 mg una volta al giorno.
  • Il medico adeguerà il quantitativo da assumere.
  • La dose abituale è 5 mg o 10 mg una volta al giorno.

Trattamento dell’insufficienza cardiaca:

  • La dose iniziale abituale è 1,25 mg una volta al giorno.
  • Il medico adeguerà il quantitativo da assumere.
  • La dose massima è 10 mg al giorno. È preferibile dividere la dose in due somministrazioni giornaliere.

Trattamento dopo un attacco cardiaco:

  • La dose iniziale abituale è da 1,25 mg una volta al giorno a 2,5 mg due volte al giorno.
  • Il medico adeguerà il quantitativo da assumere.
  • La dose abituale è 10 mg al giorno. È preferibile dividere la dose in due somministrazioni giornaliere.

EFFETTI INDESIDERATI:

Come tutti i medicinali, TRIATEC può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino.

Smettere (dunque) di assumerlo e rivolgersi immediatamente al medico.

  • Gonfiore del volto, delle labbra o della gola tale da rendere difficoltoso deglutire o respirare, così come prurito o eruzione cutanea.
  • Reazioni cutanee gravi che includono eruzione cutanea, ulcere in bocca, peggioramento di una patologia cutanea pre-esistente, arrossamenti.
  • Accelerazione battito cardiaco, palpitazioni, dolore o oppressione al petto.
  • Respiro corto o tosse.
  • Formazione più facile di lividi, sanguinamento prolungato più del normale,macchie viola sulla pelle o facilitata insorgenza di infezioni, irritazioni della gola e febbre, sensazione di stanchezza, debolezza, capogiri o colorito pallido.
  • Dolore gastrico grave che può estendersi fino alla schiena.
  • Febbre, brividi, stanchezza, perdita dell’appetito, dolore allo stomaco, sensazione di malessere,

SCADENZA E CONSERVAZIONE:

Tenere il medicinale fuori dalla portata e dalla vista dei bambini. Non usare il TRIATEC dopo la data di scadenza indicata sugli astucci, blister e flaconi. La data di scadenza si riferisce all’ultimo giorno del mese indicato.

Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione.

I medicinali non devono essere gettati nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici.

Potrebbe interessarti...