histats.com
domenica, Settembre 26, 2021
Pubblicità
HomePazientiFarmaciContramal®: indicazioni ed effetti indesiderati del Tramadolo.

Contramal®: indicazioni ed effetti indesiderati del Tramadolo.

Il Contramal® è un analgesico che deriva dalla classe degli oppioidi. Esso agisce a livello del sistema nervoso centrale. E’ un potente antidolorifico, ma ha anche pericolosi effetti collaterali.

Il Contramal®, sia in gocce, sia in capsule, è un potente analgesico che deve essere usato su indicazione Medica e su stretta sorveglianza medico-infermieristica perché può dare origine a diversi effetti collaterale. Scopriamo quali sono.

Riduce il dolore agendo su cellule nervose specifiche del midollo spinale e del cervello.

Il farmaco è indicato nello specifico per il trattamento del dolore da moderato a grave, di diverso tipo e causa, come pure per i dolori causati da interventi diagnostici e chirurgici.

Effetti indesiderati:

Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino.

Consulti immediatamente un medico se avverte sintomi di una reazione allergica come:

  • gonfiore del viso, della lingua e/o della gola;
  • difficoltà a deglutire;
  • orticaria;
  • difficoltà a respirare.

Altri possibili effetti indesiderati sono:

Molto comune (può interessare più di 1 su 10 persone):
  • nausea;
  • vertigini.
Comune (può interessare meno di 1 su 10 persone):
  • mal di testa;
  • sonnolenza;
  • vomito;
  • stipsi;
  • bocca secca;
  • sudorazione (ovvero iperidrosi);
  • affaticamento.
Non comune (può interessare meno di 1 su 100 persone):
  • effetti sul cuore e sulla circolazione del sangue (palpitazioni, battito veloce del cuore, sensazione di mancamento o collasso).

Questi effetti indesiderati possono manifestarsi in particolare in pazienti in posizione eretta o sottoposti a sforzo fisico bisogno di vomitare (conati di vomito), mal di stomaco (sensazione di pressione nello stomaco, gonfiore), diarrea reazioni cutanee (prurito, eruzioni cutanee).

Raro (può interessare meno di 1 su 1000 persone):
  • reazioni allergiche (ad es. difficoltà di respirazione, affanno, gonfiore della pelle) e shock (insufficienza circolatoria) battito del cuore lento;
  • aumento della pressione del sangue;
  • sensazioni anomale (ad es. formicolio, prurito, intorpidimento), tremore, respiro lento, crisi epilettiche, spasmi muscolari, movimenti scoordinati, perdita temporanea di coscienza (sincope), disturbi del linguaggio;
  • crisi epilettiche si sono manifestate soprattutto con elevate dosi di tramadolo o quando si è preso il tramadolo insieme ad altri medicinali che possono causare attacchi epilettici;
    modifiche dell’appetito;
  • allucinazioni, stato confusionale, disturbi del sonno, delirio, ansia e incubi.

Possono manifestarsi dei sintomi psicologici dopo il trattamento con Contramal, di varia natura ed intensità a seconda della personalità del paziente e della durata della terapia.

Questi possono manifestarsi come un cambio dell’umore (soprattutto buon umore, in alcuni casi umore irritato), cambiamenti nell’attività (solitamente diminuzione o repressione, talvolta un incremento) e diminuita percezione cognitiva e sensoriale (cambiamenti dei sensi e della capacità di riconoscimento emotivo, che possono portare a errori di giudizio)
dipendenza da farmaci.

Se Contramal® viene preso per un lungo periodo, si può verificare dipendenza, sebbene il rischio sia molto basso.

Uso in gravidanza e durante l’allattamento.

Studi sugli animali hanno rivelato che il tramadolo a dosi molto elevate produce effetti sullo sviluppo degli organi, sull’ossificazione e sulla mortalità neonatale.

Tramadolo passa la barriera placentare.

Non si hanno ancora dati sufficienti sulla sicurezza di tramadolo durante la gravidanza, pertanto Tramadolo non deve essere usato durante la gravidanza della donna.

Tramadolo, somministrato prima o durante il parto, non modifica la contrattilità uterina.

Nei neonati può causare delle modifiche della frequenza respiratoria di solito clinicamente non rilevanti.

L’uso cronico durante la gravidanza può portare ad una sindrome di astinenza neonatale.

Circa lo 0,1% della dose di tramadolo assunto dalla madre viene escreto nel latte durante l’allattamento.

Per questo motivo, tramadolo non deve essere usato durante l’allattamento o, in alternativa, l’allattamento deve essere interrotto durante il trattamento.

Tuttavia il medico può ritenere gli effetti positivi superiori alle possibili complicanze.

Per saperne di più:

Contramal: indicazioni, effetti collaterali e uso in gravidanza del Tramadolo.

Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

3 Commenti

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394