Pubblicità

Viaggio alla scoperta dell’Endometriosi in Gravidanza. Ecco i principali sintomi, i rischi e il relativo trattamento. E’ sempre bene chiedere consigli al proprio Ginecologo.

L’endometriosi è una malattia in cui il tessuto che normalmente riveste l’utero, chiamato endometrio, cresce al di fuori della cavità uterina. Può aderire all’esterno dell’utero, delle ovaie e delle tube di Falloppio.

Le ovaie sono responsabili del rilascio di un uovo ogni mese e le tube di Falloppio trasportano l’uovo dalle ovaie all’utero.

Quando uno qualsiasi di questi organi è danneggiato, bloccato o irritato dall’endometrio, può diventare più difficile rimanere incinta. La tua età, salute e la gravità della tua condizione influenzeranno anche le tue possibilità di portare a termine un bambino.

Uno studio ha rilevato che mentre il 15-20% di coppie fertili che tentano una gravidanza avrà successo ogni mese, quel numero scende al 2-10% per le coppie affette da endometriosi.

Sintomi.

La gravidanza interromperà temporaneamente i periodi dolorosi e il sanguinamento mestruale abbondante che sono spesso caratteristici dell’endometriosi. Potrebbe anche fornire qualche altro sollievo.

Alcune donne traggono beneficio dall’aumento dei livelli di progesterone durante la gravidanza. Si pensa che questo ormone sopprima e forse riduca anche le crescite endometriali.

In effetti, il progestinico, una forma sintetica di progesterone, è spesso usato per trattare le donne con endometriosi.

Altre donne, invece, non troveranno alcun miglioramento. Potresti anche scoprire che i tuoi sintomi peggiorano durante la gravidanza. Questo perché quando l’utero si espande per accogliere il feto in crescita, può tirare e allungare il tessuto fuori posto. Ciò può causare disagio. Un aumento degli estrogeni può anche alimentare la crescita dell’endometrio.

La tua esperienza durante la gravidanza può essere molto diversa da quella di altre donne in gravidanza con endometriosi. La gravità della tua condizione, la produzione di ormoni del tuo corpo e il modo in cui il tuo corpo risponde alla gravidanza influenzeranno tutti i tuoi sentimenti.

Anche se i tuoi sintomi migliorano durante la gravidanza, riprenderanno dopo la nascita del tuo bambino. L’allattamento al seno può ritardare la ricomparsa dei sintomi, ma una volta che le mestruazioni ritornano, è probabile che anche i sintomi tornino.

Rischi e complicazioni.

L’endometriosi può aumentare il rischio di complicanze della gravidanza e del parto. Ciò può essere causato dall’infiammazione, dal danno strutturale all’utero e dalle influenze ormonali causate dall’endometriosi.

Aborto spontaneo.

Diversi studi hanno documentato che i tassi di aborto spontaneo sono più alti nelle donne con endometriosi rispetto alle donne senza la condizione. Questo vale anche per le donne con lieve endometriosi. Un’analisi retrospettiva ha concluso che le donne con endometriosi avevano una probabilità del 35,8% di aborto spontaneo rispetto al 22% delle donne senza il disturbo. Non c’è niente che tu o il tuo medico potete fare per impedire che si verifichi un aborto spontaneo, ma è importante riconoscere i segni in modo da poter cercare l’aiuto medico ed emotivo di cui potresti aver bisogno per riprenderti adeguatamente.

Se sei incinta da meno di 12 settimane, i sintomi di aborto sono simili a quelli di un periodo mestruale:

  • sanguinamento;
  • crampi;
  • lombalgia

Potresti anche notare il passaggio di alcuni tessuti.

I sintomi dopo 12 settimane sono per lo più gli stessi, ma sanguinamento, crampi e passaggio dei tessuti potrebbero essere più gravi.

Nascita pre-termine.

Secondo un’analisi di diversi studi, le donne incinte con endometriosi hanno 1,5 volte più probabilità di altre mamme in attesa di partorire prima delle 37 settimane di gestazione. Un bambino è considerato pretermine se nasce prima delle 37 settimane di gestazione.

I bambini nati prematuramente tendono ad avere un basso peso alla nascita e hanno maggiori probabilità di avere problemi di salute e di sviluppo.

I sintomi della nascita pretermine o del travaglio precoce includono:

  • Contrazioni regolari. Le contrazioni sono una contrazione intorno alla parte centrale, che può ferire o meno.
  • Cambiamenti nelle perdite vaginali. Può diventare sanguinante o la consistenza del muco.
  • Pressione nel bacino.

Se si verifica uno di questi sintomi è meglio consultare il medico di fiducia o il ginecologo.

Potrebbero essere in grado di somministrare farmaci per interrompere il travaglio o rafforzare lo sviluppo del tuo bambino se la nascita è imminente.

Placenta previa.

Durante la gravidanza, il tuo utero svilupperà una placenta. La placenta è la struttura che fornisce ossigeno e nutrimento al tuo feto in crescita. Normalmente si attacca alla parte superiore o laterale dell’utero. In alcune donne, la placenta si attacca al fondo dell’utero all’apertura della cervice. Questo è noto come placenta previa.

La placenta previa aumenta il rischio di rottura della placenta durante il travaglio. Una placenta rotta può causare gravi emorragie e mettere in pericolo te e il tuo bambino.

Le donne con endometriosi possono essere ad aumentato rischio per questa condizione pericolosa per la vita. Il sintomo principale è il sanguinamento vaginale rosso vivo. Se l’emorragia è minima, ti potrebbe essere consigliato di limitare le tue attività, inclusi il sesso e l’esercizio. Se il sanguinamento è abbondante, potrebbe essere necessaria una trasfusione di sangue e un taglio cesareo di emergenza.

Trattamento.

La chirurgia e la terapia ormonale, i trattamenti standard per l’endometriosi, sono generalmente sconsigliati alle donne in gravidanza.

Gli antidolorifici da banco possono aiutare a ridurre il disagio dell’endometriosi, ma è importante chiedere al medico quali possono essere tranquillamente usati durante la gravidanza e per quanto tempo.

Alcune misure di auto-aiuto includono:

fare bagni caldi
mangiare cibi ricchi di fibre per ridurre il rischio di stitichezza
camminare dolcemente o fare yoga prenatale per allungare la schiena e alleviare il mal di schiena correlato all’endometriosi

In evidenza.

Rimanere incinta e avere un bambino sano sono possibili e comuni con l’endometriosi. Avere l’endometriosi può rendere più difficile il concepimento rispetto alle donne senza questa condizione. Può anche aumentare il rischio di gravi complicazioni della gravidanza. Le donne incinte con questa condizione sono considerate ad alto rischio. Dovresti aspettarti di avere un monitoraggio più frequente e attento durante le tue gravidanze in modo che il tuo medico possa identificare rapidamente eventuali complicazioni se si verificano.

Leggi anche:

Placenta Accreta: sintomi e trattamento.

2 COMMENTS

Comments are closed.