Pubblicità

Emergenza Coronavirus. Presentiamo in anteprima il Report dei Pazienti deceduti nelle RSA e strutture per anziani e disabili dell’Emilia Romagna.

Il Report, aggiornato all’11 maggio 2020, contiene i dati sulla diffusione del COVID-19 in tutte le strutture socio-sanitarie e socio assistenziali per anziani e disabili presenti sul territorio regionale dell’Emilia Romagna.

Spesso in queste strutture lavorano Medici, Infermieri, Operatori Socio Sanitari, Fisioterapisti, Educatori Professionali, Animatori, Psicologi, Tecnici di varia natura che operano con contratti a tempo (magari assunti da Cooperative e Agenzie interinali affini a questo o quel gruppo di potere politico). Molti di loro si sono ammalati, altri sono deceduti nel quasi totale silenzio delle Istituzioni competenti.

Oggi l’Emilia Romagna presenta, seppure in sordina, il Report sui decessi e sulle infezioni.

In particolare sono state osservate:

  • Case-residenza per anziani non autosufficienti – CRA;
  • Case di riposo e comunità alloggio per anziani;
  • Centri socio-riabilitativi residenziali per disabili – CSRR;
  • Case famiglia e gruppi appartamento per anziani e disabili.

Tutte le informazioni sono trasmesse settimanalmente dalle Aziende USL, secondo un tracciato predefinito.

In particolare, per ogni struttura l’Ausl comunica gli Ospiti con diagnosi di COVID-19 a seguito di tampone (COVID+) distinti per tipologia di trattamento/esito (ricovero ospedaliero, isolamento in struttura, decesso, guarigione), gli ospiti senza diagnosi di COVID-19 in isolamento in struttura in via precauzionale e altre informazioni non oggetto di questo report.

I dati sono raccapriccianti e fanno pensare ad una seria riorganizzazione della gestione e delle dirigenze di queste strutture dove sono morti centinaia di ospiti in Regione e migliaia in Italia.

Scarica il: Report strutture residenziali 11-05-2020