histats.com
giovedì, Maggio 13, 2021
Pubblicità
HomePazientiPatologieAttacco Ischemico Transitorio: cause, sintomi e trattamento.

Attacco Ischemico Transitorio: cause, sintomi e trattamento.

Un attacco ischemico transitorio (TIA) è un periodo temporaneo di sintomi simili a quelli di un ictus. Un TIA di solito dura solo pochi minuti e non causa danni permanenti.

Spesso il TIA è chiamato anche mini-stroke. In ogni caso un attacco ischemico transitorio può essere un avvertimento. Circa 1 persona su 3 che ha un attacco ischemico transitorio alla fine avrà un ictus, e circa la metà si verificherà entro un anno dall’attacco ischemico transitorio.

Un attacco ischemico transitorio può servire sia come avvertimento di un ictus futuro sia come opportunità per prevenirlo.

Segni e Sintomi.

Gli attacchi ischemici transitori di solito durano pochi minuti. La maggior parte dei segni e dei sintomi scompaiono entro un’ora, anche se raramente i sintomi possono durare fino a 24 ore. I segni ei sintomi di un TIA assomigliano a quelli riscontrati all’inizio di un ictus e possono includere l’insorgenza improvvisa di:

Debolezza, intorpidimento o paralisi del viso, del braccio o della gamba, tipicamente su un lato del corpo
Discorso confuso o incomprensibile o difficoltà a comprendere gli altri
Cecità in uno o entrambi gli occhi o visione doppia
Vertigini o perdita di equilibrio o coordinazione

Potresti avere più di un TIA e i segni e sintomi ricorrenti possono essere simili o diversi a seconda dell’area del cervello coinvolta.

Cause.

Un attacco ischemico transitorio ha le stesse origini di un ictus ischemico, il tipo più comune di ictus. In un ictus ischemico, un coagulo blocca l’afflusso di sangue a una parte del cervello. In un attacco ischemico transitorio, a differenza di un ictus, il blocco è breve e non vi è alcun danno permanente.

La causa alla base di un TIA è spesso un accumulo di depositi di grasso contenenti colesterolo chiamati placche (aterosclerosi) in un’arteria o in uno dei suoi rami che fornisce ossigeno e sostanze nutritive al cervello.

Le placche possono diminuire il flusso sanguigno attraverso un’arteria o portare allo sviluppo di un coagulo. Anche un coagulo di sangue che si sposta verso un’arteria che alimenta il cervello da un’altra parte del corpo, più comunemente dal cuore, può causare un TIA.

Fattori di rischio.

Alcuni fattori di rischio per un attacco ischemico transitorio e ictus non possono essere modificati. Altri che puoi controllare.

Fattori di rischio che non puoi modificare.

Non è possibile modificare i seguenti fattori di rischio per un attacco ischemico transitorio e ictus. Ma sapere di essere a rischio può motivarti a cambiare il tuo stile di vita per ridurre altri rischi.

Storia famigliare. Il tuo rischio potrebbe essere maggiore se uno dei tuoi familiari ha avuto un TIA o un ictus.

Età. Il tuo rischio aumenta con l’avanzare dell’età, soprattutto dopo i 55 anni.

Sesso. Gli uomini hanno un rischio leggermente più elevato di un TIA e di un ictus. Ma con l’avanzare dell’età, il rischio di un ictus aumenta.

Precedente attacco ischemico transitorio. Se hai avuto uno o più TIA, è molto più probabile che tu abbia un ictus.
Anemia falciforme. L’ictus è una complicanza frequente dell’anemia falciforme. Un altro nome per questa malattia ereditaria è l’anemia falciforme. I globuli a forma di falce trasportano meno ossigeno e tendono anche a rimanere bloccati nelle pareti delle arterie, ostacolando il flusso sanguigno al cervello. Tuttavia, con un trattamento adeguato dell’anemia falciforme, è possibile ridurre il rischio di un ictus.

Fattori di rischio che puoi controllare.

Puoi controllare o trattare una serie di fattori, comprese determinate condizioni di salute e scelte di vita, che aumentano il rischio di un ictus. Avere uno o più di questi fattori di rischio non significa che avrai un ictus, ma il tuo rischio aumenta se ne hai due o più.

Condizioni di salute.

Alta pressione sanguigna. Il rischio di un ictus inizia ad aumentare con letture della pressione sanguigna superiori a 140/90 millimetri di mercurio (mm Hg). Il tuo medico ti aiuterà a decidere un target di pressione sanguigna in base alla tua età, se hai il diabete e altri fattori.

Colesterolo alto. Mangiare meno colesterolo e grassi, in particolare grassi saturi e grassi trans, può ridurre le placche nelle arterie. Se non riesci a controllare il colesterolo solo attraverso i cambiamenti nella dieta, il medico può prescriverti una statina o un altro tipo di farmaco per abbassare il colesterolo.

Malattia cardiovascolare. Ciò include insufficienza cardiaca, un difetto cardiaco, un’infezione cardiaca o un ritmo cardiaco anormale.

Malattia dell’arteria carotide. I vasi sanguigni del collo che portano al cervello si ostruiscono.

Malattia delle arterie periferiche (PAD). I vasi sanguigni che portano il sangue alle braccia e alle gambe si intasano.

Diabete. Il diabete aumenta la gravità dell’aterosclerosi – restringimento delle arterie dovuto all’accumulo di depositi di grasso – e la velocità con cui si sviluppa.

Alti livelli di omocisteina. Livelli elevati di questo amminoacido nel sangue possono causare l’ispessimento e la cicatrizzazione delle arterie, il che le rende più suscettibili ai coaguli.

Peso in eccesso. L’obesità, in particolare il trasporto di peso extra nella zona addominale, aumenta il rischio di ictus sia negli uomini che nelle donne.

Importante è lo stile di vita corretto.

Fumare sigarette. Smetti di fumare per ridurre il rischio di un TIA e di un ictus. Il fumo aumenta il rischio di coaguli di sangue, aumenta la pressione sanguigna e contribuisce allo sviluppo di depositi di grasso contenenti colesterolo nelle arterie (aterosclerosi).

Inattività fisica. Impegnarsi in 30 minuti di esercizio a intensità moderata quasi tutti i giorni aiuta a ridurre il rischio.

Cattiva alimentazione. Ridurre l’assunzione di grassi e sale riduce il rischio di un TIA e di un ictus.
Bere pesantemente. Se bevi alcolici, limitati a non più di due drink al giorno se sei un uomo e un drink al giorno se sei una donna.

Uso di droghe illecite. Evita la cocaina e altre droghe illecite.

Prevenzione.

Conoscere i propri fattori di rischio e vivere in modo sano sono le cose migliori che puoi fare per prevenire un TIA. In uno stile di vita sano sono inclusi controlli medici regolari.

Anche:

Non fumare. Smettere di fumare riduce il rischio di un TIA o di un ictus.

Limita il colesterolo e i grassi. Ridurre il colesterolo e i grassi, in particolare i grassi saturi e i grassi trans, nella dieta può ridurre l’accumulo di placche nelle arterie.

Mangia molta frutta e verdura. Questi alimenti contengono sostanze nutritive come potassio, acido folico e antiossidanti, che possono proteggere da un TIA o da un ictus.

Limita il sodio. Se hai la pressione alta, evitare cibi salati e non aggiungere sale al cibo può ridurre la pressione sanguigna. Evitare il sale potrebbe non prevenire l’ipertensione, ma l’eccesso di sodio può aumentare la pressione sanguigna nelle persone sensibili al sodio.

Fare esercizio regolarmente. Se hai la pressione alta, l’esercizio fisico regolare è uno dei pochi modi in cui puoi abbassare la pressione sanguigna senza farmaci.

Limita l’assunzione di alcol. Bere alcol con moderazione, se non del tutto. Il limite consigliato è non più di una bevanda al giorno per le donne e due al giorno per gli uomini.

Mantieni un peso sano. Il sovrappeso contribuisce ad altri fattori di rischio, come l’ipertensione, le malattie cardiovascolari e il diabete. Perdere peso con la dieta e l’esercizio fisico può abbassare la pressione sanguigna e migliorare i livelli di colesterolo.

Non usare droghe illecite. I farmaci come la cocaina sono associati a un aumentato rischio di TIA o ictus.

Controlla il diabete. Puoi gestire il diabete e l’ipertensione con dieta, esercizio fisico, controllo del peso e, se necessario, farmaci.

Leggi anche:

Attacco Ischiemico Transitorio (TIA): quando l’ischemia cerebrale è improvvisa e regredisce dopo pochi minuti.

Redazione AssoCareNews.it
Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

2 Commenti

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394