histats.com
lunedì, Dicembre 6, 2021
Pubblicità
HomePazientiAlimentazioneBirra: studio conferma il potere antidolorifico, migliore della tachipirina!

Birra: studio conferma il potere antidolorifico, migliore della tachipirina!

La birra, bevanda amata a tavola o con gli amici è anche un potente analgesico. Adesso uno studio lo conferma!

Labirra? È un potente antidolorifico e adesso lo conferma anche uno studio pubblicato su The Journal of Pain.

Bastano due bicchieri di birra per avere un effetto maggiore del paracetamolo.

Lo studio è stato realizzato dall’Università di Greenwich dove un team di ricercatori ha scoperto come una pinta sia in grado di agire contro il dolore. Se si innalza il contenuto di alcol presente nel sangue dello 0,08 per cento, il corpo in questo modo aumenterà la soglia del dolore, riducendo l’intensità di quello che viene percepito.

“I risultati” hanno svelato gli scienziati “suggeriscono che l’alcool è un analgesico efficace che fornisce riduzioni clinicamente significative nei punteggi di intensità del dolore. Questo potrebbe spiegare l’abuso di alcol in coloro che hanno un dolore persistente, nonostante le potenziali conseguenze per la salute a lungo termine”.

Ma come fa la birra ad agire come un medicinale?

Per ora gli scienziati non hanno ancora trovato una risposta. Secondo le prime ipotesi l’alcol colpirebbe i recettori del cervello, ma è anche probabile che sia in grado di rilassare e abbassare la tensione.

“L’alcol può essere paragonato con farmaci oppiacei come la codeina e l’effetto è più potente del paracetamolo” ha spiegato Trevor Thompson, professore dell’Università di Greenwich di Londra.

Gli esperti tuttavia hanno ribadito come i risultati dello studio non abbiano come obiettivo quello di dimostrare che la l’alcol fa bene alla salute, ribadendo come il suo consumo a lungo termine sia sempre dannoso. Nonostante ciò da tempo la scienza ha svelato gli effetti positivi della birra.

Questa bevanda  infatti farebbe bene ai reni, aiutando ad incrementare il colesterolo buono e riducendo il rischio di attacco cardiaco del 30%. Non solo! Come riportato su supereva.it, consentirebbe anche di diminuire l’osteoporosi e di migliorare la circolazione, rendendo le arterie molto più flessibili. Come sempre il segreto è un consumo moderato e soprattutto responsabile.

Fonte: The Journal of Pain

Comitato di Redazione
Servizio Redazionale.
RELATED ARTICLES

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394