Pubblicità

La storia di Vito, Infermiere, sembra inventata di sana pianta, eppure è tutto vero: “anche io per un cambio alla pari ho pagato 5000 euro ad un Dirigente sindacale”.

Carissimo Direttore di AssoCareNews.it,

sono un Infermiere di origini campane che vive e lavora in un noto ospedale del Sud. Qualche anno fa sono riuscito a concludere un cambio alla pari con un collega che dalla Puglia voleva trasferirsi per motivi personali in Lombardia. 

Anche io, come denunciato da altri colleghi su questo giornale, ho pagato 5000 per l’apporto di un Dirigente Sindacale, per giunta molto noto per il suo “attivismo” a favore dei lavoratori.

E’ stato l’investimento più azzeccato che abbia mai potuto fare in vita mia. Si lo so magari il cambio riuscivo a farlo da solo, ma vi assicuro che al Sud non tutto è poi così scontato.

Per non avere problemi ho chiesto l’apporto di questo noto sindacalista che, di contro, mi ha chiesto cash 5000 euro. A suo dire erano necessari per “oliare il sistema”, ma non ho mai capito a chi o a cosa si riferisse.

Fatto sta, dopo 13 anni di Lombardia sono riuscito a tornare nel Meridione d’Italia. Certo non sono nella mia Campania, ma prima o poi riuscirò a tornare a casa. Almeno sono al Sud, sono tra terroni come me, sono tra gente che mi capisce e che soprattutto non va mai di fretta. E si perché il problema di vivere al Nord è anche la frenetici della vita, lassù si invecchia prima che qui da noi.

Continuate ad informarci con la vostra irriverenza, noi lettori continueremo a sostenervi con i nostri clic!

Grazie per tutto quello che fate.

Vito, Infermiere

Leggi anche:

Erika, Infermiera: “ho pagato 5000 euro per un Comando di cui non ho usufruito, la mia azienda ha rifiutato nulla osta”.

Agata, Infermiera: “ho una figlia disabile, un Assistente Sociale mi ha estorto 9000 euro per un Comando durato solo 6 mesi”.

Erika, Infermiera: “per un cambio alla pari mi hanno chiesto 5000 euro; ho rifiutato, mi sembrava una truffa”.

1 COMMENT

Comments are closed.