bollettino coronavirus rossana santa oss infermiera covid bollettino coronavirus
Pubblicità

Santa, Operatrice Socio Sanitaria: La notte siamo costrette a stare 11 ore nella tuta con il pannolone. E’ una vergogna.

Santa, Operatrice Socio Sanitaria, ci racconta uno spaccato già segnalato diverse volte in pochi giorni e da diverse zone italiane.

L’emergenza Covid è cruda e tra la disorganizzazione di molte realtà e la carenza di personale, acuita dalle tante malattie di colleghi contagiati, non è per niente un buon momento per lavorare in sanità.

Ecco la sua storia.

“Gentile redazione di AssoCareNews.it,

il mio sindacalista mi ha detto di scrivere anche a Voi una cosa folle che sta accadendo.

In reparto Covid da me (medicina B ma pare ormai una subintensiva) abbiamo mancanza di OSS e Infermieri. Alcuni sono stati spostati in terapia intensiva, altri in pronto soccorso e noi abbiamo alcune malattie.

Per affrontare il problema la coordinatrice ci ha diminuito il personale in turno e da alcuni giorni siamo in 2 OSS la notte con 18 pazienti positivi.

Insomma, tra giri letti, posizionamenti e rifornimenti, siamo costretti la notte a stare 11 ore nella tuta (se tutto va bene potremmo togliercela per 30-45 minuti ma abbiamo poche tute e non conviene).

Anche perchè nelle tute è tutto più lento e le manovre impiegano molti minuti ed essendo molti anziani ed i giovani molto sofferenti, ricade tutto su di noi.

L’infermiere non ha tempo, sommerso di altre cose da fare.

Questo vuol dire però tenere il pannolone.

Non è un problema solo di noi OSS donne, anche i colleghi uomini hanno difficoltà.

Abbiamo fatto presente alla coordinatrice ma ci ha detto che meglio di così non riesce a fare. Quindi per ora stiamo così.

Nessuno vuol venire meno all’impegno che abbiamo verso i cittadini ma i nostri politici e dirigenti hanno perso tantissimo tempo in estate e autunno.

Probabilmente pensavano che Santa e le altre OSS avrebbero potuto tenere il pannolone 11 ore?

Sono mortificata, quando torno a casa sono distrutta.

Facciamoci forza.

Santa“.