Surgeon writing down some operation notes
Pubblicità

Marika, Infermiera Sala Operatoria, 32 anni si dice stressata: “la mia Coordinatrice Infermiera mi fa mobbing, forse perché sono figlia di un Medico”.

Carissimo Direttore di AssoCareNews.it,

il mio nome è Marika (nome di fantasia). Le scrivo brevemente per raccontarle la mia storia di mobbing perpetrato dalla mia Coordinatrice Infermieristica. Sto subendo angherie, rimproveri verbali e pressioni di ogni tipo, solo perché forse fono figlia di un noto Medico Chirurgo del mio ospedale.

La Coordinatrice tempo fa lavorava nel reparto di mio papà, in Ortopedia. Era una semplice Infermiera e da quello che so non ha avuto mai un feeling con mio padre.

Dei loro rapporti personali non so nulla, ma so che mio padre l’ha richiamata più volte per degli errori commessi su Pazienti appena operati.

La fortuna, o la sfortuna, ha voluto che io vincessi il Concorso per Infermieri proprio nella città dove lavora il mio congiunto. All’assunzione mi è stato proposta la sala operatoria in ambito pediatrico e ho subito accettato, anche perché mio padre lavorava e lavora ancora in ambito Ortopedico, quindi lontano da me da da possibili equivoci, invidie e cose simili da parte dei colleghi.

Da un paio di mesi si è scatenato l’inferno, con il ritorno della Coordinatrice Infermieristica da un lungo periodo di malattia. Ha iniziato praticamente a rimproverarmi per qualsiasi cosa, nulla le sta bene di quello che faccio. Addirittura mi cambia i turni a piacimento, spostandomi i riposi e rifiutandomi ferie e permessi.

Io non ce la faccio più, sono stanca, mi sento inutile, ogni volta che entro al lavoro ho le palpitazioni e scappo via non appena finito. Non resto più a scherzare e a confrontarmi con i colleghi, mi sono isolata. Ho paura di tutto e sto iniziando anche a sbagliare sul lavoro.

I colleghi Infermieri e i Medici si sono accorti di qualcosa che non va e ora vogliono reagire. Chi mi ripagherà però di tutte le notti passate in bianco e dell’ansia continua che non mi abbandona mai?

Buon lavoro Direttore.

Marika, Infermiera di sala operatoria