Pubblicità

Proposta di Legge “De Pilla”. La moglie di un Infermiere chiede incontro ufficiale al Governo e la Premier Giuseppe Conte: “ecco la mia ricetta per salvare la professione e i professionisti del settore”.

Fare una proposta di legge non rappresenta di certo una meta ma un punto di partenza. Dopo aver ricevuto numerosi consensi dai tanti professionisti sanitari che si trovano lontani da casa da ormai troppi anni, ho deciso di intraprendere questo percorso molto tortuoso ma sicuramente importante.

Pertanto, comunico ufficialmente di essermi attivata, con il supporto di altri professionisti, a contattare i principali esponenti del Governo in materia di Sanità nonché i Segretari Generali di tutti i sindacati. Nello specifico ho chiesto un incontro ufficiale al Presidente del Consiglio Prof. Giuseppe Conte, all’Onorevole Roberto Speranza Ministro della Sanità e alle Parti Sociali per poter discutere della proposta di legge che porta il mio cognome “DE PILLA” in tema di mobilità extraregionale, nulla osta definitivo, ricongiungimenti familiari e mobilità per le disabilità.

Non ho la pretesa di essere ascoltata né tanto meno di essere considerata nell’immediato ma credo che sia necessario insistere per avere un risultato.

Sul fronte mediatico vorrei innanzitutto ringraziare tutti quelli che stanno sostenendo la mia proposta con forza, sono pronti a lottare e a farsi sentire senza nessun indugio. In particolar modo ringrazio i sostenitori del Gruppo Facebook hashtag… gli infermieri vogliono tornare a casa e tutti coloro che hanno letto e condiviso il contenuto della lettera insieme alla proposta.

Insieme al gruppo di Lavoro stiamo elaborando un questionario semplice con pochi quesiti tale da supportare analiticamente la suddetta Proposta.

Chiedo ancora degli sforzi ulteriori da parte di tutti per andare avanti, scrivete anche voi, fatevi sentire, provate a contattare i vostri sindacati provinciali, ricordate sempre che l’unione fa la forza.

Dr.ssa Rossella De Pilla – Moglie di un Infermiere

Leggi anche:

Rossella, moglie di un Infermiere propone la propria Legge a Giuseppe Conte: “orgogliosi dei nostri eroi”.