Pubblicità

Dura lettera di protesta degli Infermieri idonei della graduatoria del Concorso dell’Azienda Ospedaliera “Annunziata” di Cosenza: “Il Ministro Roberto Speranza ci ha tolto la voglia di lottare introducendo il Madia-Bis”. Appello a tutti gli idonei nelle graduatorie del Sud, compresi OSS e Biologi.

Dopo 12 mesi dalla nascita della nostra graduatoria, tante aspettative e sogni vengono in parte infranti per noi infermieri idonei della graduatoria dell’A.O. Annunziata di Cosenza. Non pensavamo di dover lottare per un diritto acquisito col sacrificio e con l’onestà. L’emandamento per lo scorrimento delle graduatorie  e quello per la stabilizzazione dei precari a livello nazionale attraverso una proroga della legge Madia al 31/12/2019, infatti, non rende giustizia al nostro impegno , ne’ a quello delle migliaia di idonei ai concorsi di tutta Italia.

Come sancisce infatti l’art. 97 della nostra Costituzione per essere assunti a tempo indeterminato bisogna superare un concorso pubblico. Nonostante la delusione, riponiamo ancora speranza che in Calabria, ma anche in tutta Italia, venga resa giustizia e soprattutto che venga ripristinata la legalità, l’onestà e la meritocrazia.

L’interesse si è spostato infatti a livello nazionale perché non si tratta più soltanto di un fenomeno tutto calabrese, ma con l’emandamento sulla stabilizzazione dei precari, si vede coinvolto un esercito di idonei pronto a far valere i propri diritti.

Con questa lettera aperta vogliamo far sentire infatti la nostra vicinanza all’unica persona che nella nostra regione ha ancora voglia di lottare per cambiare la nostra amata Calabria, e l’unico che sostiene la causa degli IDONEI, il Consigliere regionale e Presidente della commissione antindrangheta, l’Onorevole Arturo Bova, a cui è indirizzata la nostra stima.

Giorno 18 Dicembre infatti presenzierà al Ministero insieme ad una delegazione di INFERMIERI, OSS E BIOLOGI IDONEI, con la speranza che il Ministro ci dia delle risposte, e trovi soluzioni giuste. Per questo motivo invitiamo l’Onorevole a non mollare mai perché noi siamo con lui !

Inoltre vogliamo fare un appello agli idonei di tutta Italia, ed in particolare a quelle regioni del sud Italia e a noi limitrofe, come la Campania o la Basilicata dove il fenomeno è molto più sentito, per dirgli che non siamo più soli, e che l’unione fa la forza. Noi siamo pronti infatti a far sentire la nostra voce con qualsiasi iniziativa che abbia il sapore di legalità!

Infermieri Idonei – Graduatoria A.O. “Annunziata” di Cosenza – Regione Calabria