histats.com

Infermieri, ecco perchè presto spariremo!

Infermieri, ecco perchè presto spariremo!

Riceviamo una lettera piuttosto cruda da parte di un nostro lettore che condivide il perchè gli Infermieri sono destinati a sparire, presto.

Gentile Redazione,

mi chiamo Andrea e sono un infermiere.

Lo sarò però per poche settimane, prima della pensione dopo 25 anni di lavoro in corsia. Già, perchè l’infermiere non è stato il primo lavoro ma una volta abbracciato non ho potuto farne a meno.

Se sulla mia carriera il sole è prossimo al tramonto completo, devo dire con dispiacere di trovare lo stesso sole morente sulla nostra professione. O meglio, la nostra professione è più florida che mai e raggiungerà risultati e mete impensabili già dieci anni fa, immaginatevi rispetto quando ho iniziato il mio primo tirocinio.

L’essere infermiere invece sta, traguardo dopo traguardo, spegnendosi.

E non è soltanto un discorso di turn over non adeguato sotto il punto di vista dell’amore per quel che si fa, colpa forse di una scelta di studio dettata dalle possibilità lavorative più che dalla voglia di andare a fare un determinato lavoro.

Vedo anche nelle persone mie coetanee un abbandono graduale della sfera passionale che da sempre ci ha contraddistinto dal medico.

Forse è davvero questo: nel voler sembrare sempre più professionisti al pari del medico, se ne è assimilato l’abbrutimento umano di taluni.

Perchè prima forse eravamo visti come figli di operai scampati alla fabbrica ma sapevamo riunirci intorno a una spaghettata durante il turno notturno. Adesso cosa siamo?

La crescita della professionalità è fondamentale. La ricerca. La specializzazione.

Cose in cui credo.

Ma nessun master, nessuna pubblicazione e nessuna linea guida saprà mai spiegarci quanto può unire un panettone aperto insieme a natale. Quanto davvero possa unire le persone che ci sono dentro queste auree di professionalità intonsa.

Spero di sbagliarmi, ma se non cambiamo rotta, l’infermiere non esisterà più.

****

Gentile Andrea,

il tuo monito pare piuttosto pessimistico ma alcuni spunti sono veramente interessanti. Anche noi abbiamo a volte sollevato questioni circa la direzione professionale, generando un dibattito che possiamo considerare positivo.

Oltre che per la tua condivisione di pensiero, vorrei davvero dirti grazie per la passione che trasmetti, elemento sempre prezioso.

I migliori auguri per il tuo meritato riposo, continua a seguirci su Assocarenews.it

Marco Tapinassi

vicedirettore AssoCareNews.it

Redazione

Servizio Redazionale.

© 2019-2020 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2019 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Bologna.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Giulia De Francesco, Giovanni Maria Scupola, Ivan Santoro, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Emilia Romagna: Viale Spadolini, 13 – Ravenna – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394