Infermiera torna a fare l’OSS: “se questa persona ha avuto dei problemi non vuol dire che ce li ha la professione”.

Codice Deontologico Infermieri: per AISTOM e FINCOPP ottimo lavoro!

Buongiorno Direttore,

leggo spesso le Vostre notizie, capisco che dobbiate scrivere sempre, ma l’apologia di una sconfitta personale di una Oss che è diventata infermiera e poi è tornata Operatrice Socio Sanitaria è una cosa personale che non dovrebbe essere esaltata.

Mai trovato un lavoro facile e senza problemi, quando inizi il percorso infermieristico non ti nascondono le problematiche, la responsabilità di un infermiera è molto elevata ma è anche uno stimolo a fare le cose con scienza e coscienza.

La signora che è tornata a fare la Oss dice che non ha mai avuto un grazie quando faceva l’infermiera, questo è solo un problema di rapporti personali solo suoi come il sentirsi ” subordinati al medico”.

Nessuno ti insegna come rapportarsi con gli altri e come rapportarsi con i medici.,

Mi presento, sono una vecchia infermiera che viene ancora dal Biennio 1976 -1978, che a tutt’oggi lavora ancora come infermiera presso una casa di riposo e che, per ora non ha nessuna intenzione di andare in pensione.

Non sono una stacanovista e le difficoltà lavorative ci sono state e ci sono, ma a me non manca e non è mai mancato un “grazie”.

Saluti.

Bruyere Maria Grazia, iscritta all’Ordine degli Infermieri di Bologna

* * *

Carissima Maria Grazia,

ti ringraziamo per il tuo contributo. Purtroppo come quotidiano dobbiamo dare spazio a tutti e ascoltare tutti i punti di vista. Pur se non d’accordo con la collega veneta, abbiamo deciso di dare spazio al suo sfogo. Faremo tesoro del tuo scritto. Continua a seguirci.

Angelo Riky Del Vecchio, direttore quotidiano sanitario AssoCareNews.it

Potrebbe interessarti...