infermiera pediatrica
Sapresti assistere piccoli pazienti con disturbi mentali?
Pubblicità

Spesso bistrattata, quasi sempre non tenuta in considerazione. Ecco la missiva di una collega infermiera pediatrica che non ce la fa più a sopportare.

Carissimo Direttore di AssoCareNews.it,

sono Sara (nome fittizio), ho da poco superato i 30 anni e da dieci anni lavoro in Liguria come Infermiera Pediatrica. Sono laureata anche in Infermieristica, ma pur avendo due lauree in materia mi sento continuamente bistrattata e messa da parte dall’equipe assistenziale che resta medico-centrica soprattutto in ambito pediatrico.

Quando ho scelto di fare l’Infermiera Pediatrica pensavo ad un futuro professionale più roseo, in realtà no è stato così. Almeno finora. Siamo una parte poco influente nell’ambito delle politiche infermieristiche, a livello nazionale ne siamo circa 11-12.000 contro i 430.000 Infermieri non pediatrici. Contano di più i militari e i colleghi inseriti nella Polizia di Stato che noi.

Faccio un esempio. La nostra coordinatrice non è una Infermiera Pediatrica, ma si è fatta assumere come Infermiera (anche lei ha la doppia Laurea), semplicemente perché nel nostro ospedale non è pensabile che un ruolo di coordinamento vada ad una professionista pediatrica.

Forse è solo una mia sensazione, forse è la realtà dei fatti, ma contiamo poco anche nelle scelte assistenziali di equipe. Da noi decidono tutto il Pediatra e il Chirurgo Pediatrico, un po’ meno i Neurologi e ancor meno gli Endocrinologi e gli Oncologi. Il medico-centrismo di 50 anni fa è tangibile in ogni situazione.

Molto spesso mi sento dire alle spalle, con tanto di sorrisini, “arrivano le oche”. E si perché in fondo ci considerano così, non siamo in grado di emergere. Pur studiando e studiando tanto non siamo in grado di farci valere. Forse è arrivato il momento di alzare la voce, ecco perché vi ho scritto. Vi chiedo solo di mantenere l’anonimato.

Mi scusi per lo sfogo. Buon lavoro.

Sara, Infermiera Pediatrica.

* * *

Carissima Sara,

come vedi abbiamo rispettato la tua volontà di rimanere anonima. Comprendiamo la sua visione della professione infermieristica pediatrica, ma non la condividiamo in quanto conosciamo tante colleghe e colleghi (perché ci sono anche gli Infermieri Pediatrici) che sono diventati Coordinatori Infermieri, Dirigenti Infermieri, Ricercatori, Presidenti e/o Dirigenti di Ordini Infermieristici Provinciali e Docenti Universitari. Per cui, conoscendo bene le dinamiche presenti nella sua struttura ospedaliera, tra le più note in Italia e nel mondo, le consiglio di ripensare alle sue parole, perché conosco più di una Infermiera Pediatrica che è bene inserita e addirittura ha ruoli di prestigio in equipe multidisciplinari anche di livello assistenziale avanzato. Anche la sua dirigente infermieristica è una Infermiera Pediatrica. Pertanto non mi avvilirei e lotterei per ottenere rispetto e considerazione da chi rispetto e considerazione non dà. Sul medico-centrismo, per finire, le dò ragione. Questo purtroppo è un “problema culturale” che si sta lentamente modificando col tempo. Continui a seguirci.

Angelo Riky Del Vecchio, Direttore quotidiano sanitario nazionale AssoCareNews.it