histats.com
giovedì, Dicembre 9, 2021
Pubblicità
HomeInfermieriGianni: Io infermiere aspetto la tredicesima per le bollette ed i regali...

Gianni: Io infermiere aspetto la tredicesima per le bollette ed i regali alle mie figlie. E’ umiliante.

Gianni, Infermiere ligure, ci scrive: E’ umiliante dover aspettare la tredicesima per fare regali e pagare bolletta del gas. Sono un professionista serio, non me lo merito!

Gianni, Infermiere ligure, ci scrive una lettera commovente. Costretto ad aspettare la tredicesima per comprare regali alle figlie e pagare le bollette.

“Gentili AssoCareNews.it,

vi scrivo perchè so che pubblicate la vita di noi poveri professionisti, umiliati dallo schifoso contratto che hanno firmato alcuni sindacati (sempre i soliti).

Oggi con la mia collega di turno ci siamo guardati negli occhi e abbiamo parlato del fatto che stavamo tutti aspettando tredicesima e stipendio.

Per cosa? Direbbe un lettore poco informato.

A questo lettore direi volentieri che noi infermieri (ma anche gli altri che lavorano in sanità) abbiamo uno stipendio che non tiene assolutamente conto di cosa valiamo e cosa siamo.

Io personalmente prendo una media di 1650. Che in tanti ambirebbero e capisco che questo non fa di me un povero. Lo so da solo.

Ma se ci metti tutte le spese e fai un conto della serva, ti accorgi che non garantisce dignità a nessuno.

Io e mia moglie, lei è oss in rsa, prendiamo assieme 2850-2900 al mese. Sono un sacco di soldi! Certo.

Poi ci metti il mutuo, le bollette, la macchina, l’assicurazione, il bollo, il cibo (stiamo sempre sui 500-600 al mese e siamo 4!!), le tasse varie, l’iscrizione a scuola + i libri + la mensa per le bambine, la pallavolo per una ed il basket per l’altra, il pediatra per i controlli e per quando si ammalano. Cosa rimane poi?

Giusto quelli che ci vengono puntualmente portati via da i vari guasti all’auto, alla caldaia, al forno oppure alle cose extra per le bambine (materiali per la scuola, qualche libro da leggere e qualche vestito visto che hanno 6 e 8 anni e crescono di mese in mese).

Io non compro un paio di jeans da un anno e mezzo. Per le vacanze estive prendiamo una casa con i miei suoceri in montagna, ma giusto per le bambine.

In tutto ciò io sono un professionista e mi viene chiesto di salvare vite e nel farlo anche di rinunciare a lavorare per bene perchè manca sempre qualcosa o qualcuno.

Quindi potrete capire quanto è umiliante aspettare la tredicesima sperando che il 21 siano puntuali perchè il 23 mi scade la bolletta del gas (180 euro perchè anche se io faccio la doccia a lavoro ogni volta che posso, alle mie figlie non posso dire di non farla o di stare al freddo per non accendere il riscaldamento). E ancora non ho preso i regali delle bambine anche se la letterina è stata scritta l’8 sera.

Sono un professionista serio, non me lo merito.

Scusate lo sfogo ma chi dice (come leggo a volte) che guadagnare 1500-1600-1700 è stare bene, sbaglia.

Stai bene se non hai mutuo, se non hai figli e se non hai l’auto.

Noialtri viviamo per crescere i figli e basta, e anche per fare quello facciamo salti mortali.

Grazie.

Gianni“.

Comitato di Redazione
Servizio Redazionale.
RELATED ARTICLES

2 Commenti

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394